Archive for the ‘Piemonte’ Category

Torino, pensionato uccide moglie, figlio disabile e padroni di casa a Rivarolo Canavese. Poi, si spara: è grave

domenica, Aprile 11th, 2021

Strage a Rivarolo Canavese (Torino) dove nella notte un pensionato ha ucciso la moglie, il figlio disabile e i padroni di casa. Poi, si è sparato, ferendosi gravemente e ora è ricoverato in gravi condizioni in ospedale a Torino. Lotta infatti tra la vita e la morte Renzo Tarabella, 83 anni. 
I carabinieri hanno rinvenuto poco dopo le 3 di stamani le quattro persone morte all’interno di un appartamento. Erano state colpite nelle ore precedenti con una pistola da un inquilino pensionato che, durante le fasi di accesso dei militari dal balcone dell’appartamento con l’ausilio dei vigili del fuoco, si è sparato ferendosi in modo grave.

Quattro vittime

Le persone decedute sono la moglie e un figlio disabile del pensionato, nonché una coppia di anziani coniugi, proprietari dell’appartamento e domiciliati in un altro alloggio al piano di sopra del medesimo stabile. La moglie del pensionato, Rosaria Valovatto, aveva 79 anni, mentrei il figlio Wilson aveva 51 anni.

Uccisi anche i vicini, proprietari della casa in cui viveva il pensionato con la sua famiglia: Osvaldo Dighera, di 74 anni, e la moglie Liliana Heidempergher, di 70.

La pistola era regolarmente detenuta

L’uomo si è sparato, ferendosi in modo grave, con la stessa pistola semiautomatica calibro 9×21 detenuta in modo regolare.

Le indagini sul movente

I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Torino stanno effettuando i rilievi nell’appartamento di Rivarolo Canavese, al quinto piano di un condominio di Corso Italia, in cui 83enne Renzo Tarabella ha ucciso la moglie Rosaria Valovatto, 79 anni, il figlio disabile di 51 anni, Wilson, e i padroni di casa Osvaldo Dighera e Liliana Heidempergher, marito e moglie di 74 e 70 anni. È accaduto al civico 46, nel centro della cittadina, poco più di 12 mila abitanti a mezz’ora d’auto da Torino. I carabinieri stanno anche ascoltando vicini di casa e parenti per ricostruire quanto accaduto e delineare un movente.

A dare l’allarme, secondo una prima ricostruzione, è stata la figlia dei proprietari di casa. La donna, che abita in un edificio di fronte ai genitori, non riuscendo a contattarli al telefono, è andata a suonare il campanello e, non trovandoli in casa, ha chiamato i carabinieri.

Rating 3.00 out of 5

Tragedia a Sestriere: uomo precipita nel vuoto dopo essersi seduto ad una staccionata crollata di colpo

sabato, Febbraio 20th, 2021

SESTRIERE. Un uomo di cui non sono state ancora rese note le generalità è morto a Sestriere sul sentiero che porta in località Monterotta. Con altri tre amici si è appoggiato o forse seduto su una staccionata lungo il cammino che di colpo ha ceduto. Le persone che erano con lui sono riuscite in qualche modo ad aggrapparsi alla struttura, mentre lui è caduto nel vuoto. Immediati quanto inutili i soccorsi con l’elicottero.

LA STAMPA

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus: in Piemonte è allarme per i contagi tra i ragazzini, si valutano zone rosse locali

giovedì, Febbraio 18th, 2021

alessandro mondo

TORINO. Continua in Piemonte la lenta discesa dei ricoveri di persone con il coronavirus. Oggi l’Unità di Crisi della Regione ha comunicato che i ricoverati in terapia intensiva sono 128 ( – 10 rispetto a ieri). I ricoverati non in terapia intensiva sono 1.866 (- 9 rispetto a ieri). Ma c’è una novità.  «Registriamo un trend crescente nella fascia di età 6-10 anni. I giovani di stanno contagiando di più rispetto agli anziani». Lo ha spiegato l’assessore alla Sanità Luigi Icardi, nel corso di un’informativa tenuta in Consiglio regionale.

Cirio: “Situazione stabile, il Piemonte resterà zona gialla”

Anche giovani e bambini stanno così entrando nelle statistiche, ragione per cui le raccomandazioni di massima attenzione e di cautela per l’ingresso nelle scuole di alunni che presentano anche solo i sintomi del raffreddore vengono ribadite.

