Headlines nonsolofole

Effetto Trump sulle Borse, giù la galassia Agnelli. Torna la tensione sui BTp

Cdp, Governo e maggioranza trovano l’accordo: Fabrizio Palermo in pole come nuovo ad

Spunta un altro video di Nibali: ecco perché è caduto al Tour

Caro dottore, questo Paese è un bordello

Effetto Trump sulle Borse, giù la galassia Agnelli. Torna la tensione sui BTp

Posted in: Economia - Lavoro | Comments (0)

Chiusura in calo per le Borse europee, di nuovo agitate dalle minacce sul commercio internazionale da parte del presidente americano, Donald Trump, che ha dichiarato di essere disposto a innalzare i dazi su tutte le merci importare dalla Cina, per un controvalore di 500 miliardi di dollari. In più Trump ha anche accusato la Cina e l’Europa di manipolare le valute. E’ inoltre tornato a criticare la politica monetaria restrittiva della Fed, asserendo che «Stringere sui tassi adesso danneggia tutto quello che abbiamo fatto». Francoforte ha registrato la performance peggiore, scivolando dello 0,98%. E’ invece andata in controtendenza Madrid, l’unica che ha chiuso in territorio positivo per un soffio (+0,09%). Il FTSE MIB ha registrato un ribasso dello 0,41%. In Italia è risalito anche lo spread (in area 221 punti), complici le tensioni interne al Governo per le nomine dei vertici in Cassa Depositi e Prestiti. Anche se è stata trovata la quadra per il ceo, sul nome dell’attuale direttore finanziario, Fabrizio Palermo, i rendimenti sui titoli di stato a dieci anni sono rimasti su livelli elevati, in area 2,58%.

In rosso la galassia Agnelli
A Piazza Affari è andata male la galassia Agnelli, con Fiat Chrysler Automobiles che ha lasciato sul parterre il 2,3%, nell’attesa della semestrale che verrà diffusa mercoledì. I titoli sono stati penalizzati sia dal rincorrersi di voci sulla successione all’ad, Sergio Marchionne, sia dall’andamento debole di tutto il comparto auto. Sono inoltre andate male le Ferrari (-2,4%), le Cnh (-0,25%) e le Exor (-1,97%). More on page 380839

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

Cdp, Governo e maggioranza trovano l’accordo: Fabrizio Palermo in pole come nuovo ad

Posted in: Politica | Comments (0)

di ANNALISA CUZZOCREA

ROMA –  Fabrizio Palermo nuovo amministratore delegato di Cassa Depositi e prestiti. È la scelta uscita del vertice riservato che si è tenuto stamattina a Palazzo Chigi tra il premier Giuseppe Conte, il sottosegretario alla Presidenza Giancarlo Giorgetti, il ministro dell’Economia Giovanni Tria e il vicepremier, e ministro dello Sviluppo e del Lavoro, Luigi Di Maio.

Dario Scannapieco, a quanto si apprende da fonti di via XX settembre, sarebbe fuori dai vertici della Cassa per volere della maggioranza giallo-verde.

Questi gli equilibri per mettere fine ai contrasti e ai dissidi che hanno contrapposto ministro dell’Economia Tria e i due vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini. L’intesa è stata raggiunta durante un vertice a Palazzo Chigi cui hanno partecipato il presidente del Consiglio Conte, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giorgetti,  Di Maio e lo stesso Tria. In un primo momento era circolata la notizia che i dettagli dell’accordo sarebbero stati resi noti dal ministero dell’Economia. More on page 380837

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

Spunta un altro video di Nibali: ecco perché è caduto al Tour

Posted in: Sport | Comments (0)

Sarebbe un altro il motivo della caduta di Nibali al Tour de France. Non una motocicletta della polizia, come si era pensato all’inizio.

Ma forse un tifoso che, nella foga, avrebbe urtato il ciclista italiano mandandolo al tappeto e decretando la fine della sua gara.

L’immagine di Nibali dolorante a terra ha fatto ovviamente il giro del mondo. Il campione italiano, in lotta per la maglia gialla, si è rialzato e ha concluso la tappa. Ma al traguardo, superata la linea che determinava la fine delle sue fatiche, aveva difficoltà a camminare. E infatti, dopo la corsa in ospedale, la sentenza del medico è stata la peggiore che Nibali potesse attendersi: frattura di una vertebra e addio Tour. More on page 380835

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

Caro dottore, questo Paese è un bordello

Posted in: Editoriali - Opinioni | Comments (0)

Caro dottore, il grande Giuseppe Prezzolini diceva: «I cittadini italiani si dividono in due categorie: i fessi e i furbi. Colui che sa, è un fesso, colui che riesce senza sapere è un furbo. I primi hanno dei principi, i secondi dei fini». Non si offenda, ma il suo curriculm parla chiaro. Lei appartiene alla categoria dei fessi che hanno creduto in un sogno e che sogno il suo – non avendo calcolato che in Italia, parole di Indro Montanelli «il bordello è l’unica istituzione dove la competenza è premiata e il merito riconosciuto».

