Archive for the ‘Immigrazione’ Category

Migranti, accoglienza al palo. Collabora un Comune su otto

domenica, ottobre 22nd, 2017
francesco grignetti
roma

Tante lusinghe, promesse, anche qualche rampogna. Ma tutto sembra inutile. I Comuni continuano ad essere sordi rispetto alle attese del ministero dell’Interno quando si tratta di accogliere i rifugiati. Il sistema Sprar (Servizio protezione per richiedenti asilo e rifugiati) non decolla come speravano al Viminale. Sono soltanto 1017 i Comuni (sui 7978 d’Italia) che hanno aderito e ora garantiscono 31.400 posti. Tanti? Pochi? «E’ la solita questione – dice Matteo Biffoni, sindaco dem di Prato e delegato per i problemi dell’immigrazione dell’Anci – del bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto. Nello Sprar abbiamo cinquemila posti più di prima ed è un fatto innegabile. Poi, certo, se si partiva dall’aspettativa di raddoppiare i posti, siamo ancora lontani; se si partiva dall’aria che tira, è un successo».

 La partita non è ancora finita. È di ieri, per dire, a Catanzaro, una cerimonia alla presenza del ministro Marco Minniti che certifica come 194 Comuni calabresi abbiano aderito allo Sprar, quasi la metà in quella regione. Quella stessa Calabria dove la ’ndrangheta si era infiltrata nel centro di accoglienza di Isola Capo Rizzuto e aveva trasformato l’accoglienza in un suo business. «In materia di immigrazione – dice quindi il ministro – dobbiamo liberarci della pratica di interventi che rincorrono altri interventi. Solo così possiamo affrontare in maniera credibile la questione importante della paura».

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Gang africana colpisce ancora: nuove minacce al capotreno

venerdì, ottobre 20th, 2017

Prima il treno da Venezia, poi il supermercato. E infine di nuovo i vagoni. Si tratta dell’ennesimo episodio di violenza, dell’ennesimo treno in balìa della baby gang di nordafricani che da giorni tiene sotto scacco la linea tra Bassano del Grappa e Castelfranco Veneto.

Questa volta il gruppo di ragazzini violenti è composto da due nordafricani e una ragazzina romena. I fatti risalgono a mercoledì intorno alle 17, quando il controllore entra nel vagone in cui sono seduti i tre ragazzi. Il treno ha appena lasciato Bassano e, come normale che sia, il controllore chiede il biglietto ai tre giovani passeggeri. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Profughi, una miniera d’oro: centinaia di milioni spariti

domenica, ottobre 8th, 2017

Dove c’è accoglienza c’è truffa. Ai danni dello Stato e quindi dei cittadini. Il business dei migranti è ormai sotto la lente di ingrandimento della magistratura.

E non solo. L’indagine nei confronti del sindaco di Riace, osannato da tv, giornali progressisti e financo dal Papa, è solo la punta di un iceberg che troppo spesso ha portato alla luce illeciti. Dietro la facciata buonista dell’ospitalità a volte si cela il malaffare e la scarsa trasparenza. Non per nulla il Viminale nel maggio scorso ha disposto un piano di ispezioni in tutte le strutture: oltre duemila controlli per verificare il rispetto della legalità. E lo ha fatto all’indomani dell’inchiesta della procura di Catanzaro sul Cara di Isola Capo Rizzuto che ha portato al fermo di 68 persone e che ha messo in luce l’ipotesi che 36 milioni su 105 destinati dallo Stato all’accoglienza siano finiti nelle mani della ‘ndrangheta. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Migranti, allarme sbarchi dalla Tunisia: “Non riusciamo a rimpatriarli”

giovedì, ottobre 5th, 2017

dalla nostra inviata ALESSANDRA ZINITI

LAMPEDUSA – Dopo settimane passate a bivaccare tra i padiglioni dell’hotspot e a razziare bottiglie di alcolici e contanti in negozi e hotel dell’isola, alla vigilia delle celebrazioni del 3 ottobre li hanno stipati sulla nave norvegese Olympic Commander e li hanno sbarcati al porto di Messina. Con un foglio di via ma liberi. I più intraprendenti sono scesi tra due ali di polizia facendo il segno di vittoria per essere riusciti ad evitare il rimpatrio e si sono diretti verso la stazione. Hanno sette giorni di tempo per lasciare l’Italia ma, va da sé, nessuno lo farà e andranno ad ingrossare quell’ormai non più piccolo esercito di nuovi irregolari tunisini che, da due mesi a questa parte, sbarcano a ritmo quotidiano sulle coste della Sicilia. Almeno quattromila, numero per difetto, se si considera che più della metà di chi arriva sulla rotta Tunisia-Sicilia sparisce senza essere intercettato né a mare né a terra, non ha diritto a chiedere la protezione internazionale, è destinato all’espulsione ma sa di avere buone chance di non essere rimpatriato.

L’allarme lanciato due settimane fa dal nuovo sindaco di Lampedusa Salvatore Martello, e ribadito ieri dal primo cittadino di Pozzallo Roberto Ammatuna dopo l’ultimo sbarco, va ben al di là di un problema di ordine pubblico nei centri degli hotspot alle prese con le intemperanze di questi migranti, buona parte dei quali pregiudicati, alcuni scarcerati per un recente indulto, sicuramente destinati a non entrare mai nel circuito dell’accoglienza. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Ventimiglia, segretario Fdi-An aggredito da migranti ubriachi

mercoledì, ottobre 4th, 2017

Ventimiglia – Braccato in mezzo alla strada, mentre rincasa dal lavoro e aggredito da tre africani ubriachi, che prendono a calci e pugni la sua auto, una Nissan.

Uno di loro si taglia ad una mano e sporca di sangue lo specchietto retrovisore.

