Archive for the ‘Comunicati stampa’ Category

COMUNICATO STAMPA: Il Distretto Famiglia Vallagarina lavora per dar sollievo alle famiglie

sabato, Maggio 23rd, 2020

“IN QUESTO MOMENTO LA NOSTRA PRIORITÀ È SOSTENERE LE FAMIGLIE”

Distretto Famiglia si adegua all’emergenza Covid

Le famiglie si stanno confrontando ogni giorno con i tanti problemi legati all’emergenza Covid: le scuole chiuse,  la libertà ridotta dei bambini, la mancanza di servizi di sostegno….

Nei giorni scorsi l’esecutivo della Comunità della Vallagarina ha licenziato una delibera per approvare il programma del Distretto famiglia.

“Mantenere il focus sulle esigenze delle famiglie – ha detto la Vicepresidente Enrica Zandonai –  in questo delicato momento è di fondamentale importanza. Sulle famiglie sono ricadute molte attività che prima erano delegate a enti e servizi esterni. Per noi diventa prioritario ascoltare e sostenere le famiglie fornendo i giusti aiuti.”

“Lo strumento del “Distretto Famiglia Vallagarina” – ha aggiunto il Presidente Stefano Bisoffi – che ricordiamo coinvolge 126 aderenti,  diventa ancor più strategico perchè in grado di dare sollievo alle famiglie.”

Nei giorni scorsi gli aderenti si sono confrontati in videoconferenza e hanno redatto una lettera inviata al Presidente della Provincia Fugatti  per sollecitare le linee guida su come gestire le colonie estive che sono fondamentali sia per i genitori che lavorano ma anche e soprattutto per bambini e ragazzi che necessitano di momenti aggregativi e di relazione che in questi mesi non hanno avuto.

Rating 3.00 out of 5

COMNICATO STAMPA: SILVIA ROMANO:TRA TURCHIA, SOMALIA E KENYA C’E’ DI MEZZO IL MARE

mercoledì, Maggio 20th, 2020

“Tra Somalia e Kenya c’è di mezzo il mare ed il petrolio” queste le parole del presidente di FederPetroli ItaliaMichele Marsiglia a seguito dell’intrigo che vede coinvolti diversi paesi tra Turchia, Somalia e Kenya nella vicenda del sequestro e liberazione della cooperante italiana Silvia Romano.

“L’attenzione dei media durante questi giorni si è soffermata sull’aiuto dell’intelligence turca al risultato della liberazione della cooperante italiana – le parole di Marsiglia – non è sbagliato ma i paesi a capo di tutto sono Somalia e Kenya, base di partenza della vicenda Romano. Già dalle ultime vicende politiche il destino dei due paesi africani non era chiaro. L’Africa ha ripreso un ruolo determinante sulla scena petrolifera internazionale, si potrebbe dire al pari del Medio Oriente, considerando che diversi Progetti sono rimasti fermi per anni, basta guardare il Mozambico, l’Angola, il Congo. Prima o poi qualcuno verrà a battere cassa anzi, anche il nostro settore attende a momenti lo stravolgersi di importanti dinamiche geopolitiche. I due paesi africani per noi sono da sempre punti nevralgici per importanti giacimenti petroliferi Offshore nelle acque a largo di Somalia e Kenya, dove la linea di confine tra i due paesi è da anni motivo di disputa politica ed economica. Le acque dell’Oceano Indiano, location dei giacimenti sono direttamente collegabili alle zone degli Emirati Arabi Uniti, ci troviamo in un triangolo imperfetto ma strategico”.

Rating 3.00 out of 5

COMUNICATO STAMPA: VERGOGNA USCITA LOTTI, SI DESTABILIZZA L’ENI

mercoledì, Maggio 6th, 2020

Ieri le maggiori testate giornalistiche hanno dato evidenza di alcune dichiarazioni rese da dall’On. Luca Lotti alla Procura di Milano in merito al coinvolgimento di ENI in alcune delicate situazioni politiche italiane e della nomina dei membri del Consiglio Superiore della Magistratura. 

