Archive for the ‘Scienza’ Category

Scoperta acqua su un pianeta simile alla Terra

giovedì, Settembre 12th, 2019

ROMA – C’è acqua nell’atmosfera di un pianeta che si trova a 110 anni luce dalla Terra e che ruota intorno a una stella più piccola e fredda del Sole alla distanza ideale – la cosidetta fascia abitabile – per avere temperature che permettono all’acqua di essere allo stato liquido e, forse, per poter ospitare la vita. La scoperta, pubblicata sula rivista Nature Astronomy, è del gruppo dell’University College di Londra di cui fanno parte il greco Angelos Tsiaras, l’italiana Giovanna Tinetti e il tedesco Ingo Waldmann.

Il pianeta si chiama K2-18 b ed era stato scoperto nel 2015 dal telescopio spaziale Kepler della Nasa. E’ una delle centinaia delle cosiddette super-Terre, ossia pianeti con una massa compresa fra quelle della Terra e di Nettuno. La sua massa è infatti otto volte superiore a quella del nostro e al momento è l’unico pianeta esterno al Sistema solare ad avere sia acqua, sia temperature che potrebbero sostenere la vita. La sua stella, K2-18, è una nana rossa molto attiva, tanto che il pianeta K2-18 b potrebbe essere esposto a molte radiazioni e avere perciò un ambiente più difficile rispetto a quello terrestre.

Rating 3.00 out of 5

Spazio, un asteroide gigantesco ‘sfiorerà’ la Terra il prossimo 14 settembre

martedì, Agosto 27th, 2019

È largo 290 metri e lungo 650 l’asteroide che ‘sfiorerà’ il nostro Pianeta il 14 settembre 2019. ‘2000 QW7’, questo il nome del corpo celeste, si avvicinerà alla Terra a una distanza minima di 5.3 milioni di chilometri, viaggiando a una velocità di 23.100 chilometri orari. La distanza, anche se può sembrare enorme, in realtà non lo è: si tratta di 0,03564 unità astronomiche (un’unità astronomica è la distanza media della Terra dal Sole e corrisponde a circa 150 milioni di chilometri).

Rating 3.00 out of 5

Il gene che aiuta i denti a rigenerarsi

sabato, Agosto 10th, 2019

Scoperto l’interruttore genetico che regola la riparazione dei denti: è il gene Dlk1, che agisce stimolando una particolare popolazione di cellule staminali responsabile della produzione della dentina, il tessuto che costituisce il ‘corpo’ del dente sotto lo smalto. Questo meccanismo molecolare, scoperto negli incisivi a crescita continua dei topi, può essere manipolato: nei primi test sugli animali ha dimostrato di favorire la rigenerazione, aprendo la strada a nuove cure per denti cariati o danneggiati da traumi. A indicarlo è lo studio pubblicato sulla rivista Nature Communications da una collaborazione internazionale coordinata dall’università britannica di Plymouth.

“Le cellule staminali sono molto importanti, perché in futuro potrebbero essere usate in laboratorio per rigenerare tessuti danneggiati o persi a causa di malattie, quindi è cruciale capire come funzionano”, afferma il coordinatore dello studio, Bing Hu.

Rating 3.00 out of 5

Scoperta una nuova super Terra, vicina a noi

venerdì, Agosto 2nd, 2019

CI SONO tre ‘nuovi’ mondi tra i più piccoli e vicini esopianeti mai visti fino ad oggi. A vederli per noi è stato TESS (Transiting Exoplanet Survey Satellite), il cacciatore di esopianeti erede di Kepler che ha individuato il sistema Toi-270 orbitante attorno a una stella nana del tipo spettrale M (piccola e fredda), a 73 anni luce di distanza, nella costellazione meridionale Pictor. Tre mondi ‘alieni’ (Toi-270b, Toi-270c e Toi-270d) che impiegano 3.36, 5.66 e 11.38 giorni rispettivamente per ruotare attorno al loro sole, grande un terzo del nostro.



Il sistema Toi-270 è formato da una piccola ‘super Terra’ rocciosa e due pianeti sub-Nettuno, così considerati perché grandi circa la metà del nostro gigante ghiacciato. Lo studio pubblicato su Astronomy & Astrophysics spiega come le osservazioni dei transiti da febbraio ad oggi abbiano permesso di rintracciare la “terra calda” Toi-270b, un pianeta che secondo la Nasa è più grande del nostro del 22% ma molto più caldo (254°C). E’ il terzo pianeta extrasolare roccioso conosciuto più vicino a noi.

Scoperta una nuova super Terra, vicina a noi
Rating 3.00 out of 5

Spazio, gli scienziati mostrano per la prima volta la “fotografia” di un buco nero

mercoledì, Aprile 10th, 2019

Un anello rossastro “sfocato” al centro della galassia M87 con una massa sei miliardi e mezzo di volte più grande del nostro Sole: appare così la prima immagine in assoluto di un buco nero. “Quella che abbiamo visto è l’ombra di un buco nero”, ha spiegato Luciano Rezzolla, direttore dell’Istituto di Fisica Teorica di Francoforte. La rivelazione, nata dalle intuizioni di Einstein, apre un nuovo affascinante capitolo dell’astrofisica.

Spazio, gli scienziati mostrano per la prima volta la "fotografia" di un buco nero

E’ la prima prova visiva diretta di un buco nero e della sua ombra. Si tratta dell’immagine dell’orizzonte degli eventi del buco nero supermassiccio, con una massa equivalente a 6,5 miliardi di masse solari, che si trova a 55 milioni di anni luce dalla Terra, al centro della galassia Messier 87. A “scattare” la storica fotografia sono stati gli scienziati della collaborazione internazionale Eht, Event Horizon Telescope, cui partecipano ricercatrici dell’Istituto nazionale di fisica nucleare, e dell’Istituto nazionale di astrofisica.

