Headlines nonsolofole

Libra e modello Guatemala: il piano Dibba terrorizza l’Italia

Di Maio si sente in un angolo e zittisce l’ex amico Di Battista

Governo accattone

Via gli 80 euro per la flat tax. Ma non si evita l’aumento Iva

Libra e modello Guatemala: il piano Dibba terrorizza l’Italia

Posted in: Politica | Comments (0)

Carmelo Caruso

Non si sa se preferire Davide Casaleggio che vuole superare la democrazia o temere Alessandro Di Battista che non vuole più farci muovere in automobile.

È tornato nel dibattito politico, ha fatto infuriare Luigi Di Maio, ha definito i suoi compagni «burocrati», sta scatenando una crisi di governo, ma soprattutto può contare sull’investitura non tanto di Casaleggio ma di Beppe Grillo che, in passato e pubblicamente, lo ha definito il suo vero erede. Di Battista è ormai convinto della sempre più prossima caduta dell’esecutivo e di essere lui il futuro candidato premier del M5s. E dunque le sue interviste, le sue dichiarazioni non sono più parole in libertà ma sono invece i punti di un piano da leader.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

Di Maio si sente in un angolo e zittisce l’ex amico Di Battista

Posted in: Politica | Comments (0)

Domenico Di Sanzo

Il litigio è uscito dai retroscena e dai pettegolezzi per materializzarsi in una dura reazione di Luigi Di Maio, affidata a un lungo sfogo pubblicato sul suo profilo Facebook.

Il fastidio privato, confessato agli amici e ai collaboratori fidati, per il dualismo con Alessandro Di Battista è diventato un attacco pubblico e il capo politico ha usato la clava nei confronti di «Alessandro», quel «fratello» forse un po’ troppo ambizioso, ormai ai blocchi di partenza per soffiargli il posto di leader del Movimento.

E se da amico fraterno al «nostro D’Alema» il passo è breve, allora non bisogna sorprendersi del trattamento riservato dal vicepremier alla scheggia impazzita del grillismo. Seppure senza nominarlo mai. «Non mi interessa se in mala fede o in buona fede – ha scritto Di Maio – ma se qualcuno in questa fase destabilizza il Movimento con dichiarazioni, eventi, libri, destabilizza anche la capacità del Movimento di orientare le scelte di governo. Qui stiamo lavorando per il paese, e questo non lo posso permettere. Abbiamo tutti una grande responsabilità. Sentiamola».

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

Governo accattone

Posted in: Politica | Comments (0)

Alessandro Sallusti

Doveva essere il governo che finalmente le avrebbe cantate all’Europa di santa ragione, perché noi, o meglio loro, sono «padroni in casa nostra» e chi se ne frega del resto.

Bene, al dunque hanno calato le braghe come neppure Monti, Letta e Renzi messi insieme avevano fatto. L’immagine del premier Conte stravolto e impaurito in viso dopo una notte passata in bianco a pietire udienza e aiuto agli altri Paesi europei riuniti in un vertice non stop la dice più lunga di qualsiasi discorso.

I nostri nonni per definire bulli e spacconi usavano un detto molto colorito ed efficacia: «La sera leoni, la mattina cogl…». Ecco, per Conte e il suo governo è arrivata l’alba da cogl… dopo una lunga notte, durata un anno, passata a sbronzarsi di parole, annunci, proclami e minacce. Se ci salveremo dalla procedura di infrazione, anticamera del commissariamento dei nostri conti, a questo punto non sarà certo per il merito di chi ci governa, ma per la magnanimità dei nostri partner, che avranno il loro buon tornaconto a chiudere gli occhi sulle magagne italiche.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

Via gli 80 euro per la flat tax. Ma non si evita l’aumento Iva

Posted in: Politica | Comments (0)

Antonio Signorini

La flat tax sarà finanziata in parte da un recupero dell’evasione fiscale e, soprattutto, dalla cancellazione degli 80 euro di Matteo Renzi.

