Archive for the ‘Cronaca’ Category

Biella, Ezio Greggio rifiuta la cittadinanza onoraria “per rispetto della Segre”

mercoledì, Novembre 20th, 2019

Gianni Carotenuto

“La tempistica della scelta di attribuire la cittadinanza onoraria a Ezio Greggio ha tutta l’aria di essere una provocazione”. È quanto scritto da Paolo Furia, segretario del Pd in Piemonte, per commentare la decisione con cui la giunta comunale di Biella ha concesso la cittadinanza onoraria all’attore e conduttore di Striscia la Notizia.

Niente di male, se non fosse che lo stesso titolo era stato negato poco tempo prima dal sindaco, il leghista Claudio Corradino, alla senatrice a vita Liliana Segre. Abbastanza per scatenare una feroce polemica politica, con i dem a puntare il dito contro il primo cittadino biellese e la giunta del capoluogo di provincia.

La cittadinanza onoraria a Greggio, come riporta il Comune di Biella, gli sarà conferita sabato 23 novembre. Decisione dettata dal profondo legame dell’attore con la città natale, Cossato, proprio in provincia di Biella. Nelle motivazioni ufficiali si legge: “Si conferisce a Ezio Greggio il titolo di cittadino onorario per la popolarità televisiva come conduttore, giornalista, attore e regista; per il suo costante impegno attraverso l’associazione ‘Ezio Greggio per i bambini prematuri’; per aver contribuito a diffondere in Italia e nel mondo il nome di Biella”. Ricevendo questo riconoscimento, il popolare showman si unisce a una ristretta cerchia di personalità del territorio che hanno dato lustro alla città piemontese, dallo stilista Nino Cerruti all’artista Michelangelo Pistoletto.

Rating 3.00 out of 5

Savona, Tir brucia in galleria sull’autostrada A10: 32 persone intossicate

martedì, Novembre 19th, 2019

Trentadue persone sono rimaste intossicate in un incendio scoppiato all’interno della galleria Fornaci tra Spotorno e Savona sull’autostrada A10. Per cause ancora da chiarire, un Tir ha preso fuoco  e il fumo sprigionatosi ha invaso il tunnel intossicando gli automobilisti rimasti intrappolati. Molte delle 32 persone intossicate erano a bordo di un autobus che si trovava subito dietro il Tir, il conducente del quale è uscito indenne dal rogo.

Rating 3.00 out of 5

Traffico di beni archeologici dalla Calabria, 23 misure cautelari

lunedì, Novembre 18th, 2019

Operazione dei carabinieri del Comando Tutela patrimonio culturale, diretta dalla Procura della Repubblica di Crotone, contro i presunti componenti di una holding criminale che gestiva un ingente traffico di beni archeologici. I reperti, provento di scavi clandestini in Calabria, venivano esportati illecitamente fuori dall’Italia. Eseguite 23 misure cautelari in Italia e all’estero.

Rating 3.00 out of 5

Auto fantasma, in Italia ne circolano 97.000: chi le usa e perché?

lunedì, Novembre 18th, 2019

di Milena Gabanelli e Alessio Ribaudo

È la sera del 22 Aprile a Napoli: una automobilista si ferma in una stazione di servizio, fa dieci euro di benzina e riparte, senza pagare. Il gestore prende il numero di targa e la denuncia. La polizia stradale indaga e scopre che quell’auto non apparteneva alla «ladra di carburante», ma era sotto sequestro amministrativo e affidata ad un’altra donna: la moglie dell’intestatario. Un pregiudicato, agli arresti domiciliari, che «sulla carta» ne aveva intestate altre 899. Gli agenti, oltre a denunciarlo per omessa custodia gli hanno consegnato un pacco di contravvenzioni arretrate per qualche migliaio di euro. Quattro mesi dopo, la procura di Milano scopre che un ventottenne ne aveva intestate 386. Cinque anni fa, sempre nel capoluogo lombardo, un record: un 34enne ne aveva 2.609. Tutti prestanome.

