Archive for the ‘Sicilia’ Category

Catania, aggredisce e violenta la dottoressa della guardia medica

martedì, settembre 19th, 2017

Un dottoressa di turno alla guardia medica di Trecastagni, in provincia di Catania, è stata aggredita e violentata da un 26enne. Il giovane, un italiano di 26 anni residente nello stesso paese etneo, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Acireale.

Secondo una prima ricostruzione, il giovane sarebbe entrato nella guardia medica di Trecastagni con la scusa di farsi curare. Sarebbe invece andato in escandescenze, danneggiando arredi della stanza, e poi sequestrato e violentato la dottoressa che era in servizio. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Regionali Sicilia, Regionarie 5 stelle: il Tribunale sospende la votazione che ha incoronato Cancelleri

martedì, settembre 12th, 2017

di ANTONIO FRASCHILLA

Le regionarie dei 5 stelle al momento sono sospese dal Tribunale di Palermo che ha accolto in via cautelare il ricorso presentato da Mauro Giulivi, escluso dalla selezione. I giudici entreranno nel merito più avanti ma adesso c’è da capire gli effetti che avrà questa decisione sulla votazione che ha incoronato Giancarlo Cancelleri.

Giulivi nell’esposto lamentava di essere stato escluso con un espediente e senza reale motivazione. Scrive la giudice Claudia Spiga nell’ordinanza di sospensione: “Il mancato avvio del procedimento disciplinare comporta l’insussistenza della causa di esclusione della candidatura di Mauro Giulivi indicata nel provvedimento impugnato. Sussiste quindi il fumus della richiesta di sospenzione in ragione dell’evidente capacità lesiva di detta delibera del diritto di elettorato passivo dell’istante e rispetto al quale la candidatura alle primarie costituisce atto prodromico”. Per questo il giudice “dispone la sospensione dell’esecuzione delle determine di individuazione dei “candidati più votati” alle “regionarie” siciliane pubblicate sul sito interne del Movimento in data 4 e 9 luglio”

Un caso analogo era accaduto a Genova. Comunque una grana in piena campagna elettorale per i 5 stelle siciliani. Cancelleri va avanti: “Continueremo a parlare con la gente e a incontrare i territori. Possiamo cambiare tutto con il voto della gente”. Concetto ribadito anche da Luigi Di Maio: “La campagna elettorale per Giancarlo Cancelleri presidente va avanti. Noi ce la metteremo tutta. Stateci vicini, perchè sarà molto importante che anche tutte le persone di buona volontà di questa regione ce la mettano tutta per provare a cambiare”. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Appalti all’aeroporto, chiesto il processo per l’ex dg Scelta. La procura: “A giudizio undici indagati”

venerdì, settembre 1st, 2017

di SALVO PALAZZOLO

Sei anni di caos e disagi per chi sbarcava all’aeroporto di Palermo. Sei anni di sprechi: undici milioni di euro per progettare una hall arrivi che sembrava non arrivare mai. La procura di Francesco Lo Voi chiede un processo per gli ex dirigenti Gesap e i progettisti ritenuti responsabili di un grande imbroglio: in cima alla lista dei nomi eccellenti che il 13 settembre saranno chiamati dal giudice dell’udienza preliminare Marco Gaeta c’è Carmelo Scelta, l’ex direttore generale della Gesap, che è ancora agli arresti domiciliari, così come Giuseppe Liistro, l’ex responsabile dell’area manutenzione della società di gestione aeroportuale. Sono undici gli indagati per cui il procuratore aggiunto Sergio Demontis e i sostituti Luca Battinieri e Claudia Ferrari chiedono il rinvio a giudizio. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Mafia, la polizia sgomina una banda di estorsori nellʼEnnese

martedì, giugno 13th, 2017
Mafia, la polizia sgomina una banda di estorsori nell'Ennese

La polizia di Stato ha sgominato un’organizzazione che controllava il territorio a Leonforte e Agira, in provincia di Enna, attraverso il racket delle estorsioni. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Palermo: agguato di mafia in via Dossuna, ucciso il boss Giuseppe Dainotti

lunedì, maggio 22nd, 2017

ROMINA MARCECA

Un agguato di mafia il giorno prima del venticinquesimo anniversario della strage di Capaci. Giuseppe Dainotti, boss mafioso condannato all’ergastolo ma scarcerato nel 2014 è stato ucciso a colpi di pistola, in strada, a Palermo. Sarebbe stato affiancato da due killer, forse in moto, che gli avrebbero sparato in testa. La vittima era in bici, in via D’Ossuna, nel quartiere Zisa. A chiamare la polizia sono stati alcuni residenti della zona che hanno sentito i colpi di arma da fuoco.
(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Una rete da Trapani ai palazzi romani, così Morace diventò il re degli aliscafi

