Archive for the ‘La Giustizia’ Category

Il caso toghe sfascia la procura di Milano. Firmano 100 giudici in difesa di Storari. L’ira del capo Greco

lunedì, Luglio 26th, 2021

Luca Fazzo

E adesso c’è la prima vittima, nella disastrosa vicenda giudiziaria scaturita dal processo Eni e dai verbali del «pentito» Pietro Amara: ed è la vittima più gloriosa di tutte, la Procura della Repubblica di Milano. Che dallo scontro innescato dalla consegna dei verbali di Amara dal pm Paolo Storari a Piercamillo Davigo viene ieri travolta in pieno, con la ribellione di quasi cento magistrati che insorgono in difesa di Storari. A poche ore dalla decisione del procuratore generale della Cassazione Giovanni Salvi di chiedere al Csm la testa di Storari – via da Milano, e mai più pubblico ministero – la raccolta di firme in difesa del collega sotto accusa, in corso da giorni nei corridoi del palazzaccio milanese, viene allo scoperto. È un documento che non entra nel merito dei verbali consegnati a Davigo, ma poco importa. La frase cruciale è una: i firmatari dicono che «la loro serenità non è turbata dalla presenza del collega». È esattamente il contrario di quello che il capo della Procura, Francesco Greco, e il pg della Cassazione sostengono: consegnando i verbali a Davigo, e continuando intanto a indagare su Amara e persino sulla fuga di notizie di cui egli stesso era l’origine, Storari avrebbe messo «a disagio» l’intero ufficio. Per questo, aveva scritto Salvi, Storari va cacciato da Milano: per la «serenità» dell’ufficio.

La nostra serenità, rispondono i firmatari, non è affatto messa in discussione dalla presenza di Storari. Ed è una discesa in campo senza precedenti, una ribellione inimmaginabile ai tempi di Borrelli, un colpo devastante all’immagine di uno degli uffici giudiziari più importanti d’Italia. I segnali c’erano stati, la protesta covava nelle chat e nei corridoi. I segnali di solidarietà a Storari erano arrivati da più parti. Ma il procuratore Greco, e con lui Salvi, hanno deciso di andare avanti. Forse non pensavano che i leader del fronte pro Storari avrebbero scelto alla fine di uscire allo scoperto. Si sbagliavano.

Firmano 55 pm, i due terzi del totale. E a scendere in campo non sono solo i «peones», i giovani pm della base. Nell’elenco compaiono nomi importanti. Il primo è quello di Alberto Nobili, veterano della Procura e delle inchieste sulla criminalità al nord, oggi a capo dell’antiterrorismo. Con lui, tre procuratori aggiunti, i «vice» di Greco: Ferdinando Targetti, Tiziana Siciliano e il capo dell’antimafia Alessandra Dolci. Si tratta di magistrati che hanno condiviso con Greco decenni di lavoro e rapporti di amicizia; la Siciliano e la Dolci sono state appoggiate da Greco nella domanda per i posti che oggi ricoprono. Eppure anche loro oggi si schierano contro di lui. Greco, si dice, la prende malissimo. Adesso il procuratore è un uomo solo, con accanto solo i suoi fedelissimi. A partire da Fabio De Pasquale, il grande accusatore del caso Eni, oggi sotto procedimento penale a Brescia proprio per la sua gestione del processo ai vertici del colosso.

Non è tutto. A firmare il documento pro-Storari ci sono anche quasi cinquanta giudici: più di metà dei giudici preliminari, una intera sezione penale, toghe giovani e meno giovani. Il caso Storari diventa l’occasione per un atto d’accusa contro l’intera gestione della giustizia a Milano da parte della Procura. Decenni di timori reverenziali verso quella che fu la corazzata di Mani Pulite sembrano dissolti.

