Headlines nonsolofole

Il vero nemico è la sciatteria dell’uomo verso la storia

Libia, notte di fuoco a Tripoli: raid provocano quattro vittime

Così il rogo di Parigi ha riacceso la fede

Milano, Sala coccola gli immigrati e loro gli occupano lo stabile

Il vero nemico è la sciatteria dell’uomo verso la storia

Posted in: Editoriali - Opinioni | Comments (0)

Giordano Bruno Guerri

Appena sugli schermi sono apparse le immagini della cattedrale in fiamme, il pensiero di moltissimi – me compreso – è stato che doveva trattarsi di un attentato.

Un vile, odioso attentato di qualche fanatico terrorista islamico. Il crollo della guglia di Notre-Dame ha richiamato immediatamente quello delle Torri Gemelle, neanche 18 anni fa, nello stesso inferno di fuoco, fumo e dolore. Se allora si era voluto colpire il cuore del capitalismo occidentale, un simbolo della potenza americana, stavolta il nemico aveva voluto abbattere uno dei più potenti e antichi simboli religiosi del cristianesimo, dell’Europa e della Francia, un luogo sacro anche ai non credenti, per tutta la storia che vi è passata.

Dispiace averlo pensato, e maggiormente scriverlo, ma l’ipotesi dell’attentato finiva per essere consolante. Ci sarebbe stato un avversario crudele e spietato da cercare e punire, un colpevole da accusare e combattere, una giustificazione alla tragedia inattesa di un’intera cultura.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Libia, notte di fuoco a Tripoli: raid provocano quattro vittime

Posted in: Esteri | Comments (0)

La notte di Tripoli viene scossa da altri raid e da numerose esplosioni che segnano una possibile nuova escalation del conflitto. Dopo quanto accaduto tra domenica e lunedì, con i primi bombardamenti che raggiungono la capitale libica nel quartiere meridionale di Abu Salim, nelle scorse ore diversi report parlano, come si legge sull’agenzia Agi, di una “pioggia di missili” verso il centro. Ma in realtà sarebbe ancora una volta la zona di Abu Salim ad essere maggiormente bersagliata. 

“Ci sono vittime” 

Le prime notizie circa un nuovo bombardamento che interessa Tripoli corrono su internet e riportano numerose esplosioni all’interno del perimetro urbano della capitale. La giornata di martedì trascorre senza grossi scossoni nei vari campi di battaglia, ma la tensione rimane comunque palpabile anche nel centro della capitale libica: le esplosioni della notte, risvegliano i tripolini e ricordano agli abitanti della metropoli la guerra in corso a pochi chilometri dalla periferia meridionale di Tripoli. E sono proprio le zone a sud del centro le maggiormente colpite dai missili piovuti a cavallo della mezzanotte: come accennato in precedenza, i razzi raggiungono nuovamente il quartiere di Abu Salim.

Con il trascorrere delle ore, emergono i dettagli riportati dalle testate locali: in particolare, si parla in totale di sette esplosioni che scuotono Tripoli e la zona sud di Abu Salim, segno di come la battaglia attualmente continui a svilupparsi tra la “Second Ring Highway” e l’aeroporto internazionale. Sono poi proprio i media libici a parlare di vittime: come riportato d LaPresse, i raid su Abu Salim delle scorse ore avrebbero provocato almeno quattro morti. Ancora una volta i missili avrebbero colpito, non si sa se per errore o meno, delle aree residenziali apparentemente senza particolari obiettivi militari nelle vicinanze. 

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Così il rogo di Parigi ha riacceso la fede

Posted in: Esteri | Comments (0)

Stefano Zurlo

In ginocchio. Come devoti medioevali riemersi dalle catacombe dell’Illuminismo. Magari muovono solo le labbra, come le vecchiette nelle loro giaculatorie, ma sono i nipotini dei rivoluzionari che profanarono Notre-Dame.

Ora innalzano le loro invocazioni fino al cielo, lo stesso che avevano provato ad eliminare dall’orizzonte. Sorpresa: il grande rogo ha incenerito la chiesa, ma ha riacceso la fede. È un paradosso che si dispiega in una giornata funerea per le certezze dei francesi. E però le immagini che arrivano da Parigi ci mostrano i giovani e i vecchi che pregano come non si era mai visto. Cantano. Scandiscono le formule sacre che forse non ricordavano nemmeno più. Versano lacrime di commozione, ma forse anche di nostalgia: quel mondo era già relegato ai margini della società, ma ora, forse, vederlo svanire per sempre suscita sensazioni e pensieri mai provati. Rimpianto che si fa curiosità, perché la tradizione è ignota ai più.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Milano, Sala coccola gli immigrati e loro gli occupano lo stabile

Posted in: Immigrazione | Comments (0)

Marianna Di PiazzaFabio Franchini

Milano Via Sammartini è una lunga via che costeggia il lato Ovest dei binari della Stazione Centrale.

