Archive for the ‘Salute’ Category

Vaccini, secondo le stime 30mila i bambini ancora non in regola

venerdì, marzo 9th, 2018

I bambini sotto i sei anni che, alla scadenza del 10 marzo, potrebbero non essere in regola con la documentazione per le vaccinazioni, sarebbero addirittura 30mila. A sostenerlo è il past president della Società italiana di Igiene, Carlo Signorelli. Ma una volta scaduto il termine (prorogato a lunedì 12 marzo) per la presentazione dei certificati vaccinali, non è chiaro che cosa accadrà a chi non è in regola.

Sebbene la legge preveda l’esclusione da nidi e materne, infatti, tempi e modi sono regolati dalle regioni, ognuna delle quali lunedì si comporterà in modo diverso.

“Al momento – sottolinea comunque l’esperto – numeri certi non ce ne sono. L’unica base di partenza sono i 120mila in arretrato nelle coorti 2011-2015 calcolati dal ministero della Salute quando è stata approvata la legge. Di questi circa un terzo era già stato recuperato a ottobre 2017, e si può stimare che ancora circa 30mila non siano in regola. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Oms: in Europa nel 2017 +400% di casi di morbillo, 35 morti

martedì, febbraio 20th, 2018

In Europa nel 2017 il morbillo ha ucciso 35 persone e ne ha colpite 21.315, il 400% in più rispetto all’anno precedente quando era stato segnato un record al ribasso con “solo” 5.273 casi. Secondo l’ufficio europeo dell’Organizzazione mondiale della sanità sono 15 i Paesi teatro delle epidemie più consistenti: i primi tre in classifica sono stati Romania, Italia e Ucraina.

In Romania si sono registrati 5.562 casi, in Italia 5.006, mentre in Ucraina 4.767. Secondo gli esperti, a facilitare la diffusione del morbillo hanno contribuito molteplici fattori. Tra questi, il calo complessivo del tasso di copertura vaccinale, più consistente nelle fasce di popolazione più emarginate, l’interruzione nelle forniture vaccinali e il malfunzionamento dei sistemi di sorveglianza delle malattie. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Trapianti, sviluppati embrioni di pecora con cellule umane

martedì, febbraio 20th, 2018

VIOLA RITA e VALERIA PINI

PER LA PRIMA volta è stato creato in laboratorio un embrione ibrido uomo-pecora, in cui una cellula su 10.000 è umana. Si tratta di un passo avanti verso la realizzazione di organi xenogenici, organi umani coltivati all’interno di animali, per rispondere alla richiesta dei tanti in attesa di trapianto. Circa un anno fa era stato realizzato un embrione di uomo e maiale dallo stesso gruppo di ricerca, dove le cellule umane erano una su 100.000. A dare l’annunciogli scienziati dell’università della California Davis riuniti al meeting della American Association for the Advancement of Science di Austin, in Texas.

• LO STUDIO
L’ibrido è stato ottenuto introducendo cellule staminali adulte ‘riprogrammate’ nell’embrione di pecora, che poi è stato lasciato crescere per 28 giorni, il massimo per cui l’esperimento aveva ottenuto l’autorizzazione, di cui 21 nell’utero di un animale.

Nel periodo le cellule umane si sono riprodotte, spiega Pablo Ross, uno degli autori, anche se per arrivare alla possibilità di avere un intero organo serve un rapporto di uno a 100. Nella stessa presentazione i ricercatori hanno spiegato di essere riusciti ad ottenere embrioni di pecora e maiale privi del pancreas grazie alla tecnica Crispr di ‘copia e incolla’ del Dna, un passo ulteriore per far ‘ospitare’ agli animali gli organi umani. “Anche se c’è molto da lavorare – sottolinea il ricercatore – gli organi prodotti in queste chimere interspecie potrebbero un giorno costituire un modo per soddisfare la domanda di organi, trapiantando ad esempio un pancreas ibridizzato in un paziente”. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Ocse: Italia all’ultimo posto per i vaccini. Allarme morbillo

domenica, febbraio 18th, 2018

Un record di cui è meglio non andare fieri. Il nostro Paese è all’ultimo posto per i vaccini obbligatori in Europa.

