Archive for the ‘Esteri’ Category

È nato il Royal baby di Harry e Meghan, è un maschio

lunedì, Maggio 6th, 2019

maria corbi

E alla fine nacque.I Il figlio di Harry e Meghan, settimo in linea di successione atteso da tutto il mondo da settimane è tra noi, settimo in linea di successione e primo in linea di interesse della gente. Non è il principe ereditario ma è sicuramente erede del fascino ribelle di papà Harry, del glamour di mamma Meghan e dello stile di nonna Diana. «Sono alle stelle», ha detto Harry felice appena diventato papà poco dopo l’alba. Non si sa ancora dove sia avvenuto il lieto evento, se a casa, al Frogmore Cottage di Windsor o invece in ospedale visto il ritardo con cui Meghan è entrata in travaglio.

Harry e Meghan qualche tempo fa avevano fatto sapere che non avrebbero rivelato subito la nascita del loro primo bebé, preferendo dare la notizia in `differita´ per dare il tempo alla famiglia di trovare il suo nuovo assetto. Il sesso del nascituro è stato una sorpresa non solo per il Regno Unito ma anche per gli stessi neo-genitori che hanno scelto di non saperlo prima del parto. Il bambino pesa 7 pounds e 3 once, come precisato da fonti di palazzo reale (poco più di 3, 3 chilogrammi) ed è nato in effetti alle 5,26 di questa mattina.

Rating 3.00 out of 5

L’aereo è una palla di fuoco. Un morto e decine di feriti

domenica, Maggio 5th, 2019

Claudio Cartaldo

Si è incendiato e le fiamme hanno invaso l’intera pista di atterraggio. Un aereo passeggeri Sukhoi della compagnia di bandiera russa Aeroflot si è incendiato ed è stato costretto ad un atterraggio di emergenza.

Il bilancio è di decine di feriti e un morto.

Il volo ha toccato terra nell’aeroporto di Sheremetevo a Mosca. Secondo quanto trapela dai media russi, i passeggeri illesi sono stati fatti uscire dal velivolo prima che prendesse fuoco del tutto. Sono stati fatti uscire con gli scivoli di emergenza. Sono scampati quindi ad un drammatico incendio, la cui colonna di fumo ha colorato i cieli moscoviti a lungo. I video online mostrano l’aereo atterrare lasciando dietro di sé una lunga scia di fiamme, come se fosse una cometa o una palla di fuoco. Poi – nonosante i soccorsi – l’aereo continua a bruciare sulla pista e si vedono alcune persone fuggire a piedi.

Ci sono però anche vittime. Il bilancio non definitivo parla di un morto e decine di feriti.

Rating 3.00 out of 5

Gaza, Hamas lancia 430 razzi. Usa: “Israele ha diritto a difesa”. Ma Turchia chiede condanna internazionale

domenica, Maggio 5th, 2019

di ALBERTO CUSTODERO

Continuano i lanci di razzi di Hamas nelle zone israeliane attorno alla Striscia di Gaza dove risuonano continuamente le sirene di allarme. Un israeliano di 58 anni è stato ucciso nella notte, verso le 2.30, da un razzo sparato da Gaza mentre si trovava all’ingresso della sua abitazione ad Ashkelon, nel sud di Israele. L’uomo è morto mentre si recava all’ospedale: è la prima morte in Israele dall’inizio degli scontri di sabato. I feriti sono 83.

In Israele si avverte anche oggi un’atmosfera ad alta tensione. Da ieri i palestinesi hanno lanciato da Gaza 430 razzi (180 nella notte), mentre Israele – precisa la radio militare – ha colpito nella Striscia oltre 200 obiettivi di Hamas e della Jihad islamica. I lanci di razzi proseguono anche stamane.

A Ofakim, vicino Gaza, un razzo è caduto nel giardino di un casa. Un altro ha centrato una scuola elementare. La pioggia di missili ha preso di mirale comunità intorno alla Striscia di Gaza, Ashkelon e Ashdod, e fino a Beersheba, Beit Shemesh and Gedera.

È di sette palestinesi morti il bilancio dei raid israeliani sulla Striscia di Gaza. Tra le vittime in campo palestinese, la bimba di 14 mesi di cui si era già saputo ieri e sua madre incinta, una donna di 37 anni deceduta poco dopo il raid in ospedale. Tra i feriti, una quarantina secondo il ministero della salute palestinese, almeno un altro bambino.

