Archive for the ‘Veneto’ Category

Coronavirus, fase 2 in Veneto: 500 mila test in strada per scovare chi è già stato colpito

lunedì, Marzo 23rd, 2020

di FABIO TONACCI

ROMA – Il “modello Veneto” di contenimento del contagio passa alla fase 2.0. Allo screening intensivo mediante tamponi cominciato fin dall’inizio dell’epidemia su tutti i contatti dei casi positivi (ne hanno fatti 57.671, la Lombardia — con una popolazione doppia — è a poco più 70 mila), l’amministrazione regionale guidata dal governatore Luca Zaia affianca ora altre due iniziative. La prima: test alla popolazione, per strada e su base volontaria, con un kit anticorpale, per individuare chi ha avuto il virus in forma asintomatica e lo ha superato. La seconda: una “campagna parallela”, mirata e di massa, sotto il diretto controllo del microbiologo Andrea Crisanti (lo stesso che ha proposto la campionatura di tutti gli abitanti di Vo’), per sottoporre all’esame del tampone le categorie più a contatto con il pubblico quali i 54 mila operatori sanitari veneti, le forze dell’ordine, i dipendenti di supermercati, autisti di autobus, assistenti nelle case di riposo. L’obiettivo, dicono dalla Regione Veneto, è di arrivare entro la settimana a un regime di 13.000 test al giorno.

“Non facciamo 5 milioni di tamponi, perché non serve”, spiega Zaia. “E’ un piano per mettere in sicurezza le persone a rischio. Se abbiamo molti casi di positività anche in Veneto è perché andiamo a cercarli. Abbiamo difficoltà ad avere i reagenti, forse il dimensionamento delle forniture non ha tenuto conto del fatto che ci potesse essere una Regione di ‘pazzi e squilibrati’ come la nostra che si è inventata la strategia del tampone e isolamento”.

Rating 3.00 out of 5

Peste suina, sequestrate 10 tonnellate di carne cinese (subito incenerita)

mercoledì, Gennaio 22nd, 2020

Dieci tonnellate di carni suine, provenienti dalla Cina, introdotte in Europa in modo illegale e quindi potenzialmente contaminate da peste suina. Per questo sono state sequestrate dalla Guardia di finanza di Padova immediatamente incenerite: i sanitari dell’Ulss 6 Euganea hanno ritenuto il prodotto potenzialmente molto pericoloso, tanto da non voler procedere a un’analisi della carne. Il maxisequestro è avvenuto in seguito al blitz della compagnia della Guardia di finanza di Padova nella notte in un magazzino all’ingrosso di generi alimentari dove si stavano scaricando da un camion proveniente dall’Olanda, da Rotterdam, 9.420 kg di carne suina di origine cinese importati nell’Unione Europea in violazione delle norme doganali e sanitarie. Posta sotto sequestro anche l’attività commerciale per gravi e reiterate irregolarità.

CORRIERE.IT

Rating 3.00 out of 5

Mose, De Micheli: “Il test è andato bene, in caso di emergenza le paratie funzioneranno”

martedì, Gennaio 14th, 2020

La prima prova sul Mose a Venezia “è andata bene”. A riferire dell’esito del test sul sistema destinato a contrastare il fenomeno dell’acqua alta a Venezia è il ministro delle Infrastrutture, Paola De Micheli, la quale sottolinea che ora “se si ripresenterà l’emergenza potremo alzare le paratie” per arginare la marea.

Rating 3.00 out of 5

Test del Mose, il sindaco Brugnaro e le paratoie: «Orgoglio della nostra tecnica»

martedì, Dicembre 3rd, 2019

IL GAZZETTINO TV

Rating 3.00 out of 5

Venezia non si stacca da Mestre Zaia: «Pietra tombale su distacco»

lunedì, Dicembre 2nd, 2019

di Andrea Pasqualetto, nostro inviato a Venezia

Venezia non si stacca da Mestre Zaia: «Pietra tombale su distacco»

Non si ameranno alla follia ma neppure si detestano al punto di lasciarsi. In una grigia domenica d’autunno, senza stivali, Venezia e Mestre hanno detto no alla separazione. L’hanno fatto senza scomodarsi troppo, semplicemente disertando il referendum. Il dato è netto: 21,7% , con crolli verticali in terraferma e anche il centro storico abbondantemente sotto il quorum (50%) che rende consultazione nulla, indipendentemente dal fatto che a prevalere siano stati i sì (66%). E così, per la quinta volta in 40 anni, il tentativo di mandare all’aria il matrimonio secolare fra le due anime forti della città, quella d’acqua e quella di terra, è fallito.

