Archive for the ‘Politica’ Category

Salvini-Renzi: nel ring televisivo ha vinto il secondo, ma è una vittoria che non serve a niente

mercoledì, Ottobre 16th, 2019

di Aldo Grasso

Salvini-Renzi: nel ring televisivo ha vinto il secondo, ma è una vittoria che non serve a niente

Diciamolo subito con molta chiarezza. Nel duello televisivo nel salotto di Bruno Vespa, Matteo Renzi è stato più bravo di Matteo Salvini. Più bravo perché padrone della scena, a differenza del duellante che pareva a disagio persino nel linguaggio vestimentario. Più bravo nelle argomentazioni, anche perché Salvini aveva poco da argomentare. Più bravo perché più preparato (aveva fatto i compiti a casa), mentre l’altro pareva ripetitivo e sfuggente. In termini astratti, di comunicazione, ha vinto Renzi, ma a cosa serve questa vittoria? A nulla. Perché era uno scontro troppo personale e senza un chiaro obiettivo politico.

Rating 3.00 out of 5

Matteo Salvini vs Matteo Renzi, il tifo sui social per scegliere un vincitore dello scontro su Porta a Porta

mercoledì, Ottobre 16th, 2019

Il tanto attesto dibattito televisivo tra Matteo Renzi e Matteo Salvini, nello studio di Porta a Porta, è stato visto e commentato da migliaia di persone sui social network. E anche gli stessi protagonisti hanno seguito il programma, registrato nel pomeriggio, commentando su Twitter le risposte dell’uno o dell’altro. Come in un incontro sportivo, il botta e risposta ha scatenato gli spettatori e ognuno ha scelto un proprio vincitore.   A cura di Sofia Gadici

REPTV  

Rating 3.00 out of 5

Manovra, il cdm dà il via libera: taglio al cuneo fiscale e ridotto il contante da subito | “Italia Cashless” per combattere l’evasione

mercoledì, Ottobre 16th, 2019

Via libera salvo intese del Consiglio dei ministri alla Legge di bilancio per il 2020 e al Decreto fiscale collegato alla manovra. Terminata nella notte dopo quasi 6 ore la riunione del governo. Il tetto al contante cala a 2mila euro nel 2020 e 2021, poi scenderà a mille euro negli anni successivi. “La manovra è espansiva, dobbiamo ritenerci soddisfatti”, dice Giuseppe Conte che va il piano “Italia Cashless per contrastare l’evasione”

Taglio immediato sull’uso del contante -Il tetto al contante cala da 3.000 a 2.000 euro nel 2020 e 2021, poi scenderà a 1.000 euro negli anni successivi. E’ questa la mediazione che è stata raggiunta nel Cdm sulla manovra. Lo affermano il premier Giuseppe Conte e il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri al termine del Cdm.

Lotteremo contro l’evasione fiscale come mai fatto prima. Non posso accettare che gli italiani onesti paghino più tasse per colpa di coloro che non le pagano affatto Giuseppe Conte null null

Rating 3.00 out of 5

Renzi-Salvini, dieci anni dopo: «Almeno siamo migliorati esteticamente»

mercoledì, Ottobre 16th, 2019
Il duello tra il leader della Lega e l’ex premier a «Porta a Porta» | Ansa – CorriereTv
“Almeno esteticamente siamo migliorati. Certo, fare peggio era difficile”. Matteo Renzi scherza nello studio di Bruno Vespa, prima del confronto con Matteo Salvini. Il conduttore della serata, infatti, fa vedere le immagini dell’ultimo confronto Tv fra i due, ormai dieci anni fa, quando Renzi era candidato sindaco di Firenze e Salvini deputato e candidato al Parlamento Europeo. Questo video contiene contributi www.raiplay.it
Rating 3.00 out of 5