Altro dato emerso dall’informativa è che la Giunta sta pensando alla possibilità di istituire zone rosse circoscritte laddove ci fossero focolai di varianti Covid sul nostro territorio.
«La media giornaliera di contagiati è di 718 casi – ha proseguito Icardi – la riduzione è molto lenta, si evidenzia una generale costanza, con questo dato nuovo di positivi di giovane età».

Rispondendo a una domanda di Mauro Salizzoni (Pd) circa la possibile incidenza delle varianti, in generale l’assessore ha spiegato che «abbiamo tutte le condizioni per rimanere in zona gialla, tutti i parametri ci dicono che è ragionevole pensare di restare in questa condizione. Certo, abbiamo previsioni non rosee sull’andamento possibile futuro dei contagi per quanto riguarda le varianti, per questo stiamo spingendo con il Governo per avere più dosi di vaccini».

Al momento la variante inglese circola nelle regioni con percentuali fino al 59%, con una media del 17%, «per fortuna è intercettata dal vaccino ma è molto più contagiosa della versione originale e non ci sono evidenze sulla maggiore o minore virulenza. In Piemonte sono stati individuati 23 casi».

Rating 3.00 out of 5

Maxi incidente sull’A32, coinvolti 20 veicoli, due morti: chiusa la Torino-Bardonecchia

sabato, Febbraio 13th, 2021

Francesco Falcone

Grave incidente in mattinata sulla A32. A causa del fondo stradale ghiacciato, all’altezza dell’imbocco della galleria di Serre la Voute, tra Exilles e Salbertrand, un’auto ha sbandato provocando tamponamenti a catena che hanno coinvolto 20 veicoli. Venti i feriti trasferiti negli ospedali di Rivoli e Susa. Due feriti più gravi sono stati subito trasportati al Cto di Torino. Purtroppo le prime notizie parlano anche di due morti, una donna e un uomo, quest’ultimo sulla quarantina. Al momento non sono state fornite le generalità Dalle 11 l’autostrada Torino-Bardonecchia è stata chiusa al traffico da Susa a Oulx. I veicoli diretti verso l’Alta Val di Susa e la Francia sono al momento deviati sulla Statale 24 del Monginevro alle porte di Susa. Attualmente per raggiungere Oulx da Susa e imboccare nuovamente la A 32 sono previste code di due ore. La Croce Rossa di Susa è impegnata a fornire acqua e cibo alle persone incolonnate. Maxi tamponamento sulla Torino-Bardonecchia a causa del ghiaccio, la scena dell’incidente filmata da un automobilista

I mezzi di soccorso dell’A32 e la polizia stradale di Susa stanno facendo uscire dall’autostrada le auto non coinvolte nello schianto attraverso il bypass, dopodiché cominceranno le operazioni di rimozione dei rottami delle auto incidentate. La circolazione sull’Autofréjus, secondo quanto dichiarano gli operatori, non potrà riprendere regolarmente prima di questa sera. Incidente sulla Torino-Bardonecchia, le immagini tra i rottami delle auto coinvolte

Rating 3.00 out of 5

Covid, Asl taglia lo stipendio a un medico negazionista piemontese | Con un video diceva di non usare i vaccini

mercoledì, Dicembre 30th, 2020

Un medico è stato sanzionato per aver diffuso sul web teorie negazioniste sulla pandemia. E’ quanto ha deciso l’Asl nei confronti di Giuseppe Delicati, medico di famiglia a Borgaro, nel Torinese. In un video il medico sollevava forti dubbi sull’esistenza della pandemia e sull’efficacia del vaccino antinfluenzale, citando fonti non meglio specificate del Pentagono. La sanzione consiste anche nella riduzione dello stipendio per 5 mesi.

giuseppe delicati medico negazionista

Il video che ha “incastrato” il medico – “Mi chiamo Giuseppe Delicati. Sono un ex ufficiale medico dell’Aeronautica. Volevo fare un invito per la prossima vaccinazione antinfluenzale”. Iniziava così il video del medico di Borgaro Torinese che era stato anche denunciato per procurato allarme. Il dottor Delicati era finito nell’occhio del ciclone per le sue esternazioni sul Covid e, soprattutto, sul vaccino antinfluenzale.  Leggi Anche

