Archive for the ‘Tecnologia’ Category

Nuovo allarme sicurezza per Whatsapp. Occhio ai file Mp4

martedì, Novembre 19th, 2019

A dare l’allarme questa volta è la società di proprietà di Mark Zuckerberg. Un file Mp4 può mettere a rischio la sicurezza di WhatsApp e consentire ai malintenzionati di prendere il controllo del dispositivo. Viene consigliato
agli utenti di aggiornare l’app all’ultima versione in cui è stata inserita una correzione di sicurezza. Secondo il sito GbHackers, al momento non ci sono evidenze del fatto che questa vulnerabilità sia stata sfruttata. A fine ottobre l’app ha fatto causa alla società israeliana Nso, accusandola di essere responsabile di attacchi mirati a circa 1.400 suoi utenti,
utilizzando uno spyware, cioè un software spia.

Le conseguenze. Un attacco di questo tipo avrebbe permesso all’hacker di scaricare e installare sui dispositivi violati un malware, un software maligno, oltre a rendere accessibili e trasferibili i dati sensibili contenuti nello stesso. E tutto questo a insaputa dell’utente. Facebook ha dichiarato di aver preso in carico il problema, etichettando la vulnerabilità come ‘CVE-2019-11931‘.

Rating 3.00 out of 5

Tik Tok, il nuovo social che fa paura alle vecchie app

mercoledì, Novembre 13th, 2019

Francesca Bernasconi

È diventata la startup tecnologica più preziosa del mondo, superando anche l’americana Uber. Si tratta della cinese Bytdance che, con una valutazione di 75 milioni di dollari è balzata in testa alla classifica mondiale.

E della startup fa parte anche il social network più scaricato del momento: Tik Tok.

Il nuovo social, che sta spopolando soprattutto tra i più giovani, si basa sullo stesso concetto alla base delle Storie di Instagram e di Snapchat, che hanno però durata permanente. Tik Tok permette, infatti, di creare brevi video, di massimo 60 secondi, con tanto di colonna sonora, da poter scegliere tra i brani più celebri del momento. La nuova app, come ricorda il Corriere della Sera, punta alla distribuzione di materiale adatto all’utente, che lo tenga incollato allo sfondo nero del social.

Rating 3.00 out of 5

Uber punta sulle due ruote: a Roma c’è Jump, la bici elettrica in sharing che sfida il traffico

martedì, Ottobre 22nd, 2019

di JAIME D’ALESSANDRO

ROMA – A venticinque all’ora per via dei Fori Imperiali, fra le occhiate serie dei vigili e qualche sguardo distratto dei turisti che camminano verso il Colosseo. L’arrivo nel centro della capitale di Jump, il servizio di bici elettriche acquisito da Uber lo scorso anno per 200 milioni di dollari circa, si fa notare. Non foss’altro per il colore dei mezzi: rosso fuoco. Roma è la prima città italiana ad esser toccata, dopo altre diciotto metropoli fra Stati Uniti e Europa. Circa settecento le bici a disposizione che dovrebbero diventare duemila ottocento nel tempo. “Ma con gradualità”, mette le mani aventi Michele Biggi, a capo dell’area del sudovest europeo di Jump.

Uber lancia Jump: ecco come funziona la bici elettrica

Rating 3.00 out of 5

Internet: come proteggere i dati personali o monetizzarli

lunedì, Ottobre 14th, 2019

di Milena Gabanelli, Fabio Savelli

Motori di ricerca, email, Facebook, Apple News, Amazon, Twitter, Google Maps, ecc: tutti servizi che utilizziamo quotidianamente senza pagare nulla. Ma questi colossi che ci mettono a disposizione tecnologie come campano? Riempiendo gli schermi di pubblicità. Internet però è il più grande mercato nella storia dell’umanità, ed ha imparato a sfruttare tutte le informazioni personali prodotte ogni volta che facciamo un clic, elaborandole in algoritmi in grado di orientare i bisogni, i comportamenti sociali, ed influenzare anche le scelte politiche. Si chiama «profilazione»: una merce molto richiesta da migliaia di aziende e gruppi di pressione.

Rating 3.00 out of 5

Guasto sulla rete Telecom, crolla la connessione: migliaia di segnalazioni in tutta Italia

giovedì, Ottobre 10th, 2019

L’hashtag #Timdown su Twitter è diventato subito uno dei trend topic della notte. Un tam tam continuo di utenti alle prese con problemi di connessione. Dall’una della notte la rete Telecom sembra essere in panne a livello nazionale. Nonostante l’orario le segnalazioni al sito Downdetector, che monitora il funzionamento delle reti telefoniche, sono già tantissime.  

Per ore – dicono molti utenti sul social network – sono risultati irraggiungibili i sistemi di assistenza 119 e 187 oltre alle varie App MyTim. Che del resto sono collegate al sito tim.it e tutta la galassia Telecom.

Secondo Downdetector, la maggior parte delle segnalazioni – che sono diverse migliaia – arrivano da Roma, Milano, Napoli, Firenze, Bologna, Torino, Padova, Brescia, Genova e Verona.

