Bruxelles- La Commissione Ue avrebbe intenzione di approvare un progetto di legge per istituire un primo nucleo di polizia europea al fine di sorvegliare le frontiere comuni, trasformando il controverso controllo dei flussi migratori irregolari in una competenza sovranazionale. L’indiscrezione è stata data dal quotidiano spagnolo El Pais, il progetto di polizia europea di confine costituirà la parte fondamentale dell’ultimo discorso che l’attuale presidente della Commissione Ue, Jean-Claude Juncker, terrà sullo stato dell’Unione mercoledì prossimo a Strasburgo.

Nel progetto che ha in serbo Juncker è prevista una doppia blindatura dei confini europei, che agisca sia in termini di effetto barriera come deterrente per scoraggiare intrusioni di migranti economici (oggi un colabrodo, dal mare Egeo a Gibilterra), sia sul fronte Internet e social network, per scongiurare eventuali interferenze esterne all’Europa sui processi elettorali. Le iniziative di Bruxelles, che già fanno i conti con gli scenari in vista delle elezioni europee del maggio 2019, puntano a rassicurare una opinione pubblica sempre più insofferente di fronte all’indifferenza dei partner europei manifestata in questi anni mentre crescevano i flussi caotici e incontrollati di migranti nel Mediterraneo. (altro…)