Rating 3.00 out of 5

Rivoluzione in aeroporto: controlli più veloci e tornano i liquidi nei bagagli a mano

sabato, Novembre 16th, 2019

di Alessia Cruciani

1 di 9

Processo in corso

Si potrebbero definire «rivoluzionarie» le numerose novità che sta preparando la Sea, la società che gestisce gli aeroporti di Malpensa e Linate. Ma, più che di rivoluzione, si tratta in effetti di un gradito ritorno al passato, a come si viaggiava prima degli attacchi dell’11 settembre 2001. Quelli che ebbero anche la conseguenza di stravolgere il trasporto aereo. Finalmente diventerà tutto più facile e più veloce. Potremo addirittura recuperare la comoda abitudine di infilare nel bagaglio a mano creme e liquidi superiori ai 100 ml senza doverli poi abbandonare ai controlli di sicurezza. Dove gli operatori non ci chiederanno più di tirare fuori dalle borse computer, tablet e smartphone. Nuove procedure, quindi, che taglieranno i tempi per raggiungere il gate ma non ridurranno la sicurezza che, al contrario, aumenta. Sembra uno scenario futuristico? La notizia migliore, invece, è che il processo è già iniziato e sarà completato a breve

2 di 9

Rating 3.00 out of 5

Venezia, viaggio sott’acqua nella «pancia» del Mose

sabato, Novembre 16th, 2019

di Alberto Zorzi shadow

VENEZIA Più zero e cinquanta. Meno tre e novanta. Meno otto e trenta. Meno dodici e settanta. La grezza scala in calcestruzzo sembra quasi una discesa agli inferi e a ogni pianerottolo viene indicata la quota di profondità. Bocca di porto di Lido, lato Treporti. Siamo nella «pancia» di uno dei tanti cassoni di calcestruzzo, da anni sono posati sul fondale della laguna, proprio lì dove inizia il mare. Sopra la testa abbiamo 80 centimetri di solaio, poi 6 metri di acqua, cioè la profondità del canale da questa parte, che è la più «bassa» del Mose: sul lato di San Nicolò, nella schiera di 20 barriere oltre l’isola artificiale, la quota di canale è a meno 12 per poter far arrivare le navi, comprese quelle da crociera. La scala finisce e si apre un tunnel lungo quasi mezzo chilometro. Sono i nove cassoni – sette di alloggiamento, due di spalla – posati uno in fianco all’altro e poi uniti in un’unica galleria. Facciamo un passo e dall’alto ci arriva in testa dell’acqua: è la pioggia e alzando la testa si vede il cielo grigio attraverso un cavedio. «Questa parte andrà chiusa quando verrà finito l’impianto di condizionamento», spiegano i tecnici.

Rating 3.00 out of 5

Napoli, teneva segregati 43 operai in nero: arrestato un imprenditore

sabato, Novembre 16th, 2019

Un imprenditore di Melito di Napoli è stato arrestato dai Carabinieri con l’accusa di sfruttamento del lavoro, sequestro di persona e intermediazione illecita. L’uomo, per aggirare i controlli, teneva segregati 43 operai in nero, tutti italiani, tra i quali una donna incinta e due minorenni, per ben sei ore in un locale angusto, privo di servizi igienici e finestre. La struttura si celava dietro una sorta di porta blindata.

I militari hanno sequestrato il laboratorio, dove si lavoravano pellami per note griffe di moda. All’interno si trovavano attrezzature per circa 2,5 milioni di euro: i carabinieri hanno dunque comminato sanzioni per 600mila euro. “Ho sbagliato”, ha dichiarato l’imprenditore agli investigatori. L’arresto ai domiciliari è stato chiesto dalla Procura di Napoli Nord e convalidato dal gip.