domenica, maggio 21st, 2017

di ANTONIO FRASCHILLA

PALERMO. Sono i re assoluti del mare veloce, hanno la più grande flotta di aliscafi d’Europa, e quasi in monopolio gestiscono i collegamenti tra le isole della Sicilia, ma anche dalla Puglia alla Grecia, da Trieste e la Croazia, e nelle isole Canarie. Un impero, quello sotto controllo dalla famiglia di armatori Morace, che dà lavoro a oltre 400 marittimi, fattura quasi 100 milioni di euro all’anno e che si espande a macchia d’olio in tutti i palazzi del potere, da Palermo a Roma. Un impero che va difeso con le unghie e con i denti dai concorrenti e da possibili interventi “politici”. Perché in questo settore la politica conta eccome, visto che solo di contributi pubblici per i collegamenti veloci in ballo ci sono cifre milionarie: 63 milioni in Sicilia altri 55 milioni nel resto del Paese. Non a caso i Morace, Vittorio, il padre, Ettore il figlio (arrestato per corruzione), avevano contatti con tutti e da tutti cercavano di ottenere qualcosa, offrendo cene, regalando Rolex, dando benefit come Mercedes, finanziando partiti. Una rete vastissima di rapporti, quella che emerge dalle carte della mega inchiesta della procura di Palermo sulla corruzione nei trasporti marittimi.

L’avventura nei mari dei Morace inizia con il padre Vittorio, originario di Napoli, che da giovane lavora con una famiglia importante di armatori campani, quella degli Onorato. Nei primi anni Novanta coglie l’occasione di rilevare da Salvatore Lauro una piccola compagnia siciliana, la Ustica Lines: due barche che collegano l’isola con la Sicilia. Da allora Morace padre inizia ad aumentare al flotta e le tratte con le Egadi e le Pelagie e acquisisce compagnie in difficoltà, come quella dei Rodriguez. A Trapani Morace diventa un riferimento e quando la squadra di calcio è in difficoltà, è a lui che si rivolge l’allora sindaco Girolamo Fazio per prenderne le redini e portarla poi fino alla serie B. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Colpita una rete di fiancheggiatori di Messina Denaro: 14 fermi

mercoledì, maggio 10th, 2017

Blitz dei Carabinieri del Ros e del Comando provinciale di Trapani nei confronti della rete di fiancheggiatori del super boss latitante Matteo Messina Denaro. Quattordici i provvedimenti di fermo, emessi dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo e in corso di esecuzione dall’alba, a carico di altrettante persone indagate per associazione mafiosa, estorsione, detenzione illegale di armi e altri reati aggravati dalle finalità mafiose. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

“I delfini ci mangiano il lavoro”. I pescatori siciliani in sciopero

mercoledì, marzo 29th, 2017

Per i turisti i delfini che nuotano intorno alle isole Eolie sono uno spettacolo mozzafiato. Per i pescatori, invece, sono sinonimo di guai: «Appena le reti si riempiono – raccontano – i delfini le rompono e mangiano i pesci, facendo pure selezione e lasciando quelli meno pregiati come murene e scorfani»

fabio albanese
LIPARI (ISOLE EOLIE)

Da domani i pescatori delle isole Eolie sono in sciopero. Barche ferme nei porti, a tempo indeterminato, contro la voracità dei delfini che mangiano il pescato: la fame degli uomini contro la fame degli animali. «Ma non dite che gli eoliani sono contro i delfini, perchè per noi sono una risorsa al pari della pesca», avverte Marco Giorgianni, il sindaco di Lipari che è come dire il sindaco di sei delle sette isole dell’arcipelago. «Non ce l’abbiamo con i delfini – puntualizza Salvatore Rijtano, presidente del Co.ge.pa., il consorzio che riunisce buona parte dei pescatori delle Eolie – ma così non si può andare avanti e occorrono soluzioni definitive».

 

LEGGI ANCHE – Uomo contro “fera”, la guerra del cibo nel mare che diventa sempre più avaro (F. La Licata) (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Etna, esplosione dal cratere: dieci persone ferite

venerdì, marzo 17th, 2017

CATANIA – La furia dell’Etna ferisce dieci persone. Un’esplosione freatica dal cratere che si è verificata stamane, mercoledì, alle 11.30 nei pressi del fronte lavico del vulcano, precisamente nella zona Belvedere, a circa 2700 metri di quota. Sul posto erano presenti alcuni turisti e una squadra di vulcanologi dell’Ingv di Catania, impegnata nei rilievi e misurazioni scientifiche.

La prima foto satellitare dell’esplosione (la lingua di fuoco e in blu la neve)
La prima foto satellitare dell’esplosione (la lingua di fuoco e in blu la neve)

Si contano dieci feriti, in modo non grave. Sei saranno ricoverati negli ospedali di Catania e Acireale. Al momento del «botto» era presente una guida dell’Etna che è il ferito in modo più serio (ma comunque non grave) ed è ricoverato in codice giallo nell’ospedale Cannizzaro di Catania per un trauma cranico. Nello stesso nosocomio si trovano anche tre turisti tedeschi: due in codice giallo e uno in codice verde.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Dieci feriti nell’esplosione di un cratere dell’Etna

giovedì, marzo 16th, 2017

(altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.