Ma a preoccupare, secondo i dati Ocse, è soprattutto l’allarme morbillo, con un boom di contagi nel 2017: oltre 5mila casi (dei quali 4 mortali), un dato quasi sei volte superiore a quello registrato nel 2016 (843). Il tasso di vaccinazione dei bambini italiani contro difterite-tetano-pertosse nel 2015 si è attestato al 93%, livello che può apparire alto ma che comunque ci relega all’ultimo posto della zona, insieme all’Estonia. Irlanda, Olanda e Slovenia si fermano al 95%; Germania e Slovacchia stanno al 96%; Finlandia e Spagna al 97%; Austria, Portogallo e Francia al 98%; Belgio, Lussemburgo e Grecia al 99%. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Leucemia, per la prima volta in Italia bambino salvato dalla terapia genica

giovedì, febbraio 1st, 2018

di LETIZIA GABAGLIO e TINA SIMONIELLO

LA TECNOLOGIA CarT comincia a dare i suoi frutti. E sono risultati insperati per pazienti che fino a qualche mese fa non avevano possibilità di guarigione. Arrivano infatti oggi due notizie che confermano la validità di questo approccio avvenieristico contro alcuni tumori del sangue: l’Ospedale Bambino Gesù di Roma annuncia di aver trattato il suo primo paziente, un bambino di 4 anni malato di leucemia linfoblastica acuta, mentre in contemporanea sul New England Journal of Medicine vengono pubblicati i risultati a più lungo termine della tecnologia su 75 pazienti affetti dalla stessa malattia.

. CAR-T
Sperimentata per la prima volta con successo nel 2012, negli Stati Uniti, questa tecnologia è ora allo studio in diverse sperimentazioni in tutto il mondo, alcune delle quali hanno portato pochi mesi la Food and Drug Administration (FDA), l’agenzia del governo americano che si occupa di regolamentare i prodotti immessi nel mercato, ad approvare il primo farmaco a base di CAR-T sviluppato dall’industria farmaceutica.

Ma cosa sono le cellule CAR-T? Si tratta dei linfociti T degli stessi pazienti in cura, che una volta prelevati vengono modificati geneticamente in laboratorio utilizzando specifici virus che li forniscono di recettori diretti contro antigeni tumorali, e che di fatto ne potenziano sostanzialmente l’attività anticancro. Così rimaneggiate, le cellule T CAR (CAR sta per Chimeric antigen receptor) vengono re-infuse negli stessi pazienti da cui erano state prelevate.  (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Danni al Dna e tumori. Le sigarette elettroniche adesso fanno paura

martedì, gennaio 30th, 2018
paolo russo
roma
 

Doccia fredda per gli svapatori che credevano, sostituendo il vapore al fumo, di essere al riparo da tumori e malattie cardiache. Dopo aver esaminato su commissione del Congresso Usa 800 studi, gli esperti dell’Accademia americana delle scienze hanno sentenziato che le e-cig faranno anche meno male delle sigarette tradizionali, ma possono danneggiare il Dna, facendo aumentare il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e il cancro a polmone e vescica.

 «È una notizia che non rassicura perché non potendo valutare gli effetti a lungo termine dell’uso delle e-cig, da troppo poco tempo sul mercato, gli studiosi americani hanno utilizzato il metodo sperimentale di osservare eventuali modifiche del Dna che possano far presumere l’insorgenza di queste malattie», commenta Roberta Pacifici, Direttrice del centro farmaco e tossicodipendenze dell’Istituto superiore di sanità (Iss).

Effetti simili a quelli evidenziati sul Dna dei topi sono stati osservati in laboratorio anche sulle cellule umane di polmoni e vescica dove si è per la prima volta rilevato un maggior tasso di mutazione e trasformazione in cellule tumorali. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Prime due scimmie clonate con la stessa tecnica usata per Dolly

giovedì, gennaio 25th, 2018
Le due scimmiette clonate (Qiang Sun and Mu-ming Poo, Chinese Academy of Sciences ) Le due scimmiette clonate (Qiang Sun and Mu-ming Poo, Chinese Academy of Sciences )

Si chiamano Zhong Zhong e Hua Hua, le prime due scimmie al mondo clonate con la tecnica della pecora Dolly. La loro nascita è annunciata sulla rivista Cell dall’Istituto di neuroscienze dell’Accademia cinese delle scienze a Shanghai e apre alla possibilità di ridurre il numero di primati usati nella sperimentazione animale. La svolta arriva 19 anni dopo la prima clonazione di un primate, la femmina di macaco Tetra, ottenuta negli Stati Uniti con la scissione dell’embrione, una tecnica che imita il processo naturale all’origine dei gemelli identici.