Rating 3.00 out of 5

Intervista a Davigo: «Io indagato? Diedi i verbali di Amara a Ermini: né lui né Salvi mi dissero di denunciare»

sabato, Luglio 24th, 2021

di Luigi Ferrarella

L’ex consigliere Csm Piercamillo Davigo: «Ermini convenne sulla gravità, ma né lui né Salvi mi dissero di denunciare. E nessuno mi ha interrogato»

desc img

Dottor Davigo, perché non avvisò in modo formale il Csm dell’asserita stasi investigativa della Procura di Milano sui verbali di Amara?
«Non si poteva in quel caso. Se la procedura da seguire non consente di mantenere il segreto, allora non si può seguire. Al Csm, nonostante le cautele adottate, vi era stata la dimostrazione pochi mesi prima sulla notizia dell’indagine perugina su Palamara. Nell’aprile 2020 Storari mi descrisse una situazione grave, e cioè che a quasi 4 mesi dalle dichiarazioni di Amara su un’associazione segreta i suoi capi non avevano ancora proceduto ad iscrizioni, che il codice invece richiede “immediatamente”. Per evitare possibili conseguenze disciplinari gli consigliai di mettere per iscritto. Pure se una Procura non crede a un dichiarante, non può sottrarre al controllo del gip la notizia di reato: deve iscriverla e poi chiede l’archiviazione. Storari mi diede file word del pc a supporto della memoria».

Cioè i verbali: non le pare distinzione di lana caprina?
«Lo può pensare chi trova rilevante il contenitore anziché il contenuto. A inizio maggio Storari mi disse che nulla era cambiato e anzi che Greco lo aveva rimproverato per la sollecitazione. A questo punto ritenni urgente avvisare il Csm. E informai il vicepresidente Ermini».

Solo a parole? O gli mostrò i verbali segretati? O glieli consegnò anche?
«In uno dei colloqui successivi glieli diedi, stampati, tutti quelli che avevo, “così li puoi consultare”. Anche perché venivano chiamati in causa consiglieri sia del Csm in carica sia del precedente. Ermini convenne sulla serietà e gravità della situazione».

Le disse che ne avrebbe parlato con il Quirinale?
«Preferisco qui non coinvolgere altre persone, ho riferito ai pm di Roma e Brescia».

Poi lei ne parlò anche con il pg della Cassazione, Salvi.
«Non mostrò alcuna sorpresa, segno che doveva essere stato già informato».

Gli disse che lei aveva i verbali? Glieli fece vedere?
«No, non me lo chiese. Ma nemmeno mi disse “No, guarda che così non va bene…”».

Il pg Salvi contesta nel disciplinare a Storari d’aver cercato di condizionare l’attività della Procura di Milano. Lei è in pensione, ma vale pure per lei, ed è accusa sanguinosa per un pm storico di Milano e Mani pulite.
«Quindi, se uno cerca di fare rispettare la legge, poi bisogna sentire il procuratore generale della Cassazione dire una cosa del genere che è fuori dal mondo? Nessuno si è sognato di dirmi di formalizzare. Non lo fece Ermini e non lo fece Salvi. Se mi avessero chiesto di formalizzare, avrei fatto subito una relazione di servizio. Salvi, se riteneva irregolare la procedura, essendo titolare dell’azione disciplinare e anche autorità giudiziaria e anche vertice della magistratura inquirente, poteva e doveva interrogarmi subito come persona informata sui fatti. Eppure non lo ha fatto, salvo poi prendersela con Storari. Se mai forse ho sbagliato io a illudermi che l’intervento del procuratore generale — cioè la telefonata a Greco, dopo la quale almeno fu iscritta a Milano la notizia di reato — potesse aver avviato a risoluzione la questione. La verità è che Storari in un Paese serio sarebbe destinatario di un encomio per aver cercato di fare rispettare la regola, invece è sconfortante sia sottoposto ad azione disciplinare».

