Archive for the ‘Tecnologia’ Category

Falla nei processori, Apple: “Colpiti tutti i dispositivi Mac e iOs”

venerdì, gennaio 5th, 2018

Bug nei processori, dispositivi a rischio

Dopo un iniziale silenzio, Apple fa chiarezza sull’impatto sui suoi dispositivi della falla scoperta nei processori Intel, Arm e Amd. Il problema riscontrato sui microchip, spiega Cupertino in una nota, colpisce “tutti i dispositivi Mac e iOs”, ma “non è possibile sapere quale impatto causi sugli utenti”. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Arriva Retrainer per riabilitare i pazienti colpiti da ictus

martedì, dicembre 19th, 2017

QN.NET

Rating 3.00 out of 5

Impennata di attacchi hacker durante le Feste: occhio alle app di Natale

lunedì, dicembre 18th, 2017

Evitare le app a tema natalizio, fare attenzione alle cartoline elettroniche e ai messaggi via social e via e-mail e diffidare dalle offerte “troppo belle per essere vere” su viaggi e shopping. E’ quanto afferma Andrea Zapparoli Manzoni, esperto di sicurezza e membro del Clusit, l’Associazione Italiana per la Sicurezza Informatica. Durante le Feste, infatti, si osserva un’impennata di tentativi di frode e di attacchi informatici condotti via web.

“Nel primo trimestre del 2017 le attività cyber-criminali andate a buon fine sono aumentate del 13% rispetto all’ultimo trimestre del 2016″, ha sottolineato Manzoni.

“Le principali minacce che possono riguardare i cittadini sono del tutto trasversali rispetto al sesso, all’età e al canale utilizzato come vettore di attacco. E’ dunque opportuno adottare comportamenti prudenti e fare attenzione a una serie di situazioni e comportamenti particolarmente rischiosi”, ha proseguito l’esperto. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

La tecnologia sposa l’artigianato: “Così si inventa il futuro”

sabato, ottobre 28th, 2017
lorenza castagneri

Lavoreranno gomito a gomito con aziende di tecnologia, simbolo della produzione su larga scala e cultrici dell’automazione. Sono stilisti, calzolai, designer di mobili, di gioielli e di accessori, pellicciai e decoratori del cuoio, che non vogliono rinunciare al carattere artigianale del loro lavoro ma puntano a instaurare nuove collaborazioni, che possano, portare, si spera, a creare prodotti originali e sviluppare idee dirompenti.

 A farli incontrare ci pensa il progetto WORTH Partnership, finanziato dalla Comunità europea, appena avviato. Creativi, startup e piccole medie imprese che operano nei settori sopra citati e sono interessate a partecipare all’iniziativa si possono già candidare fino al 31 dicembre. Nuove call si apriranno nel 2018, 2019 e 2020 fino a raggiungere un massimo di 150 progetti di partnership che coinvolgeranno, complessivamente, 450 imprese.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Scoperte falle di sicurezza nelle connessioni Wi-Fi: a rischio i dati di tutti

lunedì, ottobre 16th, 2017

I dati di milioni di persone sono a rischio a causa di falle di sicurezza che interessano le connessioni Wi-Fi. Nel Wpa2, cioè l’algoritmo di crittografia del Wi-Fi, infatti sono state trovate vulnerabilità che possono essere usate da cybercriminali per “rubare informazioni sensibili come carte di credito, password, chat, email”. Lo rileva l’università belga KU Leuven, che ha scoperto le falle, al momento non sfruttate.

Il problema si chiama KRACK (sta per “Key Reinstallation Attacks”) e non riguarda prodotti specifici, ma lo standard stesso del Wi-Fi. Ciò significa che qualsiasi Pc, smartphone e router è a rischio. “L’attacco funziona contro tutte le reti moderne Wi-Fi protette”, spiegano i ricercatori. Il consiglio è di installare sui dispositivi wireless gli ultimi aggiornamenti resi disponibili dalle aziende che, informate nelle scorse settimane, stanno correggendo le vulnerabilità. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