Per il resto, allo stato attuale, la Legge di Bilancio 2020 sarà fatta in deficit o con gli aumenti Iva.

L’offensiva di Matteo Salvini sui temi economici, dopo la convocazione dei sindacati e la richiesta di anticipare la manovra, è proseguita anche ieri. Il leader della Lega ha raccolto a metà la sfida di Luigi Di Maio che lo ha invitato a indicare subito le coperture della proposta di bandiera della Lega. Per la flat tax servono 15 miliardi e «sono già stati trovati», ha spiegato Salvini intervistato da Skytg24.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

Mai così lontani

Posted in: Politica | Comments (0)

“Il rapporto è irrimediabile”. Una fonte vicinissima a Luigi Di Maio ha appena finito di ascoltare Alessandro Di Battista a In mezz’ora in più. L’ex deputato ha gettato acqua sul fuoco sullo scontro ormai conclamato con il capo politico M5s. Una rapida letta alle agenzie, e poi il commento laconico: “Può dire quello che vuole ora, le cose non cambiano”.

È una rottura clamorosa. I cui prodromi sono arrivati di buon mattino con un post che, senza mai nominarlo, ha toni durissimi contro il collega: “Se qualcuno in questa fase destabilizza il movimento con dichiarazioni, eventi, libri, destabilizza anche la capacità del movimento di orientare le scelte di governo”. Il vicepremier è furioso. Alle sue orecchie sono arrivate le parole con cui Di Battista avrebbe motivato la sua idea di derogare al limite dei due mandati in caso di voto a settembre: “Così – avrebbe spiegato – per i deputati sarà più facile dire no alle cose della Lega che non gli stanno bene”.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

Terremoto, scossa avvertita a Roma: magnitudo 3,7. Paura e gente in strada, ma nessun danno a cose e persone

Posted in: Ambiente | Comments (0)

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita poco prima delle 23 a Roma. Per il momento non si segnalano danni, tante le segnalazioni dei cittadini. Secondo la valutazione preliminare dell’Ingv la scossa sarebbe di magnitudo 3.6 tra Lazio e Abruzzo. L’epicentro della scossa è stato individuato a 3 km a nord-est di Colonna a una profondità di 9 km, nei pressi della capitale. La circolazione della metro C è ripresa con forti ritardi. Una seconda lieve scossa, di magnitudo 1.4, è stata rilevata dall’Ingv sempre nell’area di Colonna. Tra i Comuni vicini all’epicentro, anche San Cesareo, Gallicano nel Lazio, Zagarolo e Monte Compatri.

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita poco prima delle 23 a Roma. Per il momento non si segnalano danni, tante le segnalazioni dei cittadini. Secondo la valutazione preliminare dell’Ingv la scossa sarebbe di magnitudo 3.6 tra Lazio e Abruzzo. L’epicentro della scossa è stato individuato a 3 km a nord-est di Colonna a una profondità di 9 km, nei pressi della capitale. La circolazione della metro C è ripresa con forti ritardi. Una seconda lieve scossa, di magnitudo 1.4, è stata rilevata dall’Ingv sempre nell’area di Colonna. Tra i Comuni vicini all’epicentro, anche San Cesareo, Gallicano nel Lazio, Zagarolo e Monte Compatri.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

Anticiclone Nord Africano: sarà una settimana rovente

Posted in: Ambiente | Comments (0)

I dati dei modelli matematici confermano per la settimana un’eccezionale ondata di caldo che coinvolgerà tutta l’Europa centro-occidentale: l’espansione verso nord dell’anticiclone Africano spingerà tra giovedì e sabato una massa d’aria rovente fino a latitudini inusuali, raggiungendo addirittura la Gran Bretagna e il Mare del Nord. In molti Paesi, specie in Spagna centro-orientale Francia, Belgio, Svizzera, Germania meridionale e Inghilterra, si potrebbero stabilire nuovi  record di temperatura per il periodo. In Italia l’ondata di calore si farà sentire già da lunedì in Sardegna, per poi estendersi rapidamente nei giorni successivi alle nostre regioni settentrionali con punte di 40°C. Tra giovedì e venerdì il caldo si intensificherà anche al Centro.