Rating 3.00 out of 5

Processi in bilico: dalla strage di Viareggio a Rigopiano, i procedimenti a rischio con la riforma

martedì, Luglio 20th, 2021

GRAZIA LONGO

ROMA. La prescrizione, così come stabilita dalla riforma della ministra della Giustizia Marta Cartabia rischia di affossare molti processi. L’Associazione nazionale magistrati lancia l’allarme e dichiara che «sono 150 mila i processi a rischio». Ma vediamo, nel dettaglio, in cosa consiste la nuova norma. Viene confermata l’attuale disciplina, che prevede lo stop alla prescrizione dopo la sentenza di primo grado (sia in caso di condanna sia in caso di assoluzione). Inoltre, si stabilisce una durata massima di due anni per i processi d’appello e di un anno per quelli di Cassazione. È prevista la possibilità di una ulteriore proroga di un anno in appello e di sei mesi in Cassazione per processi complessi relativi a reati gravi (per esempio associazione a delinquere semplice, di tipo mafioso, traffico di stupefacenti, violenza sessuale, corruzione, concussione). Decorsi tali termini, interviene l’improcedibilità. Sono esclusi i reati imprescrittibili (puniti con ergastolo). La riforma sulla prescrizione punta a non sforare i tempi degli iter processuali. È, insomma, una clausola di garanzia contro i processi-lumaca. Ma il presidente dell’Anm Giuseppe Santalucia è preoccupato: «Con la riforma la sentenza di primo grado cadrà nel nulla e l’accertamento penale sarà definitivamente precluso. E ciò, si badi, senza che il reato sia stato estinto dalla prescrizione, dal decorso del tempo. Il diritto alla durata ragionevole dei processi, che certo va assicurato e tutelato, deve essere più attentamente bilanciato con l’interesse collettivo all’effettività della giurisdizione penale».

IL DISASTRO DI VIAREGGIO: La prescrizione poteva scattare ancora prima

L’incidente ferroviario si verificò nella notte tra il 29 e il 30 giugno 2009 alla stazione di Viareggio: l’esplosione a causa del gpl trasportato da un treno merci deragliato invase i quartieri vicini allo scalo della città della Versilia. Il bilancio fu di 32 morti e 35 feriti. Ma sono stati dichiarati prescritti gli omicidi colposi per la strage di Viareggio a seguito dell’esclusione dell’aggravante della violazione delle norme sulla sicurezza nel lavoro. La decisione è stata presa dalla Cassazione rinviando alla corte d’Appello di Firenze la riapertura dell’appello bis anche per l’ex ad di Fs e Rfi, Mauro Moretti. Essendo un processo lungo, se fosse stata in vigore la riforma Cartabia la prescrizione sarebbe scattata ancora prima.STRAGE DI RIGOPIANO: Udienze rinviate 12 volte, proteste delle parti civili

Ad alto rischio è anche l’iter per il processo di Rigopiano, la strage nel resort seppellito da una valanga ai piedi del Gran Sasso, il 18 gennaio 2017, che conta 29 morti. In tre anni e mezzo si sono susseguiti ben dodici rinvii per la conclusione dell’udienza preliminare. Le proteste non sono mancate anche a suon di carte bollate: tantissimi gli appelli di familiari e avvocati. Ma tra scioperi degli avvocati e slittamenti legati all’emergenza Covid, è stato tutto un procrastinare nel tempo. Visti i ritardi attuali è difficile che il processo prenda un’accelerazione. Lo striscione delle famiglie delle vittime è inequivocabile: «Dodici udienze e dodici rinvii».

Rating 3.00 out of 5

Giovanni Maria Flick: “È un’ottima riforma ma non funzionerà i pm abbandonino lo spirito missionario”

giovedì, Luglio 8th, 2021

GIUSEPPE SALVAGGIULO

«Se i superlativi in Italia non fossero abusati, direi che l’impianto della riforma penale mi pare molto positivo – dice Giovanni Maria Flick, docente e avvocato penalista, ex ministro della Giustizia e presidente emerito della Corte costituzionale -. L’unico rammarico è che in gran parte contiene cose che provammo a fare 23 anni fa – io ministro e Giorgio Lattanzi all’epoca direttore generale del ministero, lui che oggi ha contribuito a scriverla come collaboratore di Marta Cartabia. Allora fallimmo per indifferenza politica e ostilità della magistratura, speriamo che ora ce la facciano».