Rating 3.00 out of 5

Pneumatici invernali, domani scatta l’obbligo. Cosa c’è da sapere regione per regione

giovedì, Novembre 14th, 2019

di FRANCESCO FORNI

Pneumatico invernale

Roma, 14 novembre 2019 – Il Generale Inverno non è ancora alle porte, ma la stagione è cambiata. E soprattutto dal 15 novembre scatta, ove previsto, l’obbligo di dotarsi dell’equipaggiamento invernale. Catene o gomme da neve che siano. A deciderlo, su strade e autostrade, è l’Ente gestore che lo prevede con specifica ordinanza.

Pneumatici invernali, le ordinanze 2019-20 regione per regione

Rating 3.00 out of 5

Venezia allagata, nuovo picco domani. Conte: “5mila euro ai privati, 20mila a esercenti”

giovedì, Novembre 14th, 2019

Venezia, 14 novembre 2019 – L’acqua alta ha concesso una piccola tregua alla città di Venezia durante la seconda notte di allarme rosso. Dopo la parziale tranquillità di oggi, con il livello sceso a 113 centimetri, le previsioni del Centro Maree avvisano che per domani alle 11.20 è atteso un picco di 145 centimetri, ossia più della soglia di allarme di 140 centimetri oltre la quale si allaga il 90% della superficie della città. Poi dovrebbe scendere in serata, per risalire il giorno dopo, sabato 16 novembre, a un livello massimo di 110 centimetri. Nuova allerta nella notte tra sabato e domenica, quando la marea dovrebbe risalire a 125 centimetri. Le preoccupazioni meteo per domani tengono conto, spiegano gli esperti, del combinato disposto tra alta marea, il vento di scirocco che dovrebbe alzarsi e, paradossalmente, del clima mite e caldo che è sbocciato sul Veneto, che favorirà lo scioglimento dei ghiacciai e il conseguente riversamento di ulteriore acqua in mare.

Conte a Venezia 

Cos’è il Mose e perché non funziona 

Stamane il presidente del Consiglio Conte – arrivato in Laguna nel tardo pomeriggio di ieri – è tornato in prefettura a Venezia, con il ministro delle Infrastrutture Paola De Micheli, per una nuova riunione. “Ovunque ci sono situazioni drammatiche, noi ci siamo – ha detto prima di incontrare l’edicolante della zona delle Zattere la cui edicola è stata inghiottita dalla laguna. Dopo la riunione con prefetto, sindaco, presidente della regione e capo della protezione civile, in programma un sopralluogo nell’isola di Pellestrina, la più colpita, dove due persone sono morte mentre infuriava la mareggiata. All‘anziano di 78 anni, rimasto fulminato mentre cercava di far ripartire le elettropompe nella sua casa allagata, si è aggiunto un secondo abitante dell’isola, trovato deceduto anche lui in casa, probabilmente per cause naturali.

Rating 3.00 out of 5

Incidenti auto: le strade italiane più pericolose nel report Aci

giovedì, Novembre 14th, 2019

Settantasei incidenti su 100 avvengono nei centri abitati, 6 in autostrada e 18 su strade extraurbane: è quanto emerge dallo studio dell’Aci “Localizzazione degli incidenti stradali 2018”. La maggior densità di sinistri si registra sulle autostrade urbane: l’A24, il Raccordo di Reggio Calabria e la Tangenziale Nord di Milano. Per le extraurbane il triste primato va alla Statale 36 del Lago di Como e dello Spluga.

Maggior densità di sinistri sulle autostrade urbane Le autostrade urbane risultano quelle con la maggiore densità di incidenti a causa degli elevati flussi di traffico e della pluralità di mezzi diversi. Infatti la penetrazione urbana della A24 (12,9 incidenti/km), il Raccordo di Reggio Calabria (12,5 incidenti/km) e la Tangenziale Nord di Milano (nel tratto in provincia di Monza 10,3 incidenti/km) sono le strade sulle quali si verificano più incidenti, mentre per la rete autostradale la media nazionale è di 1,3 incidenti/km.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.