Rating 3.00 out of 5

Vladivostok, stretta di mano e vertice tra Putin e Kim Jong-un

giovedì, Aprile 25th, 2019

Il presidente russo Vladimir Putin e il leader nordcoreano Kim Jong-un si sono stretti la mano all’inizio del loro incontro a Vladivostok, in Russia. Al centro dei colloqui la questione nucleare nordcoreana e i rapporti bilaterali . 

Le immagini televisive mostrano l’arrivo di Kim in limousine e la stretta di mano tra il dittatore nordcoreano e un sorridente Putin. Il vertice si svolge all’università dell’Estremo oriente di Vladivostok, sull’isola Russky, per l’occasione decorata con tricolori russi e bandiere nordcoreane.

Vladivostok, stretta di mano e vertice tra Putin e Kim Jong-un
Rating 3.00 out of 5

Facebook rischia una multa per Cambridge Analytica e accantona 3 miliardi

giovedì, Aprile 25th, 2019

di ALDO FONTANAROSA

ROMA – Facebook accantona, prudente, 3 miliardi di dollari. I soldi serviranno a fronteggiare la possibile multa della Federal Trade Commission (Ftc). La Ftc sta valutando se – nel caso Cambridge Analytica – la società di Mark Zuckerberg abbia violato gli accordi del 2011 a garanzia della privacy degli utenti. La Ftc – che non ha ancora emesso il suo verdetto – sarebbe orientata a comminare una sanzione ancora più alta, pari a 5 miliardi di dollari.

La Ftc è un’agenzia governativa che ha un doppio compito. Vigila sul rispetto della concorrenza e, nello stesso tempo, difende gli interessi dei consumatori. Questa agenzia ha aperto un’inchiesta su Facebook a marzo del 2018, quando è emerso che la società di marketing politico Cambridge Analytica ha avuto accesso a  87 milioni di dati personali di utenti senza il loro consenso. 

Rating 3.00 out of 5

Ucraina, il nuovo presidente è il comico Zelensky: “Non vi deluderò”

lunedì, Aprile 22nd, 2019

“Non vi deluderò mai”, queste le prime parole dell’attore e comico Vladimir Zelensky, nuovo presidente dell’Ucraina con oltre il 70% dei voti. L’uscente Petro Poroshenko, già ai primi dati degli exit poll a chiusura seggi, ha ammesso la sconfitta e si è congratulato con il rivale. Zelensky, new entry in politica, si è presentato alle presidenziali con il partito “Servitore del Popolo”, dal nome dello show in cui interpretava i panni di un semplice professore catapultato dagli eventi alla guida del Paese.

Ucraina, il nuovo presidente è il comico Zelensky: "Non vi deluderò"

Poroshenko: congratulazioni a ZelenskyIl presidente uscente dell’Ucraina Petro Poroshenko ha ammesso la sconfitta nelle elezioni presidenziali, facendo le congratulazioni al rivale Volodymyr Zelensky. Ha comunque promesso di non allontanarsi dalla vita politica: “Il mese prossimo lascerò la mia carica, questa è la scelta degli ucraini: accetto questa decisione, ma voglio sottolineare che non abbandonerò la politica”. Lo riporta l’agenzia di stampa russa Interfax.

Rating 3.00 out of 5

Sri Lanka, esplosioni in chiese e hotel: quasi 300 morti, è unʼecatombe | Polizia: “Ventiquattro arresti”

lunedì, Aprile 22nd, 2019

Pasqua di sangue in Sri Lanka devastato da una serie coordinata di attacchi tra i più sanguinosi degli ultimi anni contro la comunità cristiana. Quasi 300 i morti, di cui almeno 35 stranieri, e più di 500 feriti sono il bilancio ancora provvisorio di otto esplosioni, le prime sei in simultanea, che hanno squarciato alcune chiese nell’ora della messa ed alberghi pieni di turisti. Ventiquattro i sospetti arrestati. Revocato il coprifuoco.

Lo Sri Lanka, dopo decenni di conflitti interni tra governo e separatisti tamil e un periodo di pace, all’alba del giorno di Pasqua è ripiombato nell’incubo. Sei esplosioni in sequenza sono avvenute in tre chiese e tre alberghi della capitale Colombo, frequentati anche da stranieri. Per i fedeli in preghiera non c’è stato scampo. Altri due kamikaze sono entrati in azione ore più tardi alla periferia di Colombo, seminando ancora morte.