Quindi uno con le sue qualità e capacità se fosse nata con le tette e disinvolta oggi sarebbe ricco. Invece è nato uomo e ha voluto fare il medico. Un momento di debolezza che ora paga e non deve lamentarsi se una ragazzina compaesana del ministro Di Maio e fidanzata con il suo braccio destro guadagna al primo impiego, per fare la segretaria, più di lei medico scrupoloso ed esperto a fine carriera. E lo stesso vale per il segretario del ministro della Giustizia Bonafede, tale Daniele Longo, anni 35, nove dei quali impiegati per laurearsi (non in fisica nucleare, banalmente in giurisprudenza). More on page 380833

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

Germania, 8 accoltellati su un bus. Due sono gravi

Posted in: Esteri | Comments (0)

Un uomo armato di coltello ha aggredito diverse persone su un autubus che da Lubecca, nel nord est della Germania, era diretto in una spiaggia popolare a Travemünde.

L’attacco è avvenuto nel quartiere Kuecknitz alle 13.47. L’aggressore, sembrerebbe un iraniano di circa 30 anni, è stato arrestato e la polizia ha comunicato che è in corso un grosso intervento di emergenza. Al momento il numero dei feriti è arrivato a otto. Due delle vittime sembrano essere ferite in modo molto grave. Il portavoce della polizia, Dierk Dürbrook, ha confermato alla BILD che non ci sono vittime. More on page 380831

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

Mattarella frena le nomine ai dilettanti

Posted in: Politica | Comments (0)

«Alla fine tra noi e il M5s un punto di mediazione si trova sempre. Il problema, però, è che questa trattativa non è a due come dovrebbe essere.

Ma è a tre. E a complicare le cose c’è il fatto che Tria parla a nome di qualcuno più in alto di lui». Se perfino uno come Giancarlo Giorgetti finisce per perdere la pazienza, significa che davvero la partita delle nomine si è andata ingarbugliando ben oltre il previsto. Al punto che nelle sue conversazioni private il sottosegretario alla presidenza del Consiglio non esita a puntare il dito non solo contro il ministro dell’Economia, ma anche contro i suoi «interlocutori». Primo fra tutti, questa è la convinzione di Matteo Salvini e Luigi Di Maio, il Quirinale. Insomma, dietro il duro braccio di ferro tra i due vicepremier e Tria sulla nomina dei vertici della Cassa depositi e prestiti ci sarebbero le forti perplessità manifestate dal Colle su buona parte dei nomi sponsorizzati dalla Lega e dai Cinque stelle. Dubbi che il titolare dell’Economia condivide a pieno e che non ha esitato a fare suoi. Di qui lo stop and go di ieri sul vertice di Palazzo Chigi – prima convocato da Giuseppe Conte e poi rinviato a tempi migliori – e il successivo stallo che con il passare delle ore sembra tramutarsi in vero e proprio caos. Al punto che Salvini e Di Maio arrivano ad augurarsi che il ministro dell’Economia faccia «un passo indietro». «Se non condivide l’azione del governo – è il senso del messaggio recapitato a via XX Settembre dai due vicepremier – il ministro può sempre dimettersi». More on page 380829

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

Il decreto Dignità slitta alla prossima settimana. Accordo raggiunto sui voucher. Dubbi ancora sui contratti a termine

Posted in: Politica | Comments (0)

 

Riuniti dalle undici del mattino fino alle otto di sera, termine ultimo per la presentazione degli emendamenti al decreto legge Dignità. I viceministri M5s e Lega del Lavoro e dell’Economia con i presidenti e i vicepresidenti delle rispettive commissioni si sono chiusi a oltranza nella sala del governo insieme ai tecnici e ai funzionari di Montecitorio per studiare il provvedimento che il 26 arriverà in Aula e che per adesso si trova in commissione. “Stiamo ancora trattando”, risponde a metà pomeriggio la capogruppo grillina in commissione Lavoro Maria Pallini. Alle 20 in punto il viceministro del Tesoro Laura Castelli si dirige verso la buvette: “Abbiamo chiuso. L’accordo è stato raggiunto, ci abbiamo impiegato un po’ di tempo ma ce l’abbiamo fatta. La natura del testo non cambia”. Nel mezzo ci sono stati i funzionari della Camera con i loro rilievi e le loro annotazioni.