Covid, Ippolito (Spallanzani): “Per i medici vaccino o sospensione dal servizio” | Sileri: “Valutiamo l’obbligo”

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, muore giovane mamma di 21 anni

martedì, Novembre 10th, 2020

di Floriana Rullo

Coronavirus, muore giovane mamma di 21 anni

Chiara Cringolo, 21 anni

Le avevano diagnosticato il Coronavirus il 21 ottobre dopo essere stata ricoverata in ospedale a Ivrea in provincia di Torino per l’aggravarsi di alcuni sintomi influenzali. Aveva 21 anni, Chiara Cringolo. È morta alle Molinette per le complicanze legate alla malattia. La ragazza, mamma di un bimbo di un anno, abitava a Romano Canavese. A dare notizia della sua scomparsa è il sindaco Oscarino Ferrero che si unisce al dolore della comunità: «La notizia ci ha lasciato attoniti e ci rende consapevoli che le conseguenze di questa pandemia ci possono toccare da molto vicino».

«Chiara non aveva nessuna patologia. Nessun problema nemmeno al cuore. Non capiamo che cosa sia accaduto». A parlare è la mamma di Chiara, Barbara. «Aveva solo un po’ di tosse e qualche linea di febbre». Era il 19 ottobre. «Quando mi ha chiamata il giorno dopo non riusciva a respirare. Per questo l’ho portata al pronto soccorso. Il tampone è risultato positivo. Non l’ho più vista. Ci chiamava un medico tutti i giorni e ci aggiornava sulle sue condizioni. Poi ieri alle 14,45 ci ha detto che era morta. Siamo positivi anche noi, ora stiamo aspettando i risultato dei tamponi, gli ultimi erano positivi. Se lo saranno ancora rischiamo di non poter dare neanche l’ultimo saluto a nostra figlia».

A Chiara il coronavirus, che aveva provocato una polmonite bilaterale, era stato diagnosticato il 21 ottobre all’ospedale di Ivrea dopo che la ragazza aveva accusato tosse e sintomi influenzali. Portata in terapia intensiva alle Molinette, ha iniziato apparentemente a migliorare, ma venerdì scorso il quadro clinico è precipitato.

Rating 3.00 out of 5

Il maltempo flagella il Nord, 11 dispersi in Piemonte | Aosta, cade pianta: morto vigile del fuoco

sabato, Ottobre 3rd, 2020

Il maltempo flagella il Nord. Critica la situazione in Piemonte, dove si contano undici dispersi. Gravi i danni causati a Limone Piemonte (Cuneo) dall’esondazione del torrente Vermegnano. A Garessio, sempre nel Cuneese, è esondato il Tanaro. Violente piogge anche in Veneto e in Valle D’Aosta. Un vigile del fuoco volontario di Arnad, in provincia di Aosta, è morto a causa del maltempo. 

Undici dispersi in Piemonte Sono undici le persone disperse a causa del maltempo che si è abbattuto sul Piemonte. Lo ha reso noto la Regione. Dieci sono i dispersi nel Cuneese, su cui si stanno facendo verifiche tra il versante italiano e quello francese. Un altro disperso si registra nel Vercellese, caduto con la sua auto nel Sesia. Il presidente del Piemonte, Alberto Cirio, ha chiesto lo stato d’emergenza. Chiusa per precauzione, dopo l’esondazione del torrente Dora,l’autostrada A5 Torino-Aosta tra gli svincoli di Quincinetto e Scarmagno.

Limone Piemonte, il sindaco: “Situazione catastrofica” – Gravissimi i danni a Limone Piemonte (Cuneo), dove la statale 20 del colle di Tenda che collega il paese con la vicina Vernante è stata interrotta venerdì sera dopo essere diventata un fiume di detriti e massi per l’esondazione di almeno due torrenti, tra cui il Vermenagna. “La situazione è catastrofica – ha detto il sindaco Massimo Riberi -, sono esondati rii e torrenti, cancellando strade e facendo crollare una palazzina in corso di ristrutturazione. Vie dissestate, la celebre strada romana non c’è più. Acqua e fango hanno invaso la statale del colle di Tenda”. 

