Archive for the ‘Cronaca’ Category

Blitz contro la mafia cinese in tutta Italia: oltre 50 indagati e 33 misure cautelari in carcere

giovedì, gennaio 18th, 2018

Blitz della Polizia contro la mafia cinese: centinaia di agenti stanno eseguendo in varie città italiane e di paesi dell’Unione Europea diverse ordinanze di custodia cautelare in carcere e una serie di provvedimenti nei confronti di soggetti appartenenti, secondo le indagini, ad un’organizzazione mafiosa che agiva in Italia e in vari paesi europei.

 Sono 33 le ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal Gip di Firenze nell’ambito dell’indagine della Polizia che ha consentito di sgominare un’organizzazione criminale appartenente alla mafia cinese.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Caso Bellomo, il racconto di una studentessa: “Usava le nostre fragilità, vivevamo nella paura”

mercoledì, gennaio 17th, 2018

Carla Pernice, 31 anni, di Messina, ex studentessa di “Diritto e scienza”, racconta la vita e il clima che si respirava nella scuola di magistratura diretta dall’ex consigliere di Stato accusato di aver imposto alle allieve tacchi alti e minigonne e prestazioni sessuali in cambio di borse di studio e viaggi pagati nelle trasferte da casa a una delle tre sedi a Roma, Milano e Napoli. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Napoli, cosi le baby gang pestano i clochard nella galleria Umberto

mercoledì, gennaio 17th, 2018

Napoli: violenza e ferocia nella Galleria Umberto dove le gang di giovanissimi si accaniscono contro i senzatetto. Nel video due aggressioni avvenute tra novembre e dicembre scorsi. Nella prima, un gruppo ragazzi si scaglia contro un clochard che dorme all’interno di un giaciglio di fortuna realizzato con alcuni scatoloni. Sono armati di spranghe con le quali picchiano violentemente contro il giaciglio. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Milano, tre operai morti intossicati dal gas. «L’allarme non è suonato»

mercoledì, gennaio 17th, 2018

Arrigo Barbieri, 57 anni, responsabile di produzione, è il primo a scendere le scalette. Lo segue Marco Santamaria, 42 anni, elettricista; indossa già i guanti blu da lavoro. Pochi gradini, che portano in un locale sotterraneo, quello profondo due metri che contiene il forno in cui si scalda l’acciaio. Arrigo e Marco, là sotto, nello spazio lungo il perimetro della fossa creato per consentire agli operai di muoversi, senza rendersene conto trovano l’aria infestata: satura di un qualche gas, che potrebbe essere azoto, e che riempie i loro polmoni già dai primi respiri, fa perdere i sensi e l’equilibrio. Giancarlo Barbieri, 61 anni, fratello di Arrigo, mette la testa dentro e si rende conto che sta succedendo qualcosa di brutto, e allora inizia a gridare: «Aiuto, correte qua».

Rating 3.00 out of 5

Milano, Fontana e il caso razza bianca: «Mi dolgo: espressione sbagliata»

mercoledì, gennaio 17th, 2018

«Ho usato un’espressione sbagliata e di questo mi dolgo»: Così Attilio Fontana, candidato presidente della Lombardia per il centrodestra, è tornato così a parlare delle polemiche per il suo uso dell’espressione «razza bianca» a Rtl 102.5. Si è trattata di «un’espressione infelice» ha ammesso, anche se «credo che questa immigrazione incontrollata rischi di creare gravi problemi in futuro al nostro Paese. Questo – ha aggiunto – è quello che volevo dire».

Rating 3.00 out of 5

Firenze, il presidente (Pd) del Quartiere centro: “Nessuno in questo paese ha fatto più di Mussolini in 20 anni”

lunedì, gennaio 15th, 2018

di LAURA MONTANARI

Commenta sulla bacheca di un amico: “Fatto salvo che Mussolini è la persona più lontano da me e dal mio modo di pensare, nessuno in questo Paese ha fatto, in quattro lustri, quello che ha fatto lui in vent’anni. E purtroppo a dircelo è la storia”. La frase, su Facebook, è di Maurizio Sguanci (Pd), presidente del Quartiere 1 a Firenze ed ex consigliere democratico durante il mandato da sindaco di Matteo Renzi.

