Archive for the ‘Piemonte’ Category

Madre uccide i due figli con un’iniezione letale. La lettera: “Non ce la faccio più”

venerdì, Novembre 16th, 2018

Aosta, 16 novembre 2018 – Ha scelto la sera in cui il marito era fuori, ha sedato i suoi figli e poi li ha ‘giustiziati’ con un’iniezione letale. Chissà cos’è passato per la testa a Marisa Charrère, 48 anni, di professione infermiera, e mamma. Lei non lo dirà: dopo i piccoli Nissen di 7 anni e Vivien di 9, ha ucciso anche se stessa. A cercar di rispondere a quel terribile gesto – che ha sconvolto il paesino di Aymavilles, pochi chilometri da Aosta – sono gli inquirenti, che hanno tra le mani le lettere che la donna ha scritto prima di togliersi la vita, ma anche il marito Osvaldo, forestale: lui non cancellerà mai dai suoi occhi le immagini dell’eccidio della sua famiglia, di cui è stato il primo testimone.

Subito dopo aver scoperto i corpi di moglie e figli, l’uomo ha allertato le forze dell’ordine, verso mezzanotte. Sul posto è intervenuta la squadra mobile della questura e si è recato il pm Carlo Introvigne.

LA LETTERA – “Non ce la faccio più”: in due brevi, identiche lettere scritte a mano, Marisa Charrere ha provato a mettere nero su bianco il disagio che l’ha portata a compierequel terribile  gesto. Sui due fogli le stesse parole ma un’impaginazione diversa. Gli inquirenti si sono assicurati che la calligrafia fosse la sua confrontandola con altri scritti trovati in casa.

Da uno uno scambio di sms – appena ieri – con alcune colleghe infermiere per discutere di lavoro, la madre assassina sembrava “lucida e tranquilla“. Marisa Charrere era in servizio nel reparto di Cardiologia. “Non abbiamo nulla da dire”, dichiara al telefono la caposala.

Aosta, l'esterno della casa dove una madre ha ucciso i figli con iniezioni letali (Ansa)
Aosta, l’esterno della casa dove una madre ha ucciso i figli con iniezioni letali (Ansa) (altro…)
Rating 3.00 out of 5

Sabato tutte le categorie produttive in piazza contro i no

martedì, Novembre 6th, 2018

Le categorie produttive di Torino sposano la manifestazione contro i no. Sabato il mondo delle imprese, degli ordini professionali e una parte del sindacato sarà in piazza assieme all’onda, la protesta spontanea nata sui social network. Non ci saranno bandiere ma le categorie invitano tutti gli iscritti a partecipare.

La decisione
La decisione arriva dopo un incontro di tre ore nel centro congressi della Camera di Commercio dove si è concordata una linea comune a difesa del territorio «senza etichette politiche ma con la forte consapevolezza dell’importanza del ruolo di cittadini che amano questo Paese. Non siamo -dice Corrado Alberto, presidente dell’Api-, contro qualcuno, ma contro una politica che non tiene conto della realtà che tutti noi cittadini viviamo ogni giorno, una politica che non dà futuro alle nostre imprese, attività, al lavoro e ai nostri figli».

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Due morti e 18 feriti nell’incidente ferroviario tra un Tir e un treno a Caluso

giovedì, Maggio 24th, 2018
REPORTERS
giampiero maggio
caluso

Si aggrava il bilancio dell’incidente ferroviario accaduto poco dopo le 23,20 di ieri, mercoledì 23 maggio, sulla linea ferroviaria Torino – Chivasso – Ivrea. Salgono a due i morti. Uno è il macchinista del treno, Roberto Madau, 61 anni, di Ivrea. Fra pochi mesi sarebbe dovuto andare in pensione. L’altra vittima sarebbe l’autista del furgone di scorta che anticipava il passaggio dei due Tir che stavano effettuando un trasporto eccezionale e il primo dei quali centrato dal convoglio. Al momento, però, non si conoscono le sue generalità. I feriti sono 18, uno in condizioni gravissime (si tratta della capotreno, in coma farmacologico) e un codice giallo, entrambi trasportati al Cto; gli altri feriti, meno gravi, sono stati smistati nei vari ospedali del Torinese, tra Chivasso, Ciriè, il Giovanni Bosco di Torino e Ivrea.

 

 

REPORTERS

Le indagini

Intorno all’1 è arrivato il procuratore capo di Ivrea, Giuseppe Ferrando, con lui il comandante del nucleo provinciale dei carabinieri di Torino, il colonnello Emanuele De Santis, i vertici della Polfer. Sul luogo dell’incidente è stata organizzata una vera e propria task force. I vigili del fuoco hanno coordinando i soccorsi, ogni dettaglio viene vagliato e ancora non si sa quando il treno deragliato, con le tre carrozze fuori dai binari e le ultime due rimaste in carreggiata, potranno essere rimosse. «Mi hanno detto che ci vorranno due, forse tre giorni» scuote la testa Maria Rosa Cena, il sindaco di Caluso che sta organizzando assieme ai pompieri e alla protezione civile la macchina operativa. L’emergenza è stata coordinata da 118 e Città della Salute.
(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Morto Mondonico, portò il Toro alla finale di Coppa Uefa

