Archive for the ‘Lazio’ Category

Metro Roma, disagi senza fine: chiuse fermate Spagna e Barberini dopo l’incidente della scala mobile “impazzita”

domenica, Marzo 24th, 2019

Metro di Roma, disagi senza fine. Oltre alla stazione Barberini della metro A, Atac ha deciso di chiudere anche la stazione Spagna, a seguito dell’incidente che giovedì scorso che, proprio alla fermata Barberini, ha causato la rottura di un gradino di una scala mobile che ha provocato la disarticolazione dell’intera rampa. Per un puro caso non ci sono stati dei feriti.

Le due stazioni chiuse all’accesso dei viaggiatori si aggiungono, sulla stessa linea, alla fermata Repubblica, sotto sequestro da ottobre 2018 in seguito al primo grave incidente della scala mobile, in cui rimasero feriti, anche gravemente, decine di tifosi russi del Cska. Da Termini, sulla linea A la prima fermata possibile per la discesa è a piazzale Flaminio.

Rating 3.00 out of 5

Stadio Roma, indagato per corruzione lʼassessore allo Sport Daniele Frongia

giovedì, Marzo 21st, 2019

L’assessore allo Sport di Roma, Daniele Frongia, è indagato dalla Procura per corruzione nell’ambito dell’inchiesta sul nuovo stadio della Roma a Tor di Valle. Frongia, che ha anche ricoperto la carica di vicesindaco, è finito nel mirino delle autorità che hanno arrestato l’ex presidente di Acea Luca Lanzalone e l’imprenditore Luca Parnasi che ora sono ai domiciliari. Il procedimento è stato avviato per una vicenda raccontata da Parnasi ai pm.

“Con il rispetto dovuto alla magistratura inquirente, avendo la certezza di non aver mai compiuto alcun reato e appurato che non ho mai ricevuto alcun avviso di garanzia, confido nell’imminente archiviazione del procedimento risalente al 2017“, ha affermato il braccio destro di Virginia Raggi commentando l’indagine.

Rating 3.00 out of 5

Tangenti sul nuovo stadio della Roma: arrestato Marcello De Vito, presidente 5 Stelle dell’assemblea capitolina

mercoledì, Marzo 20th, 2019

GIUSEPPE SCARPA

Terremoto giudiziario nel Movimento 5 Stelle romano. Marcello De Vito, presidente dell’assemblea capitolina è stato arrestato all’alba con l’accusa di corruzione. I carabinieri di Via In Selci hanno perquisito il suo appartamento. L’esponente grillino avrebbe incassato direttamente o indirettamente delle elargizioni, questa l’ipotesi dei pm Barbara Zuin e Luigia Spinelli, dal costruttore Luca Parnasi. De Vito, in cambio, avrebbe promesso – all’interno dell’amministrazione pentastellata guidata dalla sindaca Virginia Raggi – di favorire il progetto collegato allo stadio della Roma.

DALL’ARCHIVIO – IL GRANDE AFFARE DELLO STADIO

La misura cautelare emessa dal dip del tribunale di Roma riguarda in tutto 4 persone (per 2 indagati è stata disposta la custodia cautelare in carcere, per gli altri i domiciliari). Una misura interdittiva del divieto temporaneo di esercitare attività imprenditoriale riguarda invece due imprenditori. L’indagine “Congiunzione astrale” si concentra sulle condotte corruttive e il traffico di influenze illecite nell’iter per la realizzazione del nuovo stadio della Roma, la costruzione di un albergo presso la ex stazione ferroviaria di Roma Trastevere e la riqualificazione dell’area degli ex Mercati generali di Roma Ostiense. L’inchiesta ha fatto luce su una serie di operazioni corruttive realizzate dagli imprenditori attraverso l’intermediazione di un avvocato e un uomo d’affari, che secondo l’accusa avrebbero interagito con De Vito al fine di ottenere provvedimenti favorevoli alla realizzazione di importanti progetti immobiliari.



Rating 3.00 out of 5

Caso Cucchi, depistaggi: otto carabinieri rischiano il processo

martedì, Marzo 19th, 2019

Otto carabinieri, tra cui il generale Alessandro Casarsa (all’epoca dei fatti capo del Gruppo Roma) e il colonnello Lorenzo Sabatino (ex capo del nucleo operativo di Roma), rischiano il processo per la morte di Stefano Cucchi. I reati contestati, a seconda delle posizioni, falso, omessa denuncia, favoreggiamento e calunnia.

“Attestavano il falso sulle ocndizioni di salute di Cucchi” – La prima contestazione formulata dal pm, Giovanni Musarò, e sottoscritta anche dal procuratore capo, Giuseppe Pignatone, nell’atto di chiusura delle indagini sul depistaggio in seguito alla morte di Stefano Cucchi, dice: “Attestavano il falso in un’annotazione di servizio, datata 26 ottobre 2009, relativamente alle condizioni di salute di Stefano Cucchi, tratto in arresto dai militari del comando stazione di Roma Appia  e tradotto presso le celle di sicurezza del comando di stazione Tor Sapienza nella notte fra il 15 e il 16 ottobre”. 

Rating 3.00 out of 5

Reddito di cittadinanza, Poste consiglia: venite in ordine alfabetico | Inps: “Pronti con risposte dal 15 aprile”

martedì, Marzo 5th, 2019

Per la presentazione delle domande per il reddito di cittadinanza Poste Italiane ha predisposto un calendario per ordine alfabetico. Lo ha spiegato l’amministratore delegato di Poste Pay, Marco Siracusano, sottolineando come lo “scaglionamento” rappresenti solo un suggerimento per evitare sovraffollamenti negli uffici. In base a questo calendario, la prima ondata di domande potrà essere smaltita nel giro di una decina di giorni.

