Archive for the ‘La Giustizia’ Category

Da Napoli a Roma, cade la prova regina: “Adesso l’indagine riparte da zero”

martedì, aprile 11th, 2017
francesco grignetti
roma

E ora, zitti e pedalare. Su Consip, per stare alle parole di uno dei magistrati di Roma, «si riparte da zero». L’umore alla procura retta da Giuseppe Pignatone non potrebbe essere peggiore. Non fa mai piacere prendere in mano un’indagine impostata da altri, ovvero la procura di Napoli, e come primo atto defenestrare i carabinieri che l’avevano portata avanti fino a quel momento (accadeva il 4 marzo, quando i pm romani ritiravano la delega ai carabinieri del Nucleo Ecologico per eccessi nelle fughe di notizie e l’affidavano al Nucleo Investigativo dei carabinieri di Roma). Ancora meno è scoprire che quell’indagine è stata viziata da errori e da un macroscopico falso (scoperta del 6 aprile).

 

LEGGI ANCHE – Una svolta che riapre la partita (M. Sorgi)

 

Inchiesta azzoppata, non c’è che dire. Di sicuro agli atti non c’è più la cosiddetta «prova regina», perché manca quella intercettazione che faceva da architrave all’intera costruzione. Già, ovviamente cambia tutto se non è l’imprenditore Alfredo Romeo, ma banalmente il suo lobbista Italo Bocchino, a dire «Renzi, l’ultima volta che l’ho incontrato…». La frase dell’imprenditore doveva servire da sigillo. Doveva essere la prova inoppugnabile che Tiziano Renzi avesse parlato vis-a-vis con Alfredo Romeo. I due, indagati, potevano pure mentire, negare, omettere. Tanto, c’era l’intercettazione a incastrarli. Il tutto condito da particolari gustosi come quella testimonianza, sia pure indiretta, di chi citava un incontro clandestino «in una bettola a Roma». (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Sarah Scazzi, confermato l’ergastolo per Sabrina e Cosima. Arrestato anche Michele Misseri

mercoledì, febbraio 22nd, 2017

Sono state Sabrina Misseri e la madre Cosima Serrano a uccidere Sarah Scazzi nell’agosto del 2010 ad Avetrana. A sancirlo sono stati i giudici della prima sezione penale della Cassazione che hanno confermato tutte le pene decise in appello. Ergastolo per Sabrina Misseri e Cosima Serrano, otto anni di reclusione per Michele Misseri, ritenuto colpevole di soppressione di cadavere. Pena ridotta a 4 anni e 11 mesi per Carmine Misseri, accusato di aver aiutato il fratello Michele. Confermate, infine, le pene per Vito Russo junior e Giuseppe Nigro, entrambi condannati a un anno e quattro mesi per favoreggiamento personale.

Omicidio Scazzi, Michele Misseri arrestato dai carabinieri: “Ha scritto una lettera per Sarah”

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Il mistero sull’informativa che voleva Bazoli in manette

sabato, dicembre 3rd, 2016
Rating 3.00 out of 5

“Sanitopoli” in Abruzzo, Cassazione annulla la condanna allʼex governatore Del Turco

sabato, dicembre 3rd, 2016

Ci sarà un nuovo processo per l’ex governatore dell’Abruzzo Ottaviano Del Turco. Lo ha deciso la Cassazione che ha annullato con rinvio la condanna, in relazione all’accusa di associazione per delinquere, per lui e per altri due imputati nel processo per la “Sanitopoli” abruzzese. I giudici di Perugia dovranno rideterminare il trattamento sanzionatorio e rivedere la condanna che per Del Turco, in Appello, era stata diminuita a 4 anni e 2 mesi.

"Sanitopoli" in Abruzzo, Cassazione annulla la condanna all'ex governatore Del Turco

Si tratta di una vittoria a metà per la difesa dell’ex governatore dell’Abruzzo: la Suprema Corte ha infatti annullato con rinvio la condanna d’Appello in relazione all’accusa più pesante, quella di associazione a delinquere. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Giustizia, l’Anm attacca il governo: “Riforme inutili se non dannose”

lunedì, settembre 26th, 2016

«Riforme condivise sulla giustizia? No, nell’ipotesi migliore sono inutile se non dannose». Lo ha detto il presidente dell’Anm Piercamillo Davigo interpellato a margine di un convegno sui contenuti del ddl penale in discussione al Senato. Davigo ha espresso critiche in particolare sulla misura che prevede che i procuratori generali debbano avocare i procedimenti se entro tre mesi dalla chiusura indagini non viene fatta richiesta o di archiviazione o di rinvio a giudizio. Critiche anche sulla prescrizione.  (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Giustizia folle dopo L’Aquila: 200 inchieste, poche condanne

mercoledì, agosto 31st, 2016
Rating 3.00 out of 5

Il rapitore vuole scappare e la procura lo accontenta

martedì, agosto 23rd, 2016
Rating 3.00 out of 5

Strumenti utili, ma non dateli in mano ai Pm…

domenica, luglio 31st, 2016
Rating 3.00 out of 5

Palermo, giustizia allo sbando. Pm preso a pugni in tribunale

domenica, luglio 24th, 2016
Rating 3.00 out of 5

Processo Olivetti: De Benedetti condannato a 5 anni e due mesi «Sentenza ingiusta, amareggiato»

lunedì, luglio 18th, 2016

Carlo De Benedetti (Ansa)

Processo Olivetti, condanna per l’imprenditore Carlo De Benedetti e l’ex ministro Corrado Passera. Il giudice del tribunale di Ivrea Elena Stoppini, al termine del processo di primo grado per le morti da amianto alla Olivetti, ha condannato, fra gli altri, a cinque anni e due mesi di reclusione Carlo e Franco De Benedetti, a un anno e 11 mesi Corrado Passera e ha assolto Roberto Colaninno. Le imputazioni, a vario titolo, vanno dal concorso in omicidio colposo alle lesioni e si riferiscono ai decessi di dieci operai, fra il 2008 e il 2013, che fra la fine degli anni 70 e l’inizio dei 90 lavorarono alla Olivetti e si ammalarono di mesotelioma pleurico. La procura aveva chiesto la condanna per 15 dei 17 imputati. Le motivazioni saranno rese note entro 90 giorni. La responsabile civile Telecom Italia e parte degli imputati condannati dovranno risarcire le associazioni parti civili, con la somma da stabilire in separato giudizio civile. Il tribunale ha condannato poi al pagamento di una provvisionale immediatamente esecutiva nei confronti dell’Inail e delle due famiglie di operai deceduti ancora parti civili nel processo.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.