Anticiclone Nord Africano: sarà una settimana rovente | NEWS METEO.IT
Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

Maturità: al via gli orali, oggi debuttano le tre buste

Posted in: Scuola | Comments (0)

Terminate le prove scritte dell’esame di Maturità, da lunedì gli studenti saranno alle prese con gli esami orali. Addio alla tesina, che fino allo scorso anno consentiva ai maturandi di partire da un loro argomento scelto e che abbracciava diverse discipline. Debuttano invece le tre buste, altra novità di questo esame dopo la doppia prova scritta.

Le date di inizio e fine degli orali non sono uguali per tutti: sono state infatti stabilite dalle commissioni, scuola per scuola. E’ stata estratta nei giorni scorsi la lettera del cognome dalla quale si partira’ in ciascuna classe per l’interrogazione orale. Le commissioni d’esame coinvolte quest’anno sono 13.161 per 26.188 classi. I candidati iscritti alla Maturità sono 520.263.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

Giorgetti boccia i minibot: “Non sono verosimili, cʼè chi crede a Borghi?”

Posted in: Politica | Comments (0)

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti esclude qualsiasi ipotesi di lanciare l’operazione minibot. “C’è ancora chi crede a Borghi? – dice, commentando con una battuta l’idea del presidente leghista della commissione Bilancio della Camera -. Ma vi sembrano verosimili? Se si potesse, li farebbero tutti”.

Borghi: “Nessun problema con Giorgetti, Salvini appoggia i minibot” – Nega qualsiasi “incidente diplomatico” all’interno della Lega sulla questione il diretto interessato, Claudio Borghi, sempre in prima linea nel sostegno ai minibot. E a Radio Capital commenta così le parole del sottosegretario. “Poverino, Giorgetti è lì che aspetta, a Losanna, una cosa importante come le Olimpiadi e gli rompono le scatole con i minibot.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 24, 2019

“Quelle suore pregano troppo”. E il Vaticano chiude l’ordine

Posted in: Vaticano | Comments (0)

Riccardo Cascioli

Governo autoritario della Congregazione, immobilità nel vivere il carisma, troppa preghiera e in modo tradizionale. A causa di queste accuse e di fronte al rifiuto delle suore di vedere snaturata la loro missione, un altro ordine religioso viene distrutto ad opera del Vaticano.

Questa volta tocca a un giovane istituto francese, quello delle Piccole Sorelle di Maria Madre del Redentore, ma è solo l’ultima puntata di una serie di attacchi a congregazioni religiose, magari ricche di vocazioni in tempi di magra generale, giudicate «troppo tradizionaliste» e poco in sintonia con «la nuova teologia della vita consacrata».

La storia delle Piccole Sorelle ha inizio nel 1939 quando un gruppo di giovani si riunisce in comunità a Tolosa attorno a Maria Nault, poi Madre Maria della Croce. Dopo la nascita di altre comunità, nel 1989 vengono riconosciute come istituto religioso dall’allora vescovo di Laval, Louis-Marie Billé. Gestiscono case di riposo per anziani, insegnano catechismo e aprono le loro case all’ospitalità di parrocchie e movimenti. Tanta accoglienza e impegno per i più vulnerabili della società affonda però in una vita di preghiera intensa, nelle tante ore dedicate all’adorazione eucaristica e all’amore per la liturgia tradizionale, come ad esempio la celebrazione della messa in rito antico. Anche il loro abito dice di questo amore per la tradizione, visto che indossano il guimpe, quel copricapo di origine medievale che incornicia il viso e copre il petto e le spalle.

Rating 3.00 out of 5

nonsolofole @ Giugno 23, 2019

Marquee Powered By Know How Media.