L’attacco hacker a Yahoo! del 2013 ha colpito 3 miliardi di utenti, il triplo di quanto comunicato inizialmente

mercoledì, ottobre 4th, 2017

Non un miliardo, come comunicato nel dicembre del 2016, ma tre miliardi di persone sono state esposte all’attacco hacker del 2013. Ovvero l’intera utenza di Yahoo! dell’epoca. Più del popolo di Facebook, Instagram e Twitter messi insieme, per rendersi conto delle proporzioni. A comunicare il nuovo clamoroso dato è la stata società di Sunnyvale, messa sotto la lente di ingrandimento da Verizon. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Gli antichi guerrieri di terracotta cinesi armati dallo smartphone Gli antichi guerrieri di terracotta cinesi armati dallo smartphone

martedì, ottobre 3rd, 2017

di GIULIANO ALUFFI

DIECI guerrieri dell’Esercito di Terracotta cinese hanno ritrovato le loro antiche armi grazie alla realtà aumentata: succede al Franklin Institute di Filadelfia, dove da sabato è aperta la mostra Terracotta Warriors of the First Emperor, che durerà fino al 4 marzo 2018 e comprende dieci delle 8.000 celebri statue (costruite 2.200 anni fa per volontà dell’imperatore Qin Shihuangdi ed estratte dagli artigli della terra nel 1974) e 160 oggetti – come le parti in ferro delle armi e utensili vari – sotterrati insieme all’esercito. Il trucco magico realizzato dagli esperti digitali del Franklin Institute consiste in questo: inquadrando le statue con lo smartphone, un’app (che il museo ha reso disponibile su Google Play e iTunes) fa ricomparire tra le mani dei guerrieri, oggi vuote, le ricostruzioni digitali delle armi che reggevano in origine: soprattutto balestre che, essendo di legno, sono andate distrutte nei millenni.

The @PhillyInquirer calls our exhibtion “An ambitious, tremendously inventive exhibit.” http://bit.ly/2xE1kBm 

Photo published for Why the Terracotta Warriors are so special, and how to see them in Philly

Why the Terracotta Warriors are so special, and how to see them in Philly

The Franklin Institute on Saturday unveils Terracotta Warriors of The First Emperor, an ambitious, tremendously inventive exhibit about one of China’s richest archaeological treasures, the massive…

philly.com

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Facebook, problemi tecnici: per alcuni utenti risulta inaccessibile

mercoledì, agosto 23rd, 2017

Dalle 11 di mercoledì per alcuni utenti sia in Europa che in altri continenti Facebook risulta inaccessibile: i problemi tecnici per il social network sembrerebbero verificarsi soprattutto con chi prova a collegarsi da computer, attraverso il browser Chrome di Google su pc con sistema operativo Windows.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Arriva il microchip sottopelle

martedì, luglio 25th, 2017
paolo mastrolilli
inviato a new york

Sapevamo che prima o poi sarebbe accaduto, però un conto è guardarlo nei film di fantascienza, e un altro nella tua mano. Stiamo parlando del microchip che dal primo agosto verrà impiantato tra il pollice e l’indice di tutti i dipendenti della compagnia del Wisconsin Three Square Market, per fare acquisti, aprire la porta dell’ufficio, in sostanza «timbrare il cartellino» e accedere al proprio computer.

 32M è un’azienda di River Falls che disegna software per i locali all’interno degli uffici dove gli impiegati vanno nei momenti di pausa. Tutte le compagnie americane li hanno, e in genere contengono macchine dove si possono comprare snack.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

«Connettere le persone non basta più»: Zuckerberg cambia la missione di Facebook

venerdì, giugno 23rd, 2017

Quando, tra qualche tempo, si guarderà ai mesi tra la fine del 2016 e l’avvio del 2017, gli studiosi del mondo dell’hi tech potrebbero cogliere i segni di un passaggio epocale: l’era di una progressiva, ma inarrestabile, presa di coscienza. E se le confessioni di uno dei cofondatori di Twitter —«The Internet is broken», «Internet non funziona più», aveva detto al New York Times Evan Williams — hanno fatto scalpore, la mossa annunciata e attuata da Mark Zuckerberg sarà forse, nei fatti, ancor più dirompente.

Il giovane che l’Economist rappresentava nelle vesti di un imperatore ha deciso di modificare la mission del suo social network: ed è la prima volta che lo fa. L’annuncio è arrivato in un summit di Facebook a Chicago, e con un post: ma la spiegazione è arrivata anche nella prima vera intervista concessa a una tv (la Cnn) dal 2012.

«Connettere le persone online non basta», sintetizza l’emittente americana, che poi cita direttamente Zuckerberg: «Negli ultimi 10 anni siamo rimasti concentrati sull’obiettivo di rendere il mondo più aperto e connesso. Non abbiamo terminato. Ma prima pensavo che, se solo avessimo dato alle persone la possibilità di esprimersi e le avessimo aiutate a connettersi, il mondo sarebbe migliorato da sé. Per molti versi è stato davvero così. Ma la nostra società è ancora divisa. Ora credo che noi abbiamo la responsabilità di fare di più. Non basta connettere il mondo: dobbiamo fare in modo che si unisca sempre più». (altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.