Percorrendola tutta si arriva alla Caritas Ambrosiana e a un Hub di prima accoglienza per migranti, ma qualche centinaia di metri prima ci si abbatte nello stabile abbandonato dell’ex mercato del pesce. Lo scenario è tetro.

Di proprietà del Comune e dunque dei cittadini di Milano, confinante con le cucine di MilanoRistorazione, a una decina di metri da un centro anziani e a un centinaio di metri da un asilo, questa struttura è stata presa d’assalto e occupata da un manipolo di immigrati, perlopiù migranti nordafricani. Che hanno trasformato questo fatiscente edificio, a rischio crollo, nel loro rifugio, nonostante la polizia abbia (ri)messo una grossa catena con lucchetto all’ingresso. Già, rimesso, perché un precedente lucchetto era stato divelto dai migranti, inquilini abusivi e indesiderati.

Pericolante, pieno di topi, immondizia, escrementi ed esseri umani in pessime condizioni igienico-sanitarie: insomma, l’ex mercato del pesce è una bomba ad orologeria pronta a esplodere, o meglio, a crollare, mietendo vittime. (Guarda il video)

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Non obbedisco, signor ministro

Posted in: Politica | Comments (0)

Mai si era visto lo Stato Maggione della Difesa rivoltarsi contro il ministro dell’Interno con parole di inusitata durezza paragonando la circolare sui migranti firmata da Salvini a un atto degno di un “regime”, perché “un ministro non può alzarsi e ordinare qualcosa a un uomo dello Stato”. Mai si era visto un ministro dell’Interno imporre prima una direttiva di quel tipo, senza coordinarla tra i ministeri competenti. E rispondere poi, incurante, il suo vado avanti, che poi significa “comando io, punto”, pressoché un “me ne frego”. Della Difesa, delle critiche Di Maio, di tutto.

Al Quirinale, assicurano fonti “ufficiali”, non se ne è parlato nel corso dell’incontro tra Mattarella e Conte, dedicato alla necessità di mettere ordine nell’approvazione dei tanti decreti da convertire, altro capitolo di un governo che ormai non governa, impegnato in una campagna permanente. Però quello che si è materializzato agli occhi del capo dello Stato, che è anche il capo supremo delle forze armate, è uno “scontro istituzionale grave”. E qualche contatto, sollecitato da palazzo Chigi c’è stato, nel tentativo anche di coinvolgere Mattarella in una situazione già sfuggita di mano, e non da oggi. Perché, questo il punto, è almeno da metà marzo che Salvini, con la prima direttiva in materia sul controllo delle frontiere marittime e il contrasto all’immigrazione clandestina, ha “scippato” i poteri del ministro Trenta invadendo il campo della Difesa. E ora ha aggiornato il testo, rendendo quella misura di “chiusura del mare” in acque territoriali anche per le Ong operativa “costantemente” e non di volta in volta, come nella precedente versione. Una misura al limite, che impatta sulle convenzioni internazionali, e giocata sul filo della legittimità rispetto alle norme vigenti.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Elezioni europee 2019: in Europa circa 100 milioni di elettori sono ancora indecisi

Posted in: Politica | Comments (0)

Un nuovo rapporto ECFR sfata 5 miti sulle prossime elezioni europee: la volatilità prevale sulla polarizzazione: il 30% degli elettori deve ancora decidere, mentre credere nel sistema è il principale indicatore per comprendere e coinvolgere l’elettorato Secondo un nuovo rapporto dello European Council on Foreign Relations (ECFR), “What Europeans really want: Five Myths Debunked”, ci sono 97 milioni di elettori ancora indecisi. Secondo i dati raccolti in 14 Stati membri, che costituiscono l’80% dei seggi del Parlamento europeo, solo il 43% intende votare mentre il 57% é incerto. Tra coloro che intendono votare, il 70% non è ancora convinto da alcun partito.

> TUTTI I SONDAGGI SUL VOTO UE

Il rapporto mostra come l’elettorato europeo si trovi in uno “stato volatile piuttosto che polarizzato”, secondo Mark Leonard, direttore di ECFR e che le “fasce di elettori si muovono fluidamente tra partiti di destra e di sinistra”.

Il modo migliore per i partiti politici tradizionali di comprendere, mobilitare e riconquistare gli elettori è cogliere come essi vedano le istituzioni nazionali e comunitarie – e se ritengono che il “sistema” funzioni nel loro interesse.