Sguanci si era espresso in questo modo commentando sul social un post di un amico (Marco Nieri, vicino a Liberi e Uguali) sulla ‘riabilitazione’ di Mussolini da parte del sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, cosa che in queste ore sta facendo molto discutere. Nel commento, l’esponente dem ha scritto che il duce, “fatte salve tutte le peggiori nefandezze, fece anche: la riforma industriale, la riforma del lavoro, la riforma dei salari, introdusse la tredicesima, la riforma delle pensioni, della scuola, la riforma agraria, l’edilizia sociale, le varie bonifiche, rinnovato le linee ferroviarie. Eretto Università, istituti agrari, scuole di guerra aeree e navali e tante tante altre cose”. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Moro e «i fasti del 40ennale»: il post che fa litigare gli ex Br

lunedì, gennaio 15th, 2018

Brigatisti contro. A due mesi dall’anniversario di via Fani, 16 marzo 1978, il giorno del sequestro di Aldo Moro e dell’eccidio della sua scorta, compare un post su Facebook: «Chi mi ospita oltre confine per i fasti del 40ennale?». Il tono sembra ironico. Chi scrive, però, non è una persona qualunque: è Barbara Balzerani, l’ex «Primula Rossa» delle Br, che in via Fani quel giornoc’era, anche se non sparò.

Il post sul profilo Fb della Balzerani è del 9 gennaio e proprio ieri, poco prima d’essere cancellato, viene letto da un altro ex brigatista, Raimondo Etro, che reagisce male e scrive a sua volta una lettera aperta («Signora Barbara Balzerani, mi rivolgo a lei…») per «chiederle di tacere semplicemente in nome dell’umanità verso le vittime, inclusi quelli caduti tra noi…». La missiva viene inviata per conoscenza a poche altre persone, tra cui Giovanni Ricci, figlio di Domenico, l’appuntato dei carabinieri che in via Fani guidava l’auto dove viaggiava Aldo Moro e l’onorevole dem Gero Grassi, membro della commissione parlamentare d’inchiesta sul delitto Moro, che più tardi gli risponderà: «Grazie. Bravo!». (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Bagaglio a mano, Ryanair cambia da oggi le regole: ecco come

lunedì, gennaio 15th, 2018

Scattano da oggi le nuove regole sulle valigie sui voli di Ryanair, la più grande low cost d’Europa con 128,8 milioni di passeggeri nel 2017. Si chiude l’era del doppio bagaglio a mano: una volta all’imbarco il più ingombrante dovrà essere lasciato agli addetti per essere caricato in stiva senza costi aggiuntivi. Restano uguali le dimensioni massime sia per il più grande (55 cm x 40 cm x 20 cm, non più di 10 chili), sia per il più piccolo (35 cm x 20 cm x 20 cm). Ma mentre chi acquista l’«imbarco prioritario» (il cui costo parte da 5 euro a viaggiatore) potrà portarsi ancora il doppio bagaglio a bordo, tutti gli altri, a meno che non paghino il sovrapprezzo (da 30 a 60 euro) delle formule Plus, dovranno portare a bordo solo la borsa piccola e lasciare l’altra ai check-in per l’imbarco in stiva. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Nel Napoletano in dieci picchiano con una catena due coetanei per rubare il cellulare

domenica, gennaio 14th, 2018

Ennessima aggressione nel Napoletano ai danni di due minorenni. In dieci, armati di catena per rapinare uno smartphone: ennesimo raid di una baby gang a Pomigliano d’Arco. È accaduto nella tarda serata di sabato: vittime due studenti di 14 e 15 anni, circondati e picchiati dagli aggressori che li hanno derubati di un telefonino. Le vittime – medicate in ospedale e poi dimesse – si sono rivolte ai carabinieri che hanno identificato due degli aggressori, un 15enne e un 14enne, quest’ultimo non imputabile.

 

LEGGI – 15enne picchiato da un gruppo di coetanei. Indagini verso la svolta

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

“A Rigopiano ci hanno lasciato soli neanche fossero morte 29 bestie”

venerdì, gennaio 12th, 2018
Niccolò Zancan
inviato a farindola (pescara)

Un uomo con i pantaloni da soldato arriva ogni mattina davanti alle macerie. Cammina lungo la zona rossa, risalendo due curve fra gli alberi sradicati. Guarda passare i piccoli camion che iniziano le operazioni di sgombero: una lunga fila di sedie, travi, tegole, un vaso di cemento, un pezzo di ringhiera ricurvo. «La valigia di Marinella è ancora lì in mezzo», dice quell’uomo a bassa voce.

 Da quando hanno aperto la strada che porta al cancello dell’Hotel Rigopiano, non passa giorno senza che lui venga a pregare qui davanti. Il suo nome è Nicola Colangeli, ha 71 anni, è un padre.


(altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.