Archive for the ‘Lombardia’ Category

A Musocco un 25 Aprile di tensioni Le «anime» della sinistra in corteo

martedì, aprile 25th, 2017

Due fronti per il 25 aprile che cade nel 70° della Costituzione Repubblicana. Da una parte, le tensioni tra centri sociali e forze di estrema destra al Cimitero Maggiore Musocco, dove sono sepolti i partigiani e — al Campo X — i caduti della Repubblica di Salò. Dall’altra, il corteo del pomeriggio, organizzato dal Comitato permanente antifascista, che nel corso delle ore ha raccolto nuove adesioni e dove si ritroveranno le varie anime della sinistra. Con un concentramento di chi lavora ad un’alternativa alla vocazione maggioritaria del Pd. Massiccia, infatti, s’annuncia la presenza di esponenti di Mdp (Movimento democratico e progressista): con l’ex segretario del Pd Luigi Bersani ci saranno il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, Massimo D’Alema e Roberto Speranza oltre al capogruppo di Mdp alla Camera, Laforgia.

Tornando a Musocco, tensioni quasi inevitabili nonostante l’ordinanza decisa dal prefetto Lamorgese al termine del tavolo dell’Ordine pubblico e della sicurezza, che vieta parate d’ogni sorta. Mentre aumentano le adesioni a «Porta un fiore al Partigiano» organizzata da diverse associazioni contro «ogni parata nazifascista», il leader di CasaPound Gianluca Iannone annuncia su Affari Italiani: «Non retrocederemo di un centimetro».

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Meningite, un caso ogni 7 giorni Vaccini low cost: posti esauriti

martedì, aprile 25th, 2017

Di nuovo la meningite. Lo studente 18enne del liceo scientifico Leonardo da Vinci di via Respighi, ricoverato in rianimazione all’ospedale Niguarda da domenica, è in condizioni stazionarie, vigile e con respiro spontaneo. Ma la prognosi rimane riservata. Con il nuovo caso, torna anche la paura: dall’inizio dell’anno i contagi sono stati diciotto (8 di tipo C, 6 B, 1 W e tre di cui non è stato possibile identificare il ceppo). Bisogna sapere, però, che dopo l’allarme di fine febbraio (con un caso ogni 4,5 giorni ), i casi sono rallentati: in base agli ultimi dati dell’assessorato alla Sanità guidato da Giulio Gallera ce n’è uno alla settimana. Numeri meno allarmanti, dunque, anche se continua a colpire il confronto con gli anni precedenti: nel 2016 l’andamento è stato di un malato ogni 9 giorni e mezzo (39 in totale), l’anno precedente di uno ogni 12 giorni (31 in totale). In ogni caso, sarà possibile misurare l’incidenza reale solo alla fine del 2017, perché il periodo invernale è il momento più a rischio.

Rating 3.00 out of 5

Genova, brucia la casa nella notte, genitori lanciano figlio da finestra: è gravissimo

sabato, aprile 22nd, 2017

Prigioniera delle fiamme divampate nella notte nella propria casa al secondo piano, una coppia con un figlio di otto anni, è stata costretta a lanciare il bimbo dalla finestra e poi a gettarsi a sua volta nel vuoto per cercare di salvarsi. Il bambino nella caduta ha riportato ferite gravissime, grave anche il padre, mentre le condizioni della donna sono meno disperate perché la sua caduta è stata attutita dalle corde da stendere. E’ successo alle 3 di notte nel centro di Casella, nell’entroterra di Genova.

La mamma pochi minuti prima aveva chiesto aiuto ai vigili del fuoco con una telefonata: “Correte, qui brucia tutto”. Quando i pompieri sono giunti sul posto hanno trovato i tre corpi a terra. Pochi istanti dopo l’edificio, alto due piani e con un bar al pianterreno, è crollato rischiando di travolgere i vigili del fuoco che sono riusciti a mettersi in salvo scappando solo poco prima del cedimento della casa. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Milano, immigrati feriscono militari davanti alla stazione Centrale

venerdì, aprile 21st, 2017
Rating 3.00 out of 5

Nel Far West immaginario è record di allontanamenti

martedì, aprile 11th, 2017
alberto mattioli
INVIATO A GALLARATE (VARESE)

Lo sceriffo più veloce del West italiano si chiama Andrea Cassani, 34 anni, leghista di osservanza maroniana, dal giugno ’16 sindaco di Gallarate. Il 20 febbraio scorso, il ministro Minniti ha firmato il decreto sul «Daspo urbano», il 21 è entrato in vigore e il 23, zac!, Cassani aveva già sfornato l’ordinanza con la quale lo recepiva, aggiungendo per buona misura delle ulteriori sanzioni.