È ottimista?
«Demoralizzato e ragionevolmente perplesso dallo spettacolo, a volte sconcertante, in cui si muovono gli attori: politica, magistratura, avvocatura, mass media. Ma non dispero, anche perché mi pare che la ministra si stia muovendo molto bene sul piano della diplomazia». Quali sono i punti che motivano il suo giudizio positivo?
«Mi piace molto, fra l’altro, il rafforzamento del ruolo del giudice nel controllo del pubblico ministero nella fase delle indagini preliminari. Il rapporto tra queste due figure resta irrisolto: si pensi a quanto accaduto nell’inchiesta sul disastro della funivia del Mottarone. Evidentemente non si è ancora capito che è il giudice, e non il pubblico ministero, a emettere i provvedimenti sulla libertà personale».

La convince il tentativo di aumentare il filtro processuale nell’udienza preliminare?
«Finalmente si capovolge il criterio di valutazione del materiale raccolto nelle indagini: non si rinvia a giudizio per cercare le prove, ma solo quando di per sé sarebbero sufficienti per una condanna, se confermate in dibattimento».

Funzionerà?
«Solo se i magistrati non lo vanificheranno, perpetuando una tendenza perversa a considerare indagine e dibattimento un tutt’uno, senza soluzione di continuità».

I magistrati possono vanificare la riforma?
«Mi pare evidente, senza bisogno di citare Giolitti, per cui le leggi s’interpretano per gli amici e si applicano per i nemici. Ogni principio è interpretabile, dunque nessuna legge, nemmeno la migliore avrà efficacia senza un profondo cambiamento culturale. Della politica, dell’avvocatura, ma soprattutto della magistratura».

Quale?
«Bisogna uscire dalla stagione del panpenalismo, la dottrina per cui tutte le emergenze sociali vanno soddisfatte con nuovi reati, e del pancarcerismo, per cui il tema della sanzione penale si risolve nel carcere. E liberarsi dalla concezione della giustizia come missione».

Rating 3.00 out of 5

Piercamillo Davigo e la tesi sui referendum leghisti: ecco tutta l’incoerenza dei giustizialisti

venerdì, Giugno 25th, 2021

Roberto Cota

Il dottor Davigo nei giorni scorsi si è lanciato in un duro attacco ai referendum in tema giustizia promossi da Lega e Radicali. In particolare, rispetto a quello che si propone di limitare la custodia cautelare. Secondo l’ex magistrato l’approvazione del quesito avrebbe l’effetto di impedirne l’applicazione di fronte a ladri di appartamento e scippatori. Dunque, bolla Salvini di incoerenza. Premesso che i referendum, politicamente, sono l’ultima ratio, l’ultimo strumento rispetto all’inerzia del sistema che non riesce a risolvere i problemi, il problema dell’abuso della custodia cautelare esiste ed è gigantesco.
Il dottor Davigo prima di cercare scoop ad effetto e di indignarsi rispetto ai quesiti referendari, dovrebbe scandagliare il perché si sia arrivati al punto di utilizzare la clava del referendum. Oltretutto, va detto che i referendum non sono appoggiati soltanto da Salvini (che certamente è alla costante ricerca della ribalta mediatica), ma da una silente maggioranza che si muove sotto traccia. La verità è che da anni vi è una distorsione nell’uso della custodia cautelare.

Su questo fronte il primo a dover fare una riflessione è proprio il dottor Davigo . Anche nel merito, la sua critica dovrebbe essere forse più obiettiva in quanto la possibilità di applicare la custodia cautelare verrebbe mantenuta di fronte alla possibile reiterazione di «gravi delitti con uso di armi o di altri mezzi di violenza o diretti contro l’ordine costituzionale o di criminalità organizzata» definizione in grado di ricomprendere tutti quei fatti che destano allarme sociale, anche con riferimento agli esempi fatti da Davigo. Dunque il modo per bloccare i soggetti pericolosi vi sarebbe, eccome. Nella sua ultima presa di posizione affidata al Fatto Quotidiano l’ex magistrato sostiene anche un’altra tesi: chi è stato condannato in primo grado non è più innocente. Ma allora perché la coerenza invocata non porta a considerare innocente almeno chi è stato assolto in un pubblico processo? Già, perché oggi i pm possono infliggere anche a chi è stato assolto anni di “eterno processo” essendo prevista la possibilità di appellare le sentenze di assoluzione.