«Ora spero che su questa storia si metta una pietra tombale perché mi sembra che il popolo abbia detto basta», esce allo scoperto Luca Zaia, il governatore del Veneto rimasto dietro le quinte per tutta la campagna referendaria con la Lega che ha lasciato libertà di scelta. «Il fatto è che se non si pone un limite legislativo qualcuno domattina può ripartire per farne un altro».

Rating 3.00 out of 5

Il Mose di Venezia, il rendering dell’infrastruttura: come opererà per regolare l’ingresso delle maree

domenica, Dicembre 1st, 2019
Come sarà la barriera costruita tra la città veneta e il Mare Adriatico che, una volta completata, dovrebbe scongiurare gli allagamenti | Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev – CorriereTv
Il MO.S.E. (MOdulo Sperimentale Elettromeccanico) è un progetto di ingegneria civile, ambientale e idraulica finalizzato alla difesa dalle acque alte a Venezia. Una barriera fra la laguna della città veneta e il Mare Adriatico per scongiurare gli allagamenti. Questo è il Mose, chiamato in causa in questi giorni, dopo la marea record che ha invaso calli, piazze e negozi della città lagunare, mietendo anche due vittime. L’opera è stata scelta al termine di un lungo iter progettuale e decisionale durante il quale il sistema di paratoie alle bocche di porto è stato confrontato con numerose soluzioni alternative. Il Mose è risultata essere l’unica infrastruttura in grado di rispondere ai precisi vincoli e requisiti richiesti. / courtesy Reteveneta agenziavista.i
Rating 3.00 out of 5

Venezia, nuovo picco di acqua alta: la marea ricopre piazza San Marco

domenica, Novembre 24th, 2019
Dopo i quasi due metri raggiunti il 12 novembre, attesi oggi 140 centimetri: massima allerta in città per la tutela dei monumenti | CorriereTV
Dopo l’aqua granda che martedì 12 ha fatto registrare 187 centimetri, la seconda più alta della storia da quando se ne ha contezza, a Venezia torna l’incubo dell’alta marea. Le previsioni diramate dal Centro maree del Comune di Venezia prevedono infatti per le 8.50 un possibile picco di marea di 140 centimetri, ben al di sotto della marea eccezionale della scorsa settimana ma comunque sufficiente ad allagare piazza San Marco, la Basilica, i negozi e gran parte della città
Rating 3.00 out of 5

Acqua alta a Venezia, suonano le sirene in attesa del picco di 160 cm

domenica, Novembre 17th, 2019

Suonano le sirene a Venezia dove ancora una volta cresce l’apprensione per l’acqua alta che potrebbe toccare i 160 cm di altezza. Il suono di allarme è scattato intorno a mezzanotte, seguito da una singola “nota” prolungata che serve ad indicare il livello della marea.

Video di Niccolò Lupone

REPTV



Video Local Team

Rating 3.00 out of 5

Venezia, viaggio sott’acqua nella «pancia» del Mose

sabato, Novembre 16th, 2019

di Alberto Zorzi shadow

VENEZIA Più zero e cinquanta. Meno tre e novanta. Meno otto e trenta. Meno dodici e settanta. La grezza scala in calcestruzzo sembra quasi una discesa agli inferi e a ogni pianerottolo viene indicata la quota di profondità. Bocca di porto di Lido, lato Treporti. Siamo nella «pancia» di uno dei tanti cassoni di calcestruzzo, da anni sono posati sul fondale della laguna, proprio lì dove inizia il mare. Sopra la testa abbiamo 80 centimetri di solaio, poi 6 metri di acqua, cioè la profondità del canale da questa parte, che è la più «bassa» del Mose: sul lato di San Nicolò, nella schiera di 20 barriere oltre l’isola artificiale, la quota di canale è a meno 12 per poter far arrivare le navi, comprese quelle da crociera. La scala finisce e si apre un tunnel lungo quasi mezzo chilometro. Sono i nove cassoni – sette di alloggiamento, due di spalla – posati uno in fianco all’altro e poi uniti in un’unica galleria. Facciamo un passo e dall’alto ci arriva in testa dell’acqua: è la pioggia e alzando la testa si vede il cielo grigio attraverso un cavedio. «Questa parte andrà chiusa quando verrà finito l’impianto di condizionamento», spiegano i tecnici.

Rating 3.00 out of 5

Venezia, ancora acqua alta: si teme la nuova ondata

venerdì, Novembre 15th, 2019

Peggiora la previsione di marea per la mattinata a Venezia. La stima di acqua alta è stata rivista a 160 sul medio mare, alle 11.20. Il centro maree del Comune ha attivato le sirene di allarme. Al momento il livello è di 115 centimetri, con piazza San Marco già abbondantemente allagata. Il cielo è plumbeo, con vento teso, anche se non da scirocco, e non piove. La marea sta crescendo velocemente, come segnalato dalle centraline in mare aperto. Anche i vaporetti sono costretti a variazioni di percorso.

REPTV

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.