giovedì, Marzo 29th, 2018

ivana crocifisso
torino

Ha combattuto strenuamente contro la malattia, non perdendosi mai d’animo: Emiliano Mondonico si è spento questa mattina, all’età di 71 anni. L’allenatore è stato legato indissolubilmente al Toro: da giocatore ha vestito la maglia granata per due stagioni, dal 1968 al 1970, ma è stata certamente l’esperienza sulla panchina di quella squadra a consegnarlo per sempre al cuore dei tifosi, e alla storia del calcio italiano. Indimenticabile la cavalcata Uefa del Torino nella stagione 1991/1992, quando i granata sconfissero in semifinale il Real Madrid e si arresero in finale all’Ajax. L’ex tecnico del Toro lascia la moglie Carla e le figlie Clara e Francesca.

LA STAMPA

 

Rating 3.00 out of 5

Antifascisti contro CasaPound, guerriglia nelle strade di Torino

venerdì, Febbraio 23rd, 2018

massimiliano peggio, lodovico poletto
torino

È una serata di guerriglia quella scatenata dalle anime antifasciste accorse nel centro di Torino per assediare la convention di Simone Di Stefano, leader di CasaPound. Lacrimogeni, petardi, bombe carta, lancio di bottiglie e pietre grosse come un pugno. Sei agenti sono rimasti feriti durante un contatto ravvicinato con i manifestanti dall’esplosione di bombe carta contenenti chiodi e cocci. Il più grave è stato colpito a una gamba da un bullone conficcato in un petardo. È stato operato.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

In fiamme il monastero della Sacra di San Michele

giovedì, Gennaio 25th, 2018

gianni giacomino
inviato a sant’ambrogio

«Io per la Sacra sono disposto a morire». I bagliori gli illuminano il volto mentre guarda lassù, sul tetto che brucia come il monastero descritto da Umberto Eco del Nome della Rosa. Padre Giuseppe Bagatini, 82 anni, rettore del monastero, indossa un cappotto blu per coprire la vestaglia, sulla testa e un berretto di lana scura. «Vivo qui da quindici anni. Avevamo appena finito di cenare quando abbiamo visto il fumo». Ha lasciato il monastero insieme agli altri due padri rosminiani che abitano l’Abbazia, Joseph Vinod e Camillo Modesto. «Ero andato a preparare le cose per la messa di domani e mi sarei andato a dormire – racconta – Avevo acceso il computer che a un tratto si è spento. Era saltata la corrente. Ho guardato fuori dalla finestra e ho visto che eravamo avvolti da una nebbia. Quando ho capito che invece era fumo, abbiamo subito dato l’allarme».

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Crolla una scena della Turandot: due coristi feriti

venerdì, Gennaio 19th, 2018

Fabrizio Assandri, Lodovico Poletto
torino
 

Incidente sul palco del Regio, durante la «Turandot». Nel corso della serata si è staccata una scena: pezzi della struttura hanno colpito due coristi. Lo spettacolo è stato interrotto per soccorrere i feriti. I due coristi hanno riportato ferite non gravi: sono stati soccorsi e medicati dal personale delle ambulanze del 118.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Maltempo in Val dʼAosta, valanga sulla strada: anche Cogne isolata

lunedì, Gennaio 8th, 2018

Maltempo in Val d'Aosta, valanga sulla strada: anche Cogne isolata

Valanga sulla strada regionale di Cogne, poco prima del capoluogo, in Valle d’Aosta. La massa di neve è scesa all’altezza della frazione di Epinel. La strada regionale è stata chiusa e la località turistica valdostana è attualmente isolata. Sono in corso le operazioni, anche con l’ausilio dei vigili del fuoco, per rimuovere la valanga dalla sede stradale.

TGCOM

 

Rating 3.00 out of 5

In VdA qualche ora di tregua del maltempo, ma nel fine settimana altre forti precipitazioni

venerdì, Gennaio 5th, 2018

alessandro mano
aosta

La tempesta «Eleanor» dovrebbe dare una tregua alla Valle d’Aosta nella giornata di oggi e anche il rischio di valanghe è segnalato in calo. L’ufficio meteo regionale prevede per oggi una giornata «inizialmente nuvolosa nei settori di confine, con deboli nevicate in montagna», ma «abbastanza soleggiata altrove» con «schiarite ovunque, più ampie nel pomeriggio». Le temperature saranno però in calo, soprattutto le massime in montagna. Sarà però un’interruzione temporanea, perché da sabato tornerà il maltempo, con neve a quote più basse rispetto a ieri.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Asti, rapita e stuprata per 24 ore: presi due pregiudicati tunisini

martedì, Dicembre 12th, 2017

Rapita, legata con il cavo di un telefono, picchiata e violentata per 24 ore da due tunisini.

È l’incubo che ha vissuto una 30enne di Alessandria sequestrata e rinchiusa in uno scantinato ad Asti.

La donna è stata liberata dalla polizia grazie a un messaggio che è riuscita a inviare a un’amica su WhatsApp. La 30enne aveva nascosto il cellulare ai suoi aguzzini. Il padre, lo scorso venerdì, ne aveva denunciato la scomparsa e la polizia aveva subito avviato le prime ricerche. (altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.