Manovra, il Cdm dà l’ok ‘salvo intese’ a Decreto fiscale e legge di Bilancio. Stop Iva, piano cashless: le misure

mercoledì, Ottobre 16th, 2019

Roma, 16 ottobre 2019 – La manovra 2020 ha l’ok del Consiglio dei ministri, che ha approvato ‘salvo intese’ – dopo 6 ore di riunione – il dl fiscale e la legge di bilancio per il 2020 da circa 30 miliardi. Tra le novità, viene congelato l’aumento dell’Iva e passa il superbonus per chi paga con carta di credito, fortemente voluto dal premier Conte. Salgono a 600 milioni le risorse per la famiglia. Arriva da settembre 2020 l’abolizione del superticket. La soglia del contante scende da 3000 a 2000 euro e poi a 1000 euro dal 2022. Corposo il piano anti evasione che, come ha ricordato il ministro dell’economia Roberto Gualtieri, prevede 3 miliardi in più di entrate nel 2020. Confermate le detrazioni fiscali per ristrutturazioni edilizie, e introdotto anche il bonus “facciata” per le ristrutturazioni dei palazzi. Gli anziani più poveri non pagheranno il canone Rai.

Sono le cinque del mattino quando Giuseppe Conte e Gualtieri scendono in sala stampa, per dichiarare la loro “soddisfazione”. “La manovra è espansiva: siamo riusciti a evitare l’incremento Iva e realizza vari punti del programma di governo”, sottolinea il premier, che cita i 3 miliardi per il taglio delle tasse sul lavoro, il Green new deal, le misure per la famiglia e la disabilità. In legge di bilancio sono confermati anche Ape social e opzione donna. “Le coperture sono solide, i numeri particolarmente robusti”, assicura Gualtieri. Vediamo le misure nel dettaglio:

Rating 3.00 out of 5

Salvini-Renzi, scintille in tv. “Ti sei inventato il governo sotto al fungo”. “Rosichi”

mercoledì, Ottobre 16th, 2019
A Porta a Porta il confronto tra Renzi e Salvini (Imagoeconomica)

Matteo vs Matteo. L’atteso confronto tv si consuma nel tardo pomeriggio. Negli studi di Roma, dove si registra la puntata di Porta a Porta, andata in onda in seconda serata, Renzi e Salvini si presentano con lo stesso look davanti all’arbitro Bruno Vespa (giacca blu, camicia bianca e cravatta grigio scura) per il primo duello plateale tra i due leader politici. Matteo e Matte non si risparmiano frecciate e accuse, presumibilmente ben studiate alla vigilia, secondo un copione noto infarcito di frasi ad effetto.  

“Renzi in maniera geniale si è inventato un governo sotto il fungo per evitare queste elezioni”, attacca il leader della Lega, riferendosi al ruolo del senatore del nella nascita dell’attuale esecutivo. “Il colpo di sole del Papeete che ha preso il collega Salvini è evidente che lo fa rosicare ancora adesso – la risposta dell’ex premier – Non è mai è successo che ci fosse una crisi in questo modo. Quando si vota in questo Paese lo decide la Costituzione, non un beach club a Milano Marittima”. Da parte sua Renzi riconosce che c’è stata “un’operazione di palazzo”. L’obiettivo però non era “un accordo con in Cinque Stelle” ma “l’interesse del Paese”.  “Io ho sofferto – assicura – ma per l’Italia è giusto così”. 

Rating 3.00 out of 5

Renzi vs Salvini, duello tv alla Rocky

martedì, Ottobre 15th, 2019
Salvini
Salvini Renzi

Niente claque, niente supporter, ma un pubblico terzo che ascolterà i due Matteo duellare. E poi cos’altro? “No comment”, è la risposta via sms di Bruno Vespa, che non è solo il conduttore di Porta a Porta, ma l’artefice della sfida delle sfide fra Matteo Renzi e Matteo Salvini che stasera, immediatamente dopo il match fra Italia e Liechtenstein, terrà davanti al piccolo schermo centinaia di migliaia di telespettatori, curiosi di vedere come andrà a finire fra i due guastafeste della politica italiana. E se il padrone di casa, l’ex direttore del Tg1 e volto storico della Tv di Stato, che di confronti ne ha moderati diversi, non vuole svelare alcunché, da via Teulada filtra poco, pochissimo. Non pare esserci una precisa regola di ingaggio. Non sono, confidano, al momento, previsti servizi – forse solo due schede che raccontano le gesta dei due personaggi. Tuttavia, quasi certamente compariranno le famose lavagnone sulle quali si sono alternati i protagonisti della Seconda Repubblica. “Bruno – mormora una fonte interna – desidera far emergere queste due personalità che in fondo sono due facce della stessa medaglia”.