“Pronti ma non si possono escludere disfunzioni” – “Siamo di fronte a un’operazione straordinaria e non potrà mai aver un’esecuzione ordinaria del servizio. Ci sarà un impegno straordinario ma dal giorno 1 non si può escludere a priori che ci possano essere disfunzioni”, ha avvertito Siracusano, sottolineando comunque che gli uffici sono abituati “a gestire grandi flussi di persone e che i colleghi sono stati formati e metteranno il massimo impegno, conoscono bene gli utenti e il territorio, e anche in un momento straordinario faranno fronte al compito”.

Rating 3.00 out of 5

Confiscati beni per oltre 9 milioni di euro allʼex tesoriere della Margherita

venerdì, Febbraio 15th, 2019

Confiscati dalle Fiamme Gialle di Roma all’ex parlamentare e tesoriere della Margherita Luigi Lusi beni mobiliari e immobiliari per un valore di oltre 9 milioni di euro. Lusi è stato condannato in via definitiva per appropriazione indebita nel dicembre 2017.

Tra i beni confiscati ci sono quote sociali e l’intero patrimonio aziendale di una società di capitali, una villa a Genzano di Roma, del valore di circa 4,1 milioni di euro, 6 appartamenti, 1 box e 1 terreno ubicati a Roma e in provincia de L’Aquila, per un valore complessivo di circa 3,7 milioni di euro. E ancora:conti correnti, polizze assicurative e fondi d’investimento per circa 1,3 milioni di euro.

Rating 3.00 out of 5

Ambulanze bloccate per 12 ore senza barelle: è caos negli ospedali romani

venerdì, Febbraio 15th, 2019

Elena BarlozzariAlessandra Benignetti

Ambulanze al palo in attesa della restituzione delle barelle. Nel girone infernale del servizio sanitario regionale succede anche questo.

È l’ennesimo prezzo da pagare per traghettare la sanità del Lazio fuori dal tunnel decennale del commissariamento. Il piano di rientro, dice Zingaretti, ha funzionato: “Dai 669 milioni di euro di disavanzo del 2013 si è arrivati ai 45,6 milioni del 2017, pari allo 0,4 per cento del fondo sanitario regionale”. Eppure basta mettere piede in uno dei tanti ospedali della Capitale per rendersi conto dell’effetto prodotto dalla scure dei tagli sui livelli assistenziali (guarda il video).

Rating 3.00 out of 5

Roma, scontri tra tifosi a Monti poi spedizione punitiva di ultras con tre feriti. Uno, accoltellato, è grave

giovedì, Febbraio 14th, 2019

di FLAMINIA SAVELLI

Ancora una notte violenta a Roma. Paura e scene di guerriglia al rione Monti intorno alle 21. Fuori da un locale di via Leonina è scoppiata una rissa tra tifosi, forse della Lazio e del Siviglia. Almeno una quarantina i giovani coinvolti. E poi, secondo il racconto di alcuni testimoni, la spedizione prima dentro un pub e poi la caccia ai rivali che cercavano di nascondersi dentro ristoranti e birrerie. Sui ferimenti indaga la Digos che sta cercando di capire la dinamica del raid e di individuare i partecipanti alla aggressione e la loro eventuale appartenenza a frange estreme della curva Nord.  

Roma, assalto ai tifosi del Siviglia: le immagini dell’attacco riprese dall’alto

Rating 3.00 out of 5

Raggi pensa al daspo urbano per i turisti barbari

giovedì, Febbraio 14th, 2019

Luisa Mosello

Una black list per i turisti indisciplinati, quelli che non rispettano la Cittá eterna e le sue grandi bellezze. In una parola: i vandali dei monumenti capitolini, tesori unici al mondo, mai abbastanza tutelati. Per loro la sindaca di Roma Virginia Raggi sta pensando a un daspo urbano, simile in tutto e per tutto a quello previsto per i tifosi di calcio intemperanti. Da mettere a punto in accordo con le ambasciate. Obiettivo: non far tornare nella Capitale i barbari delle vacanze romane senza freni, o comunque tutti coloro che per un motivo o per l’altro, dalla bravata da riprendere sui social oltre confine all’euforia per la vittoria o la sconfitta della propria squadra del cuore, vandalizzano un tesoro dell’Urbe.

Come non ricordare il danneggiamento della Barcaccia in piazza di Spagna di fronte alla scalinata di Trinità dei Monti ad opera dei tifosi del  Feyernord qualche anno fa, nel 2015?

La Barcaccia ancora protagonista di atti barbarici  

Rating 3.00 out of 5

Manuel Bortuzzo, i due sospettati confessano: “Sparato per errore, era buio” | Fermati per tentato omicidio

giovedì, Febbraio 7th, 2019

Hanno confessato Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due ragazzi ascoltati in questura a Roma nell’ambito delle indagini sul ferimento del nuotatore Manuel Bortuzzo. Si tratta di due giovani di Acilia, di 24 e 25 anni, che hanno ammesso di aver sparato “per errore” e che “era buio” al momento del ferimento. “Manuel deve avere giustizia, siamo distrutti”, hanno affermato. I due sono stati fermati per tentato omicidio.

Manuel Bortuzzo, i due sospettati confessano: "Sparato per errore, era buio" | Fermati per tentato omicidio

La svolta nelle indagini è avvenuta dopo il ritrovamento della pistola usata per colpire il ragazzo, sabato notte a piazza Eschilo. In serata due ventenni si sono poi costituiti.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.