 Dunque, multa di 100 euro (il doppio in caso di recidiva) per chi consuma alcolici fuori dai locali deputati, dissemina rifiuti, bivacca, imbratta i muri o viene beccato in possesso di strumenti per farlo, insomma della bomboletta spray, con in più l’obbligo, se beccato in flagrante, di ripulire i muri (non con la lingua, bisogna forse precisare). «Mi dispiace non poter fare di più – dice Cassani -, come del resto vorrebbero i cittadini».

Il tutto in questa cittadina di 53 mila abitanti a 45 chilometri da Milano e a 5 da Malpensa, passato industriale glorioso e presente un po’ incerto causa crisi, con uno di quei tipici toponimi lombardi in -ate che, come diceva Arbasino, non si sa mai se siano participi passati («Le ho gallarate tutte») o imperativi («Gallaratele subito»). Cassani è uno di quegli amministratori leghisti tosti che del politicamente corretto se ne infischiano. Ha sbarrato il cancello da cui passavano i musulmani per pregare su un terreno comunale «e di aprire una moschea naturalmente non si parla». Ora dichiara guerra al degrado «grave in alcune zone, tipo la stazione». (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Con coltelli semina il panico in strada a Milano, agenti gli sparano e lo feriscono

sabato, aprile 8th, 2017

Armato di due coltelli, un africano si è scagliato contro un poliziotto che gli ha sparato ferendolo a una gamba. E’ accaduto alle 7:30 di sabato in viale Monza, a Milano. Gli agenti, che stavano procedendo a un controllo dopo che i passanti avevano segnalato la presenza di un uomo armato che seminava il panico per strada, hanno provato a fermarlo utilizzando lo spray al peperoncino, ma non è bastato e hanno dovuto ricorrere alla pistola.

 

L’uomo, che aveva assunto oppiacei, marijuana e cocaina, è stato trasportato e ricoverato all’ospedale Niguarda con una prognosi di 15 giorni.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

COMUNICATO STAMPA: Ricca anche l’offerta di camp estivi in montagna

venerdì, aprile 7th, 2017

Tanti eventi prima, durante e dopo Pasqua tra Sondrio e Valmalenco  

Si inizia con le mostre zootecniche, seguite da tanto sport e cultura 

 

Sondrio, 7 aprile 2017. Arriva la settimana di Pasqua e tra Sondrio e Valmalenco non mancheranno appuntamenti per tutti i gusti prima, durante e dopo le festività pasquali, in grado di richiamare l’attenzione dei turisti e non solo, con un primo sguardo anche sull’estate.

Partendo dalla zootecnia con due giornate per tutti, non solo per gli addetti ai lavori. Domenica 9 aprile, presso il Campo Sportivo di Colorina, la 3ª “Mostra zootecnica dei comuni delle Alpi Orobie” (www.comune.colorina.so.it), abbinata al 3° raduno delle “Carrozze in Valtellina”, seguita il weekend successivo (sabato 15 aprile), a Chiesa in Valmalenco, dalla “XXX Mostra zootecnica mandamentale”. In entrambe le manifestazioni previste numerose attività per grandi e piccini: esposizioni, mercatini di prodotti locali, percorsi in fattoria, lavorazioni dal vivo, passeggiate a cavallo, balli country e tanto altro ancora. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Sciopero Atm, interrotte le linee della metropolitana: code e disagi

mercoledì, aprile 5th, 2017

La rossa, la verde, la gialla e la lilla: tutte le linee della metropolitana sono interrotte a causa dello sciopero del personale Atm, iniziato alle 8.45 di mercoledì mattina per quattro ore. Diversi i disagi per i cittadini e i turisti in città, code agli stazionamenti dei taxi e alle fermate dei mezzi in superficie (ci sono «riduzioni del servizio» per tram, bus e filobus). Ma è soprattutto l’M1 a creare i disagi più importanti. È , infatti, la linea che porta alla Fiera di Rho dove è in corso il Salone del Mobile. Il metrò è il mezzo più veloce per raggiungere gli spazi espositivi e lo sciopero ha creato caos tra gli stranieri arrivati a Milano proprio per la settimana del design.