Rating 3.00 out of 5

Sri Lanka, falle nellʼintelligence: la strage di Pasqua “poteva essere evitata”

lunedì, Aprile 22nd, 2019

Gli attacchi a chiese e hotel in Sri Lanka, che hanno portato ad almeno 290 morti e oltre 400 feriti nel giorno di Pasqua, forse potevano essere evitati. La polizia locale, infatti, ha fatto sapere che le indagini sugli attentati esamineranno i rapporti secondo i quali l’intelligence avrebbe fallito nel rilevare o mettere in guardia preventivamente contro possibili attacchi suicidi. Solo 10 giorni fa era arrivato un allarme per il rischio di attentati kamikaze contro “chiese importanti”.

Sri Lanka, serie di esplosioni in chiese e hotel

Sono stati due ministri del governo cingalese a menzionare i fallimenti dell’intelligence. Il portavoce della polizia Ruwan Gunasekara ha dichiarato che il Dipartimento d’investigazione criminale sta indagando sulle esplosioni ed esaminerà i rapporti.

Rating 3.00 out of 5

Libia, notte di fuoco a Tripoli: raid provocano quattro vittime

mercoledì, Aprile 17th, 2019

La notte di Tripoli viene scossa da altri raid e da numerose esplosioni che segnano una possibile nuova escalation del conflitto. Dopo quanto accaduto tra domenica e lunedì, con i primi bombardamenti che raggiungono la capitale libica nel quartiere meridionale di Abu Salim, nelle scorse ore diversi report parlano, come si legge sull’agenzia Agi, di una “pioggia di missili” verso il centro. Ma in realtà sarebbe ancora una volta la zona di Abu Salim ad essere maggiormente bersagliata. 

“Ci sono vittime” 

Le prime notizie circa un nuovo bombardamento che interessa Tripoli corrono su internet e riportano numerose esplosioni all’interno del perimetro urbano della capitale. La giornata di martedì trascorre senza grossi scossoni nei vari campi di battaglia, ma la tensione rimane comunque palpabile anche nel centro della capitale libica: le esplosioni della notte, risvegliano i tripolini e ricordano agli abitanti della metropoli la guerra in corso a pochi chilometri dalla periferia meridionale di Tripoli. E sono proprio le zone a sud del centro le maggiormente colpite dai missili piovuti a cavallo della mezzanotte: come accennato in precedenza, i razzi raggiungono nuovamente il quartiere di Abu Salim.

Con il trascorrere delle ore, emergono i dettagli riportati dalle testate locali: in particolare, si parla in totale di sette esplosioni che scuotono Tripoli e la zona sud di Abu Salim, segno di come la battaglia attualmente continui a svilupparsi tra la “Second Ring Highway” e l’aeroporto internazionale. Sono poi proprio i media libici a parlare di vittime: come riportato d LaPresse, i raid su Abu Salim delle scorse ore avrebbero provocato almeno quattro morti. Ancora una volta i missili avrebbero colpito, non si sa se per errore o meno, delle aree residenziali apparentemente senza particolari obiettivi militari nelle vicinanze. 

Rating 3.00 out of 5

Così il rogo di Parigi ha riacceso la fede

mercoledì, Aprile 17th, 2019

Stefano Zurlo

In ginocchio. Come devoti medioevali riemersi dalle catacombe dell’Illuminismo. Magari muovono solo le labbra, come le vecchiette nelle loro giaculatorie, ma sono i nipotini dei rivoluzionari che profanarono Notre-Dame.

Ora innalzano le loro invocazioni fino al cielo, lo stesso che avevano provato ad eliminare dall’orizzonte. Sorpresa: il grande rogo ha incenerito la chiesa, ma ha riacceso la fede. È un paradosso che si dispiega in una giornata funerea per le certezze dei francesi. E però le immagini che arrivano da Parigi ci mostrano i giovani e i vecchi che pregano come non si era mai visto. Cantano. Scandiscono le formule sacre che forse non ricordavano nemmeno più. Versano lacrime di commozione, ma forse anche di nostalgia: quel mondo era già relegato ai margini della società, ma ora, forse, vederlo svanire per sempre suscita sensazioni e pensieri mai provati. Rimpianto che si fa curiosità, perché la tradizione è ignota ai più.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.