E’ possibile dividere gli elettori europei in quattro gruppi:

1. “Casa Stark” o i “Credenti nel Sistema” (24% in Europa, 9% in Italia): principalmente in Germania, Austria, Repubblica Ceca, Danimarca e Svezia, credono che il sistema europeo e nazionale “funzioni”. Sono finanziariamente soddisfatti ed hanno un livello di istruzione secondaria o superiore.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Migranti, Salvini fa infuriare la Difesa. Anche Conte irritato: “È fuori luogo”

Posted in: Politica | Comments (0)

francesco grignetti ilario lombardo roma

La crisi libica è sempre più esplosiva. E il timore di dover fronteggiare un’ondata di profughi in piena campagna elettorale spaventa Matteo Salvini, che si è precipitato a diramare una circolare, definita «Intimazione», affinché i volontari della nave Ionio (che ha appena ripreso il mare e promette di tornare indietro quanto prima con un carico di naufraghi) stiano lontani dalle coste italiane.

La direttiva del ministro paventa un «pericolo» imminente, dato che nelle carceri libiche ci sono 400 o 500 terroristi islamisti, miliziani catturati a Sirte che potrebbero tornare liberi se tutto in Libia deflagrasse. E quindi intima lo stop alla Ong Mediterranea, la cui attività «può determinare rischi di ingresso sul territorio nazionale di soggetti coinvolti in attività terroristiche o comunque pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica».

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Si addestravano per attentati ispirati all’Isis, arrestati un palermitano e un marocchino

Posted in: Cronaca | Comments (0)

Si sono addestrati per mesi per compiere atti terroristici di sabotaggio, addestrandosi all’uso di armi e allenandosi per raggiungere una preparazione fisica e militare idonea a combattere a fianco dei miliziani dell’Isis in Siria. È una delle accuse che i pm di Palermo muovono a Giuseppe Frittitta, 25 anni, palermitano, e a Ossama Gafhir, marocchino, fermati per istigazione a commettere reati di terrorismo e autoaddestramento per compiere atti terroristici. Entrambi sono stati trovati in possesso di materiale inneggiante all’Isis.

Il materiale dell’Isis

Secondo i pm, il palermitano e il marocchino acquisivano materiale video con istruzioni per la partecipazione ai combattimenti, studiavano tecniche di guerriglia e scaricavano notizie sulle azioni kamikaze. Sarebbe stato il giovane marocchino, appena 18enne, a spingere progressivamente Frittitta, 25 anni, a forme estreme di radicalizzazione e a istigarlo ad addestrarsi per andare a combattere nei territori occupati dall’Isis a sostegno dei miliziani jihadisti.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Notre Dame, scoperchiata e spogliata ma ancora in piedi

Posted in: Esteri | Comments (0)

di Aldo Cazzullo, inviato a Parigi

Notre-Dame è nuda. Ma è lì. Scoperchiata, annerita, indifesa. Ma in piedi. Tutto si è giocato in mezz’ora, la notte scorsa: poteva crollare; ha retto. Poi ognuno, come nei momenti fatali, reagisce a suo modo.

C’è l’apocalittico, un pensionato mistico: “Quando i crociati presero Gerusalemme, nei sotterranei del Tempio trovarono il segreto con cui eressero le grandi cattedrali, e ora tutto è perduto, l’Anticristo si avvicina…”

C’è lo scettico, un anziano dai baffoni grigi: “Tu lo sapevi che dentro c’era la corona di spine? Come può essere a Parigi la corona di spine?”. La portò qui San Luigi dalla Terrasanta. “E come sapeva san Luigi che era proprio quella la corona di spine?”

Uno studente fuori corso s’arrabbia con Macron: “E’ ufficiale: è uno sprovveduto. O un menagramo, scegli tu. Si è fatto violare l’Arco di Trionfo, devastare gli Champs-Elysées, ora bruciare Notre-Dame. Fossi in te terrei d’occhio la Tour Eiffel”.

Una madamina di Saint-Germain s’indigna con i Gilet Gialli: “E’ anche colpa loro. Sono sei mesi che mettono sotto stress i pompieri, la polizia; poi se la prendono con il presidente se succedono i disastri…”

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Bomba ecologica nel Nord Est: la mappa dei rifiuti radioattivi in Lombardia e Veneto

Posted in: Ambiente | Comments (0)

di Milena Gabanelli e Pietro Gorlani

Nel cuore produttivo del Paese c’è un rischio radioattivo poco noto e minimizzato. In Lombardia, soprattutto nel Bresciano, e in misura minore in Veneto, sono state fuse in fonderie e acciaierie fonti di Cesio 137, di Radio 226 e di Cobalto 60, arrivate quasi sempre dall’Est Europa. Erano nascoste in involucri di piombo infilati dentro i camion di rottami, in modo da sfuggire ai controlli. Una volta finiti nei forni hanno contaminato gli impianti di abbattimento fumi, le polveri, i lingotti di acciaio e di alluminio. L’apice degli incidenti negli anni Novanta. Ma succede anche oggi. L’ultimo allarme l’agosto scorso alle acciaierie Iro di Odolo, in Valsabbia.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Aprile 17, 2019

Marquee Powered By Know How Media.