Rating 3.00 out of 5

Mafia, dopo 25 anni torna libero per fine pena il boss Giovanni Brusca

martedì, Giugno 1st, 2021
Giovanni Brusca, il boss che schiacciò il pulsante a Capaci

Ha lasciato il carcere dopo 25 anni, per fine pena, il boss mafioso Giovanni Brusca, 64 anni, fedelissimo del capo dei capi di Cosa nostra, Totò Riina, prima di diventare un collaboratore di giustizia ammettendo, tra l’altro, il suo ruolo nella strage di Capaci e nell’uccisione del piccolo Giuseppe Di Matteo. Brusca è uscito da Rebibbia, a Roma, con 45 giorni di anticipo rispetto alla scadenza della condanna.

Brusca sarà sottoposto a controlli e protezione, oltre a quattro anni di libertà vigilata, come deciso dalla Corte d’Appello di Milano. La pena si è ancora accorciata per la “buona condotta”. Gli ultimi calcoli prevedevano la scarcerazione a ottobre. E’ arrivata anche prima. Ora però si apre un caso complicato di gestione della libertà del boss e dei suoi familiari. I servizi di vigilanza, ma anche di protezione pure previsti dalla legge, dovranno tenere conto dell’enormità dei delitti e delle stragi che lo stesso Brusca ha confessato.

La strage di Capaci: la scheda sullʼomicidio di Giovanni Falcone

L’ex boss che il 23 maggio del 1992 azionò il telecomando che innescò la strage di Capaci, uccidendo il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e i tre agenti di scorta Rocco Dicillo, Vito Schifani e Antonio Montinaro, era stato arrestato nel 1996 nel suo covo in provincia di Agrigento e dopo alcuni anni ha iniziato a collaborare con la giustizia. Sarebbe stato scarcerato nel 2022.

Rating 3.00 out of 5

Processo Ilva. Condanna 22 e 20 anni a Fabio e Nicola Riva, 3 anni e mezzo a Vendola

lunedì, Maggio 31st, 2021

La Corte d’Assise di Taranto ha condannato a 22 e 20 anni di reclusione Fabio e Nicola Riva, ex proprietari e amministratori dell’Ilva, tra i 47 imputati (44 persone e tre società) nel processo chiamato Ambiente Svenduto sull’inquinamento ambientale prodotto dallo stabilimento siderurgico. Rispondono di concorso in associazione per delinquere finalizzata al disastro ambientale, all’avvelenamento di sostanze alimentari, alla omissione dolosa di cautele sui luoghi di lavoro. La pubblica accusa aveva chiesto 28 anni per Fabio Riva e 25 anni per Nicola Riva. 

Tre anni e mezzo di reclusione sono stati inflitti all’ex presidente della Regione Puglia Nichi Vendola e all’ex presidente della Provincia Gianni Florido per il presunto disastro ambientale negli anni di gestione della famiglia Riva. I pm avevano chiesto la condanna a 5 anni. Vendola è accusato di concussione aggravata in concorso, in quanto, secondo la tesi degli inquirenti, avrebbe esercitato pressioni sull’allora direttore generale di Arpa Puglia, Giorgio Assennato, per far “ammorbidire” la posizione della stessa Agenzia nei confronti delle emissioni nocive prodotte dall’Ilva.

Adolfo Buffo, ex direttore dello stabilimento siderurgico di Taranto, ed attuale direttore generale di Acciaierie d’Italia (societa’ tra ArcelorMittal Italia e Invitalia), è stato condannato a 4 anni. Per Buffo, i pm avevano chiesto la condanna a 20 anni. A Buffo era contestata anche la responsabilita’ di due incidenti mortali sul lavoro. Ventuno anni di reclusione sono stati invece inflitti all’ex direttore del siderurgico Luigi Capogrosso (28 la richiesta dei pm) e 21 anni anche per Girolamo Archinà, ex consulente dei Riva per le relazioni istituzionali (28 la richiesta dei pm).