È accaduto, nella tarda serata di ieri, a Ventimiglia, in provincia di Imperia. Protagonista è il segretario cittadino di FdI-An, Francesco Galluccio, anche se l’aggressione sembra essere casuale ovvero non legata all’appartenenza politica. Nessun agguato, dunque, ma un semplice gesto di squilibrio che avrebbe potuto colpire chiunque. “Sono sceso dall’auto infuriato – racconta Galluccio – ma loro sono subito scappati. Mi chiedo cosa sarebbe potuto accadere, se alla guida ci fosse stata una donna o qualche anziano. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Sputi ai passeggeri e minacce: la furia dei nordafricani in treno

martedì, ottobre 3rd, 2017

Una gang di giovani nordafricani ha preso in ostaggio un intero treno bloccandolo per quasi un’ora alla stazione di Castello di Godego.

Insulti, sputi, minacce al capotreno. La storia, raccontata dalla Tribuna, è successa sabato scorso sul Regionale 5740 Venezia-Bassano del Grappa.

I vandali hanno svuotato un estintore e hanno inveito contro alcuni passeggeri fino a sputargli addosso.

Il treno era partito dalla stazione di Mestre alle 21.08 e sarebbe dovuto arrivare a Bassano alle 22.07, ma alla fine è giunto a destinazione solo alle 22.45. Tutta colpa dell’arrivo dei nordafricani che sono saliti a bordo alla stazione di Castelfranco con urla e strepiti. “Questo treno è nostro”, hanno urlato davanti a mamme e bambini spaventati. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Torna libero il 54enne fermato a Milano per tentata violenza sessuale: era solo un litigio

lunedì, ottobre 2nd, 2017

E’ tornato libero ieri sera l’uomo di origini sudamericane finito in cella sabato scorso con l’accusa di aver cercato di violentare una 21enne in auto a Quarto Oggiaro, dove sono intervenuti gli abitanti del quartiere milanese prendendo anche a sprangate l’auto. Il pm di turno, Sergio Spadaro, non ha chiesto la convalida del fermo né la misura cautelare per l’uomo, accusato di violenza sessuale e fermato dalla Polizia locale. L’uomo era stato fermato sabato scorso: quel mattino alcuni abitanti del quartiere di Quarto Oggiaro erano scesi in strada dopo essere stati svegliati dal suono di un clacson di un’auto dentro cui un uomo stava cercando di tenere ferma una ragazza. Di fronte alle urla della 21enne, seminuda, gli abitanti del quartiere hanno pensato a un tentativo di stupro e alcuni di loro hanno iniziato a prendere a sprangate la vettura. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Vincenzo De Luca: “Gli immigrati delinquono più degli italiani”

lunedì, ottobre 2nd, 2017

“Il Pd deve riavvicinarsi alle esigenze della gente e dire la verità sugli immigrati: anche loro delinquono e lo fanno più degli italiani. Dobbiamo dirlo anche nelle nostre riunioni interne”. Vincenzo De Luca, governatore della Campania, lo ha detto a chiare lettere alla festa del Pd di Castel Volturno, in provincia di Caserta. In questa occasione, riporta il Corriere della Sera, De Luca ha parlato della percezione di insicurezza da parte dei cittadini e della criminalità legata alla presenza di decine di migliaia di immigrati spesso senza lavoro o irregolari: (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Ue, un islamico su quattro non è integrato

domenica, ottobre 1st, 2017

Una situazione con luci e ombre, e non potrebbe essere altrimenti, quella dei musulmani che vivono nell’Unione europea.

Il 76% nutre un forte attaccamento verso il Paese dove abita, ovvero un islamico su quattro non si sente integrato; il 39% ha subito discriminazioni negli ultimi cinque anni, ovvero il 61% non ne ha subite; il 42% di chi è stato fermato dalla polizia negli ultimi mesi ha affermato che all’origine del controllo c’erano o il contesto migratorio o l’appartenenza a una minoranza etnica, ovvero il 58% è stato oggetto di un controllo a suo dire non dovuto a una scelta discriminatoria delle forze dell’ordine. E il 60% dei musulmani che sono stati arrestati negli ultimi cinque anni ha dichiarato di essere stato trattato con rispetto dai rappresenti della forza pubblica. E ancora: il 48% ha dichiarato che si sentirebbe perfettamente a suo agio nel caso un membro della sua famiglia sposasse una persona non musulmana, quindi il 52% avrebbe qualche problema ad accettare il matrimonio interreligioso di un suo parente. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Lucca, gli immigrati allontanati dal centro d’accoglienza fanno ricorso: vincono e ottengono anche un risarcimento

giovedì, settembre 28th, 2017

Il loro comportamento era stato deplorevole e per questo erano stati cacciati. Ma per i giudici gli immigrati devono ritornare nel centro di accoglienza e la Prefettura dovrà pagare 3.500 euro allo Stato. È così che il Tar, riporta il Tempo, mette la parola fine sulla vicenda che ha coinvolto alcuni stranieri ospiti di una struttura a Lucca ai quali era stata revocata l’ospitalità.

I fatti risalgono a maggio scorso quando a otto migranti, sei provenienti dalla Costa d’Avorio, uno dal Benin e uno dalla Nigeria, arriva la revoca della misura di accoglienza “per la loro mancata partecipazione alla riunione convocata per la sottoscrizione del regolamento della struttura ospitante, una cooperativa che gestisce centri di prima accoglienza a Lucca e Capannori”. La Prefettura aveva motivato la decisione anche con altri comportamenti giudicati inidonei. Un migrante, per esempio, “era stato segnalato dalla municipale come parcheggiatore abusivo, mentre altri erano stati richiamati in prefettura per aver introdotto alcol e persone non autorizzate nella struttura. (altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.