REP.IT

Rating 3.00 out of 5

Facebook compra per un miliardo di dollari Ctrl-Labs, la start-up che usa la tecnologia a interfaccia neurale

martedì, Settembre 24th, 2019

Facebook ha comprato Ctrl-Labs, una startup che sta studiando il modo di consentire alle persone di comunicare con i computer tramite segnali cerebrali. Secondo la Cnbc l’operazione vale circa un miliardo di dollari ed è stata annunciata dal vicepresidente di realtà virtuale e aumentata di Facebook, Andrew ‘Boz’ Bosworth, con un post sul social network.

Ctr-Labs si unirà al team di Facebook Reality Labs team, ha spiegato Bosworth. Facebook intende utilizzare la tecnologia a interfaccia neurale di Ctrl-Labs per sviluppare un braccialetto “che dia alle persone il controllo dei loro dispositivi come una naturale estensione del movimento”, ha aggiunto Bosworth.

Rating 3.00 out of 5

Onlife. Ecco come sarà il 6G, la rete capace di fondersi con la realtà. Parola di uno che guarda lontano

lunedì, Settembre 23rd, 2019

di JAIME D’ALESSANDRO

Mika Rantakokko, il 5 ottobre, spiegherà i principi della rete di sesta generazione. All’Università di Oulu in Finlandia ci stanno già lavorando

Mika Rantakokko, che parlerà ad Onlife il 5 ottobre, fa un lavoro interessante: guardar lontano. Dieci anni esatti da oggi, quando le reti di prossima generazione diverranno realtà. No, non stiamo parlando del 5G ma del 6G. All’Università di Oulu in Finlandia, 608 chilometri a nord di Helsinki, lui e i suoi colleghi hanno infatti lanciato la prima alleanza per le reti di sesta generazione.

“Certo, ci stiamo già lavorando” ha spiegato al nostro ultimo incontro a Barcellona. “Non sappiamo ancora cosa permetteranno con esattezza, ma è altamente probabile che la latenza sarà pari a zero e questo vorrà dire avere tutta la potenza di calcolo del cloud e i suoi immensi archivi letteralmente in tasca. Immagini cosa significa poter accedere non ad un solo servizio gestito da un’intelligenza artificiale ma avere la più potente delle Ai che monitora secondo dopo secondo quel che facciamo consigliandoci e guidandoci”.

Rating 3.00 out of 5

Chiusa la Iptv pirata Xtream Codes. Multe fino a 25mila euro per i 700 mila utenti del «pezzotto»

mercoledì, Settembre 18th, 2019

Un colpo al business della pirateria televisiva online. È scattata una vasta operazione della Guardia di finanza (Nucleo Speciale Tutela Privacy e Frodi Tecnologiche) contro una delle più importanti organizzazioni che sta dietro a una diffusa Iptv pirata a pagamento: sequestrata ed oscurata Xtream Codes. Un «pezzotto», come vengono chiamati in gergo queste soluzioni per vedere le pay tv in maniera illegale pagando cifre ridotte rispetto agli abbonamenti legali, che aveva oltre «50 milioni di utenti di cui 700mila collegati nel momento delle perquisizioni» spiega il tenente colonnello Gianluca Berruti.

Multe fino a 25mila euro

Il rischio per gli utenti è una multa da 2.500 a 25mila euro, e dai sei ai tre anni di reclusione. Sebbene sommerso e poco noto, questo settore illegale vale solo in Italia vale un fatturato di 200 milioni (leggi l’approfondimento di Federico Fubini) e conta circa 5 milioni di utenti . Secondo i militari poi sarebbero circa 6mila le persone che hanno perso il posto di lavoro a causa del «pezzotto» e del sistema costruito intorno a esso.

Rating 3.00 out of 5

L’Italia sta pagando caro l’analfabetismo digitale. Le colpe e i rimedi

mercoledì, Settembre 11th, 2019

di Milena Gabanelli e Mauro Magatti

La società digitale è ormai realtà e nei prossimi anni il processo si intensificherà, considerati i cambiamenti radicali che si stanno mettendo in moto con la diffusione dell’Intelligenza artificiale, della robotica, della realtà aumentata, dei big data. Tutte innovazioni che impatteranno sul modo di lavorare e sulle professionalità del futuro. Con il 5G nasceranno le smart city, dove per far funzionare il sistema di reti integrate (ospedali, ambulanze, traffico urbano, nettezza urbana, servizi energetici, municipali ecc) occorrerà che tutti gli addetti dei vari settori sappiano dialogare con la tecnologia.

Quartultimi in Europa
Rating 3.00 out of 5

Ricercatori Google trovano una falla negli iPhone: hackerati per 2 anni

sabato, Agosto 31st, 2019

Grosso buco nella sicurezza informatica dei telefonini Apple. Attraverso una serie di siti “malevoli” è stato possibile per due anni hackerare gli iPhone sfruttando una serie di vulnerabilità di iOS, il sistema operativo di Apple dedicato ai dispositivi mobili. La scoperta è di un gruppo di ricercatori di Google Project Zero che hanno subito avvisato i “colleghi”.

Le vulnerabilità sono state comunicate a Cupertino a febbraio e immediatamente gli ingegneri Apple hanno messo a punto le correzioni di sicurezza.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.