Zhong Zhong e Hua Hua sono invece gli unici primati clonati con la tecnica di Dolly, cioè il trasferimento del nucleo di una cellula dell’individuo «da copiare» in un ovulo non fecondato e privato del suo nucleo. Finora ogni tentativo sulle scimmie era fallito perché i nuclei delle loro cellule differenziate contengono geni che impediscono lo sviluppo dell’embrione. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Telefoni cellulari e rischio di cancro, qual è la verità?

mercoledì, novembre 15th, 2017
 Recentemente una sentenza (di primo grado) emessa da un giudice del lavoro a Firenze ha condannato l’Inail a corrispondere una rendita da malattia professionale a un addetto alle vendite che per motivi di lavoro ha trascorso per oltre 10 anni 2-3 ore al giorno al telefono e al quale è stato diagnosticato un tumore benigno all’orecchio, un neurinoma del nervo acustico.D’altro canto diversi ampi studi scientifici non sono riusciti a individuare un legame certo fra telefoni cellulari e tumore al cervello.

Falsi miti e ragionevoli dubbi: 20 anni di ricerche

Dopo circa 20 anni di studi, in pratica, gli esperti hanno raccolto poche evidenze: i campi elettromagnetici sono stati inseriti nell’elenco dei «possibili cancerogeni», ma la maggior parte degli studi non ha dimostrato il nesso di causa-effetto tra telefonini e tumori. E, d’altro canto, non è stato registrato un aumento dei casi di tumore al cervello da quando i telefonini sono in commercio. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Nuova terapia genica: trasforma i linfociti in killer del cancro

giovedì, ottobre 19th, 2017

Dagli Stati Uniti arriva una grande rivoluzione che può realmente contribuire a sconfiggere il tumore.

La Food and Drug Administration ha, infatti, autorizzato una nuova classe di terapia genetica per trasformare le cellule del sistema immunitario (linfociti) del paziente in spietati killer del cancro. La terapia, chiamata “Yescarta” e prodotta dalla Kite Pharma, è stata autorizzata per gli adulti affetti da neoplasie maligne del tessuto linfatico (il linfoma non-Hodgkin) che sono già stati sottoposti ad almeno due trattamenti chemioterapici senza alcun beneficio. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Scadono i brevetti, arriva un’ondata di farmaci low cost

lunedì, ottobre 16th, 2017

di MICHELE BOCCI

L 2017 è l’anno d’oro dei generici e il 12 novembre sarà la sua data simbolo. Quel giorno scadrà il brevetto del Cialis, il blockbuster dei medicinali di fascia C, cioè con prescrizione ma a carico dei pazienti. Nessun’altra molecola di quella categoria incassa così tanto dagli italiani, circa 146 milioni l’anno. Il noto farmaco contro la disfunzione erettile è solo uno dei 13 che in questi mesi hanno visto o vedranno cadere i diritti legati al marchio, con conseguente calo del prezzo. Anti ipertensivi e anti colesterolo, farmaci contro l’osteoartrosi e l’ipertrofia prostatica benigna, oppure prodotti costosissimi dispensati solo in ospedale e altri ancora: il loro giro d’affari è di oltre un miliardo di euro, quasi completamente a carico del servizio sanitario nazionale visto che si tratta di medicinali rimborsati, in fascia A. La stima è che l’ingresso del generico abbatta i prezzi di circa il 60%. Il calcolo su quale sarà il risparmio è piuttosto facile: 600 milioni di euro.

Cialis è ormai da un pezzo il nome di uno dei farmaci più conosciuti, secondo come notorietà solo al Viagra, che per l’appunto affronta lo stesso problema di salute, anche se il primo ha un effetto di 36 ore contro le 4 del concorrente. Oggi in Italia se ne vendono circa 1,7 milioni di confezioni. (altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.