Gli emendamenti a firma M5s-Lega saranno una cinquantina. Le modifiche principali riguardano i voucher. Il decreto licenziato da palazzo Chigi ne prevedeva la totale abolizione, ora invece una proposta di modifica ne chiede il reinserimento per i settori dell’agricoltura e del turismo. A puntare i piedi era stata la Lega dopo le proteste delle aziende del Nord, bacino di voti non indifferente per il Carroccio. Non a caso proprio oggi il ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio ha ascoltato le richieste presentate da una delegazione di Assoavi (Associazione nazionale allevatori e produttori avicunicoli). More on page 380827

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

“Berlusconi sapeva dei rapporti Dell’Utri-mafia”

Posted in: Politica | Comments (0)

Berlusconi sapeva dei rapporti Dell’Utri-mafia. L’apertura dell’ex senatore di Fi come intermediario di Berlusconi rafforzò i piani di Riina nel 1992. L’invito al dialogo che i carabinieri fecero arrivare al boss Totò Riina dopo la strage di Capaci sarebbe l’elemento di novità che indusse Cosa nostra ad accelerare i tempi dell’eliminazione di Paolo Borsellino. Lo sostengono i giudici della corte d’assise di Palermo che hanno depositato le motivazione della sentenza sulla cosiddetta trattativa Stato-mafia nel 26esimo anniversario della strage di via D’Amelio.

Berlusconi non poteva non sapere.

“Se pure non vi è prova diretta dell’inoltro della minaccia mafiosa da Dell’Utri a Berlusconi, perché solo loro sanno i contenuti dei loro colloqui, ci sono ragioni logico-fattuali che inducono a non dubitare che Dell’Utri abbia riferito a Berlusconi quanto di volta in volta emergeva dai suoi rapporti con l’associazione mafiosa Cosa nostra mediati da Vittorio Mangano”.

Durissime le motivazioni della condanna a 12 anni per Marcello Dell’Utri.

“Con l’apertura alle esigenze dell’associazione mafiosa Cosa nostra, manifestata da Dell’Utri nella sua funziona di intermediario dell’imprenditore Silvio Berlusconi nel frattempo sceso in campo in vista delle politiche del 1994, si rafforza il proposito criminoso dei vertici mafiosi di proseguire con la strategia ricattatoria iniziata da Riina nel 1992”. More on page 380825

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

“Sulla trattativa eclatanti dimenticanze di Stato”. Sotto accusa Violante, Martelli, Conso, Ferraro e Contri

Posted in: La Giustizia | Comments (0)

di SALVO PALAZZOLO

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

Nomine, l’ira di Di Maio: è una scelta politica. Salvini per ora fa il pompiere

Posted in: Politica | Comments (0)

Sulle nomine il catalogo è questo: o si accetta lo «schema Tria» o si cambia Tria. Posti davanti al bivio, Di Maio e Salvini hanno avuto ieri reazioni diverse. Il primo era sull’orlo di una crisi di nervi, rivendicava «una scelta politica» sugli assetti di potere, tenendo a ricordare che «il nostro è un governo politico non tecnico». Con chiara allusione al ministro dell’Economia. Il secondo ha avuto un approccio zen, al punto che i suoi — ascoltandolo — sono rimasti disorientati: «Ma è Matteo o Arnaldo?». Perché mentre esplodeva il caso Cdp, e palazzo Chigi era costretto a smentire il vertice a quattro appena annunciato, il leader della Lega minimizzava: «Massì, c’è qualche problema di assestamento. Però al momento state tranquilli».

E al momento ha vinto lo «schema Tria», con il titolare di via XX settembre che si è potuto presentare da Conte senza dover incontrare anche i vice premier. Sulle nomine, e in particolare sui vertici di Cassa depositi e prestiti, il titolare di via XX settembre non solo ha riaffermato la procedura a cui tiene — e che prevede un rapporto diretto ed esclusivo con il capo del governo — ma ha anche ribadito la sua preferenza per una «soluzione tecnica» su Cdp. Con buona pace per Di Maio. Forte del risultato, ha potuto smentire le voci circolate nel Palazzo, prima di partire per il G20: «È falso che abbia minacciato le dimissioni. Insieme al presidente del Consiglio stiamo esaminando le varie soluzioni. E abbiamo tempo per scegliere le migliori».

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ luglio 20, 2018

Marquee Powered By Know How Media.