Rating 3.00 out of 5

Manovra, come spartire 3 miliardi in più

martedì, Ottobre 15th, 2019

A metà mattina Giuseppe Conte arriva ad Avellino e la prima cosa che fa è lanciare la traccia politica della manovra: “La maggioranza è compatta. È sbagliata l’impostazione di una manovra che sia la sommatoria di premure di una forza politica o di un’altra”. A fine giornata le parole del premier sono polvere. Il bollettino è impietoso: Pd e 5 stelle litigano sul taglio del cuneo fiscale e quota 100, i renziani giocano la loro partita puntando il dito contro la stessa quota 100 e le micro-tasse. Dentro la maggioranza è tutto un vortice di spin, accuse e contraccuse su chi sta facendo saltare il banco all’ultimo momento utile. Il Consiglio dei ministri slitta a martedì. C’è un sottotesto a queste tensioni: nel momento in cui vengono trovate le coperture, grazie a un tesoretto da 3 miliardi scovato dal Tesoro, gli appetiti dei partiti si scatenano. 

La cronaca della giornata che doveva essere conclusiva e che invece ha fatto esplodere le tensioni interne alla maggioranza dice una cosa precisa: l’unità di intenti tra i dem e i grillini si è sfaldata in nome delle priorità legate al consenso politico. Ognuno tira la coperta dalla propria parte. I soldi fanno da catapulta. A via XX settembre i tecnici hanno trovato tre miliardi: gli incassi delle tasse pagate dalle partite Iva soggette ai vecchi studi di settore sono andati meglio del previsto e quindi si hanno più soldi a disposizione. 

Rating 3.00 out of 5

Guerra in Siria, Spadafora: «Inopportuno la finale Champions a Istanbul»

martedì, Ottobre 15th, 2019

«Chiedo di valutare se non sia inopportuno mantenere, ad Istanbul, la finale della Uefa Champions League in programma per il prossimo 30 maggio». L’appello arriva dal ministro per le Politiche giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora che, in un lungo post su Facebook, ha pubblicato il testo della lettera inviata al presidente Uefa Aleksander Ceferin. La decisione di Spadafora è maturata «a seguito dei gravissimi atti contro la popolazione civile curda avvenuti negli ultimi giorni», come spiega su Facebook.

Rating 3.00 out of 5

Manovra, verso uno sconto spese per chi paga con la carta | Basta detrazioni redditi alti

martedì, Ottobre 15th, 2019

Stop alle detrazioni per i più ricchi, tassa sulla fortuna, rincari sul fumo e una plastic tax, un nuovo balzello sugli imballaggi e contenitori di plastica inquinanti per spingere abitudini green. La prima Manovra giallorossa bloccherà gli aumenti dell’Iva ma al loro posto spuntano una miriade di mini-tasse, alcune onnipresenti a ogni sessione di bilancio, come quelle su tabacchi e giochi, altre che rispondono alla nuova anima ecologista.

Tra le ipotesi è circolata anche quella di un aumento delle accise sul diesel, che ha trovato, al momento, il muro di Italia Viva. E una sulle sim aziendali che invece, incontra la netta contrarietà M5s. 

Scadenza partite Iva slitta dal 16 novembre al 16 marzo  – Per far quadrare i conti arriva inoltre, come annunciato nella tarda serata di lunedì dal ministero dell’Economia, lo slittamento, dal 16 novembre al 16 marzo, della rata per il pagamento delle imposte sulla dichiarazioni delle partite Iva, che sposta 3 miliardi utilissimi ai fini dei conti pubblici del 2020.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.