La Corte d’Assise di Taranto ha disposto la confisca degli impianti dell’area a caldo dell’ex Ilva di Taranto per il reato di disastro ambientale imputato alla gestione Riva. La confisca era stata chiesta dai pm.

Rating 3.00 out of 5

Funivia, sono in arrivo altri indagati. La pm rilancia: “Non è finita”

lunedì, Maggio 31st, 2021

Ivan Fossati, Cristina Pastore

STRESA. Un pugno nello stomaco, di quelli forti. L’investigatore, affranto, davanti a un caffè riassume così l’ordinanza del gip che poche ore prima non ha convalidato i tre fermi. In quei 24 fogli che il giudice Donatella Banci Buonamici ha iniziato a leggere dopo le 23 di sabato in una saletta affollata del carcere di Pallanza c’è la spiegazione del perché Luigi Nerini, Enrico Perocchio e Gabriele Tadini è come se neanche avessero varcato la porta della cella. Per loro è stata un’esperienza umanamente molto dura, 78 ore in isolamento, che però non lascia strascichi nel fascicolo. Ma in quelle pagine c’è anche uno schiaffo alla Procura di Verbania. Si parla di «mere, seppur suggestive, supposizioni» riferendosi alle accuse, di «totale irrilevanza» di alcuni particolari, di «scarne dichiarazioni di Tadini (a cui sono stati applicati gli arresti domiciliari, ndr), rese peraltro di notte, dopo sette ore dalla convocazione in caserma, che non consentivano alcun vaglio di attendibilità», e poi ancora che «il pm si basa su argomentazioni logiche, ma che non sono in alcun modo convincenti», fino a indicare come «scarno» il quadro indiziario.

Nella squadra della procuratrice Olimpia Bossi molti ieri si sono presi una giornata libera. In montagna, al lago o al campetto: serviva staccare per rigenerare la mente. E oggi si riparte. Come? Sulla traccia già segnata, questo è sicuro. La Procura ritiene fondatissimo l’impianto accusatorio che si sta formando. «Il gip ha detto che non c’erano gli estremi per privare della libertà, non ha detto che abbiamo sbagliato»: sintesi formalmente corretta, ma un po’ edulcorata. Il colonnello dei carabinieri Alberto Cicognani è una sfinge. Da giorni nei corridoi del tribunale si diceva che tra oggi e domani sarebbero state indagate altre persone, probabilmente dipendenti o consulenti della società Ferrovie del Mottarone che gestiva la funivia, ma il comandante provinciale dell’Arma blocca sul nascere il ragionamento: «Non entro nel merito di niente. L’indagine sarà lunga: abbiamo temi da approfondire e altri da iniziare. Siamo convinti di quello che stiamo facendo, e continueremo a farlo in rigoroso silenzio per rispetto delle vittime, di chi è o sarà indagato e anche del segreto investigativo: fughe di notizie rischiano di compromettere tanti sforzi».

«Non è finita qui» ha detto sabato sera la procuratrice Bossi lasciando il carcere. E non era una minaccia, ma una promessa. Si continua per cercare le cause, e gli eventuali responsabili, della rottura della fune e per definire chi sapeva del blocco dei freni, chi lo metteva in pratica e chi l’aveva ordinato.

Anche Olimpia Bossi, la procuratrice, si è fermata per un giorno nelle indagini. Ma non si nega. Sono state considerazioni troppo severe quelle del giudice? «Forse una critica implicita è questa: abbiamo messo troppa fretta nel procedere in una direzione che a noi era emersa evidente con i primi riscontri di carattere tecnico, ascoltando persone informate dei fatti e dalle dichiarazioni del caposervizio e coordinatore del personale».