Rating 3.00 out of 5

Un nuovo batterio esiste in natura. Il suo Dna creato dal computer

martedì, Aprile 2nd, 2019

di ELENA DUSI

ALL’elenco dei viventi oggi si è aggiunta una nuova specie. E per la prima volta non è figlia dell’evoluzione, ma del computer. I ricercatori del Politecnico di Zurigo hanno ordinato a un software di “sfornare” il genoma di un batterio dalle caratteristiche desiderate. I circuiti di silicio si sono messi al lavoro e hanno generato un elenco di lettere: A, C, G e T. E’ il codice del Dna, perfezionato dalla natura in miliardi di anni, che fa corrispondere a ogni gruppo di lettere una serie di proteine: i mattoni che compongono i viventi. L’uomo ha imparato a leggere questa lingua una trentina di anni fa. Ora si sta sforzando anche di scriverla.

Il risultato è il Dna di un batterio artificiale che si chiama Caulobacter ethensis 2.0 ed è un mix di ambizione e (ma ancora per poco) imperizia. I risultati sono stati pubblicati lunedì sera sulla rivista Pnas. Gli scienziati di Zurigo si sono aiutati ispirandosi a un batterio naturale, semplice e innocuo, che vive nell’acqua fresca: il Caulobacter crescentus. Convinti di poterlo migliorare, hanno deciso di tagliare le parti inutili del suo Dna, passando da 4mila a 680 geni.

Rating 3.00 out of 5

Il 19 febbraio la super Luna più grande dell’anno

martedì, Febbraio 19th, 2019
Il 19 febbraio la super Luna più grande dell'anno

LA LUNA è la protagonista del cielo di febbraio: appuntamento martedì 19 con la luna piena più grande dell’anno. Sarà una super Luna, un evento che si verifica “quando il nostro satellite si trova alla minima distanza dalla Terra, al cosiddetto perigeo, che sarà di circa 356.761 chilometri il 19 febbraio”, spiega l’Unione astrofili italiani (Uai). “Le dimensioni apparenti della Luna saranno, quindi, maggiori: la differenza di diametro rispetto a una Luna piena media – precisa la Uai – sarà del 7%, e la luminosità del 30% in più”.
La luna apparirà più grande e più vicina al normale.

Come ogni super Luna di febbraio, anche quella di quest’anno prende il nome di “luna di neve” – o in alternativa “luna di fame” – un lascito derivante dalla tradizione di alcune tribù native americane negli Stati Uniti.

La super Luna di febbraio sarà alla portata di tutti, a differenza di un altro evento che vede protagonista sempre il nostro satellite in questo mese. All’alba del 2 febbraio, infatti, la Luna si è divertita a giocare con Saturno, occultandolo. “Un evento – spiegano gli astrofili – che sarebbe spettacolare, ma difficile osservare perché i due astri sono estremamente bassi sull’orizzonte orientale.

Rating 3.00 out of 5

Eclissi totale di Luna: la prossima volta sarà nel 2028

lunedì, Gennaio 21st, 2019
Eclissi totale di Luna: ecco gli scatti imperdibili
Eclissi totale di Luna: ecco gli scatti imperdibili

Alle 6:12 italiane la Luna è stata interamente coperta dalla Terra: un’eclissi totale che non si ripeterà per almeno 10 anni. La prossima, con le stesse caratteristiche, sarà il 31 dicembre 2028. Il fenomeno avviene quando il Sole, la Terra e la Luna sono allineati e quindi la Terra, nascondendo la luce del Sole alla Luna, proietta su di essa un cono di penombra ed un cono d’ombra, che sono coassiali.

Rating 3.00 out of 5

Valle dei Re, l’egittologo Zahi Hawass: “Individuata la tomba di Cleopatra, sepolta insieme a Marco Antonio”

martedì, Gennaio 15th, 2019

ROMA – Nella Valle dei Re e ad Alessandria si lavora con le tecnologie più avanzate per svelare i misteri ancora irrisolti delle piramidi egiziane e per trovare la tomba di Cleopatra. La regina sarebbe sepolta insieme a Marco Antonio, l’uomo con cui condivise il declino del regno tolemaico e il passaggio dell’Egitto sotto la Roma imperiale di Ottaviano.

Il punto sulle ricerche, che hanno già dato risultati importanti e liquidato molte leggende, è stato fatto a Palermo da Zahi Hawass, considerato il massimo egittologo al mondo, che per iniziativa di BcSicilia ha tenuto in un’aula gremitissima dell’Università di Palermo una conferenza sulla sua lunga esperienza.

Hawass sostiene di avere già individuato la tomba della regina e di essere sulle tracce di quella di Marco Antonio. I fedelissimi di Cleopatra ne avrebbero occultato il corpo mummificato, seppellendolo con in un luogo sacro e sicuro: avrebbero così unito simbolicamente un comune destino di morte e di amore.

Rating 3.00 out of 5

La Cina sul lato oscuro della Luna

venerdì, Gennaio 4th, 2019

La sonda Chang’e-4 ha toccato il suolo “con successo” sulla faccia nascosta della Luna alle 10:26 locali (3:26 in Italia). Lo ufficializzano i media cinesi dopo alcune ore di suspense sul buon esito della missione iniziata il 7 dicembre per la conquista di un risultato finora mai ottenuto nell’area inesplorata del satellite terrestre. Chang’e-4 era stato anche il primo veicolo spaziale a posarsi sulla Luna 40 anni dopo la missione sovietica Luna 24, del 1976.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.