Le motivazioni

«Uno sciopero con Milano e non contro Milano», i sindacati hanno provato a tirare i cittadini dalla loro parte nel mercoledì buio del trasporto, in pieno Salone . Ma Beppe Sala martedì non ha esitato a definire lo sciopero «sbagliato». «Penso che non c’è una vera ragione per lo sciopero — ha detto il sindaco — e su questo abbiamo evidentemente opinioni diverse con i sindacati. Non c’è in questo momento e non ci potrebbe essere nessuna decisione». I sindacati hanno distribuito una «lettera aperta a chi vive, lavora e ama Milano», per spiegare che «scioperiamo per il futuro della mobilità e per la garanzia occupazionale di migliaia di persone». (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Sequestrati beni ai Potenza: c’è il ristorante «Donna Sophia» di Milano

lunedì, aprile 3rd, 2017

di Titti Beneduce

Avevano investito a Milano e in Svizzera milioni di euro guadagnati prima con il contrabbando di sigarette e poi con l’usura. Questa mattina i fratelli Bruno, Salvatore ed Assunta Potenza si sono visti notificare dalla Dia un decreto di sequestro di beni del Tribunale di Napoli, sezione misure di prevenzione, per un ammontare di 20 milioni. Nell’elenco figurano il noto ristorante milanese “Donna Sophia dal 1931” in corso di Porta Ticinese e la sala per ricevimenti “Villa delle ninfe” di Pozzuoli. Grazie ad una rogatoria internazionale, inoltre, la Dia ha sequestrato alcuni rapporti finanziari nella sede della BSI Bank di Lugano.

Sviluppo di una precedente indagine

Il provvedimento costituisce lo sviluppo di una precedente indagine condotta del giugno 2011, che vide l’esecuzione di numerose ordinanze di custodia cautelare nei confronti, tra gli altri, dei fratelli Potenza nonché del capostipite Mario, poi deceduto, nei muri della cui casa, nel rione Santa Lucia a Napoli, furono trovati otto milioni in contanti. La somma non aveva giustificazione alcuna nei redditi lecitamente percepiti dall’interessato, consistenti in una pensione sociale INPS ed in un’altra da invalidità civile.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

I nuovi schiavi dell’eroina: “Così il buco a 15 euro ha rovinato le nostre vite”

sabato, marzo 18th, 2017
niccolò zancan
milano

Il secondo a prendere la parola è un ragazzo pallido, che muove i piedi in continuazione. «Sono Marco, tossicodipendente. Arrivo dall’ospedale dove hanno operato mia madre. È uscita dalla sala operatoria oggi pomeriggio alle cinque. Quando ho visto che le hanno attaccato il siringone di morfina, mi sono reso conto che ero in fissa. Ho fatto la battuta: ”Quasi quasi ne prendo un po’ anche io”. E lei, appena sveglia: ”Per carità: mi hai fatto il regalo di smettere”.

 «Ma io non ce l’ho mai avuto mezzo metro di siringa! E così, sono andato a fare quattro passi fuori. Dovevo camminare. Quella siringa era la cosa più tranquilla che riuscivo ad immaginare dentro all’ospedale. Continuavo a pensarci. Mi sentivo in colpa. In tutta la settimana non ho ricevuto neanche un messaggio. In questi momenti difficili, una volta c’era lo spacciatore. Andavo a cercare la sostanza e piangevo. Ora è uguale con le relazioni, con le donne. Il dolore non passa anche se sono pulito».
Milano, quartiere San Siro. Un campo da calcetto illuminato. Nel sotterraneo della parrocchia di via Stratico, c’è un corridoio con due stanze. La prima è quella per il ritrovo dei mangiatori compulsivi, la seconda: «Narcotici Anonimi». Trenta sedie in circolo nelle viscere della città, i muri che tremano a ogni passaggio della metropolitana, mentre va in scena il dolore che tutti avevamo rimosso.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.