Rating 3.00 out of 5

Caso Gregoretti, il gup: non luogo a procedere per Salvini | L’ex ministro dell’Interno: “Ho fatto il mio dovere”

venerdì, Maggio 14th, 2021

Sentenza di non luogo a procedere per Matteo Salvini, che era imputato con l’accusa di sequestro di persona. E’ la decisione del gup di Catania per il caso Gregoretti. Al centro del procedimento nei confronti dell’allora ministro dell’Interno i ritardi nello sbarco, nel luglio 2019, di 131 migranti dalla nave della guardia costiera nel porto di Augusta (Siracusa). “Assolto”, esulta Salvini sui social ricordando di aver fatto “il mio dovere da ministro“.

L’accusa

“Abusando dei poteri” da ministro dell’Interno avrebbe “privato della libertà personale i 131 migranti bloccati a bordo della Gregoretti dalle 00:35 del 27 luglio 2019 fino al pomeriggio del 31 luglio” successivo, quando la nave della Guardia costiera italiana è giunta l’autorizzazione allo sbarco nel porto di Augusta, nel Siracusano. Era l’accusa contestata all’ex ministro dell’Interno, Matteo Salvini dopo l’autorizzazione a procedere concessa dall’Aula del Senato, che sarebbero stati commessi tra il 27 agosto e il 31 agosto del 2019 tra Augusta (Siracusa) e Catania. Il reato ipotizzato era sequestro di persona di 131 migranti aggravato dall’essere il responsabile un pubblico ufficiale e perché commesso anche ai danni di minorenni.

La difesa

Accuse che l’ex ministro e il suo legale, l’avvocato Giulia Bongiorno, hanno sempre respinto con forza, spiegando che “non si è verificata alcuna illecita privazione della libertà personale, in attesa dell’organizzazione del trasferimento” dei migranti alla “destinazione finale”. Salvini ha sottolineato di avere agito per interesse della nazione, sintetizzando così la sua linea: a bordo della Gregoretti c’erano due scafisti fermati dopo lo sbarco, i 100 migranti sono rimasti sulla nave senza pericoli e con la massima assistenza, solo il tempo necessario per concordare con altri Paesi europei il loro trasferimento. E tutto col pieno coinvolgimento del governo italiano, tanto da rilevare il ruolo decisivo del Ministero dei trasporti nell’assegnazione del Pos , il porto sicuro.

La Procura di Catania per il non luogo a procedere

La Procura distrettuale di Catania durante l’udienza preliminare ha chiesto al gup di emettere una sentenza di non luogo a procedere perché, la tesi espressa in aula dal Pm Andrea Bonomo, nello sbarco dei migranti da nave Gregoretti l’allora ministro dell’Interno “non ha violato alcuna convenzione nazionale e internazionale”, le sue scelte sono state “condivise dal governo” e la sua posizione “non integra gli estremi del reato di sequestro di persona”.

Rating 3.00 out of 5

Caso Cucchi, due carabinieri condannati in Appello a 13 anni per il pestaggio

venerdì, Maggio 7th, 2021

Sono stati condannati in Appello a 13 anni di carcere Alessio Di Bernardo e Raffaele D’Alessandro, i due carabinieri processati per omicidio preterintenzionale per aver pestato Stefano Cucchi dopo il suo arresto. Il militare Roberto Mandolini ha invece avuto un lieve sconto di pena, passando da 4 anni e mezzo a 4 anni, mentre Francesco Tedesco ha visto confermata la condanna a due anni e sei mesi. Per entrambi l’accusa è di falso.

La decisione della Corte D’Assise d’Appello è arrivata dopo 5 ore di camera di consiglio. Ai due carabinieri in primo grado era stata inflitta una condanna a 12 anni di reclusione e il Pg, Roberto Cavallone, al termine della requisitoria d’Appello aveva chiesto 13 anni per entrambi.

Ilaria Cucchi: “Il mio pensiero va a Stefano e ai miei genitori” “Il mio pensiero va a Stefano e ai miei genitori che oggi non sono qui in aula. E’ il caro prezzo che hanno pagato in questi anni”. Lo dice Ilaria Cucchi, sorella di Stefano, commentando la sentenza.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.