Rating 3.00 out of 5

Torino, uccide il figlio di 11 anni e si suicida. Annuncia la tragedia su Facebook

lunedì, Settembre 21st, 2020

Torino 21 settembre 2020 – Immane tragedia che provoca un sentimento di sgomento profondo. Ancora una volta un genitore ha ucciso il figlio e poi si è suicidato. Questa notte in provincia di Torino in un’abitazione di via Beltramo a Rivara nel Canavese. Un uomo di 47 anni, Claudio Baima Poma, italiano, operaio in un’azienda meccanica, ha utilizzato una pistola non legalmente detenuta per uccidere il figlio di 11 anni, Andrea. Poi, con la stessa arma, si è tolto la vita. L’allarme è scattato poco prima delle due. Sono in corso gli accertamenti sull’episodio da parte dei carabinieri della compagnia di Venaria Reale (Torino). Papà e figlio sono stati trovati nella camera da letto.

L’uomo era separato dalla compagna e soffriva di depressione. Agghiacciante il post su Facebook indirizzato alla compagna Iris in cui praticamente annuncia quello che avrebbe fatto.

Il post su Facebook

Prima di consumare una tragedia, l’uomo ha scritto un lungo post su Facebook in cui si rivolge alla ex convivente, Iris, la madre del bambino: “Abbiamo trascorso momenti bellissimi – scrive il 47enne – fino a quando ho iniziato ad avere problemi di schiena e di conseguenza un danno permanente alla gamba. Esattamente una settimana prima mi avevi chiesto di sposarti, ma poi hai iniziato a allontanarti piano piano. Da quel momento sono caduto in depressione e non mi sono più tolto da questo incubo”.

Rating 3.00 out of 5

Medico va a lavorare con 38,5 di febbre. Positivo al Covid, contagiati 4 operatori

domenica, Settembre 13th, 2020

Torino- Un medico risultato poi positivo al Coronavirus avrebbe lavorato in reparto dell’ospedale di Alessandria pur avendo la febbre a 38,5 gradi. Il caso della positività del dipendente al Coronavirus era già stato reso noto ieri dalla stessa azienda ospedaliera, oggi il dettaglio della febbre che sarebbe stata abbondantemente fuori dai limiti ammessi è riportato dal quotidiano La Stampa. Si tratta di un medico in servizio nel reparto di Ginecologia e Ostetricia dell’ospedale Santi Antonio e Biagio e ora ricoverato in condizioni che, secondo voci non confermate, sarebbero gravi. Ai colleghi avrebbe detto che aveva solo un’influenza. Ora sarebbero quattro i casi positivi al Covid risultati a seguito dei controlli eseguiti sugli operatori del reparto di Ginecologia: per tutti sono già state attivate le procedure del cado ed è stato disposto l’isolamento domiciliare.

“Se le indiscrezioni saranno confermate, saremo severi perché non possiamo giocare con la vita delle persone“. Così l’assessore alla Sanità del Piemonte, Luigi Icardi, interpellato dall’Adnkronos sulla vicenda. “Sulla vicenda ho già chiesto una relazione ai dirigenti sanitari dell’ospedale per capire come si sono svolti i fatti che dovrei ricevere nelle prossime – aggiunge Icardi -, certo se le indiscrezioni di queste ore saranno confermate, non si tratterebbe solo di un problema ma si sarebbe creata una vera e propria situazione di pericolo che richiederebbe non solo un provvedimento disciplinare ma anche una segnalazione all’autorità giudiziaria”. 

Coronavirus, il bollettino del 12 settembre

Rating 3.00 out of 5

Auto finisce fuori strada sulle montagne del Cuneese: morti cinque giovani

mercoledì, Agosto 12th, 2020

Cinque giovani sono morti in un incidente avvenuto nella notte a Castelmagno, in alta Valle Grana, sulle Alpi Cozie meridionali della provincia di Cuneo. Si trovavano a bordo di un Land Rover Defender 130 che, per cause da chiarire, è uscito di strada in prossimità del rifugio Maraman. Le vittime sono il conducente 24enne e quattro ragazzini tra gli 11 e i 16 anni. Feriti altri quattro ragazzi, due sono gravi.

Tutti gli occupanti sono stati sbalzati fuori dall’abitacolo del mezzo che è finito a circa 200 metri dalla sede stradale. Sul posto sono intervenuti vigili del fuoco, carabinieri, 118 e soccorso alpino. Le giovani vittime sono tutte della provincia di Cuneo ed è probabile che si trovassero in alta Valle Grana in villeggiatura con le famiglie. Alcuni parenti sono arrivati sul luogo dell’incidente dopo pochi minuti. 

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.