Seguono nelle ultime ore le dure dichiarazione del Presidente di FederPetroli Italia – Michele Marsiglia “Una vergogna, una manovra a regola d’arte l’uscita delle dichiarazioni dell’On. Lotti a pochi giorni da un C.d.A. ENI per ratificare le nomine e la riconferma dell’Amm. Del. Claudio Descalzi e, puntuale con l’Assemblea degli azionisti in programma il prossimo 13 Maggio. E’ chiaro il volere di qualcuno di infangare e destabilizzare la compagnia petrolifera italiana e i suoi vertici. Sapevamo che le nomine di conferme ENI avrebbero sicuramente configurato guerre interne e questo mandato non sarebbe stato una passeggiata ma si inizia prima del previsto, siamo pronti ai nostri posti ed l’indotto energetico italiano non ci sta a queste commediole. Però questa volta non si parla di Giustizia ad orologeria ma bensì di qualcuno e, i nomi degli illustri personaggi che giocano a confondere le carte si sanno nei Palazzi Romani ed anche fuori, soggetti che per la vendita di qualche libro in più o per qualche ospitata televisiva da complottisti, stanno giocando a destabilizzare una compagnia petrolifera come ENI. Non solo, questi incoscienti mi dispiace che il più delle volte riescano anche a confondere le Procure, rischiando di penalizzare ancor più in questo momento, un indotto economico in Italia ed all’estero”.

Rating 3.00 out of 5

Comunicato Stampa: Vogliamo e dobbiamo decidere autonomamente il futuro della nostra provincia, della nostra gente.

martedì, Aprile 28th, 2020

Un politico deve fare delle scelte, deve avere il coraggio di prendere decisioni, a volte difficili, altre volte impopolari, ma sempre nel bene e per il bene della gente.

Noi non possiamo rimanere fermi dinnanzi all’immobilismo di questo governo, che non rappresenta il popolo, che non è eletto dal popolo, che non lavora per il popolo.

I discorsi di Conte, all’ora del massimo audience televisivo, sono sempre più votati all’autocelebrazione che alle vere esigenze dei cittadini.

Non tutti vivono di stipendio fisso, vi sono categorie lavorative che muoiono economicamente d’innanzi a questa inerzia politica.

Ed allora, dobbiamo ripartire! Nel rispetto delle norme igienico sanitarie, dobbiamo tornare a lavorare perché il virus uccide, ma la disoccupazione, la povertà ed i debiti non sono meno letali!

Rating 3.00 out of 5

I giornali non si annunciano, si fanno

sabato, Aprile 25th, 2020
Mattia
Mattia Feltri

I giornali non devono dire quello che hanno in testa: devono farlo. Niente è più ozioso di un direttore che si mette lì a dire questo e quello, attingendo dall’armamentario degli aggettivi, dei valori sacri, delle elevatissime ambizioni etiche. Sarà il nostro lavoro, di ogni giorno, a spiegare chi siamo, che sguardo abbiamo sul mondo, quanta libertà sapremo conquistarci e quanta responsabilità metteremo al suo servizio.

Di certo, qui all’HuffPost c’è una redazione valorosa e rodata, giovane, che sa qual è il suo ruolo e come ricoprirlo. È una redazione messa in piedi, passo dopo passo, da Lucia Annunziata, fondatrice e fin qui direttore. Prenderne l’eredità non sarà facile, perché HuffPost è Lucia e Lucia è HuffPost. Da zero è diventato uno dei siti più visitati d’Italia, il terzo per autorevolezza secondo un’indagine di Quorum/YouTrend per il Sole 24Ore.

Rating 3.00 out of 5

Ai lettori di Repubblica

venerdì, Aprile 24th, 2020

di CARLO VERDELLI

Cari lettori,

non è difficile immaginare che cosa state provando, che sacrifici state facendo, quanti dolori e privazioni state sopportando, senza neanche sapere bene quando questo avrà fine. Non è difficile immedesimarsi nella sofferenza dei bambini, costretti a una lunga stagione senza gli amici, senza la scuola, senza l’aria da mangiarsi a bocca aperta correndo in un cortile o in un prato.

Non è difficile patire insieme a quell’Italia ferita e smarrita e smagrita, che sa bene cosa l’aspetta alla fine del tunnel dell’epidemia: sacrifici, sacrifici e ancora sacrifici. E poi le scene delle bare, delle corsie con esseri umani stremati dentro a strani caschi, dei medici e degli infermieri che hanno dato letteralmente la vita cercando di salvare quella degli altri.

La falce del coronavirus ha spezzato in due le nostre esistenze, in un prima che sembra lontanissimo e in un dopo, quello nel quale siamo ancora immersi, che richiederà molta forza e altrettanto coraggio per essere affrontato senza lasciarsi prendere dallo sconforto o dalla furia.

Da Repubblica abbiamo cercato di raccontare tutto questo, come è nella storia lunga di questo grande giornale. Raccontare, cercare di capire, provare a spiegare in modo trasparente: il giornalismo non è un affare complicato. E’ un mestiere civile, che richiede devozione e passione. La redazione che ho avuto l’onore di guidare in questi 14 mesi è stata formata su questi principi, li applica in automatico, che si tratti di politica o di finanza, di cultura o di qualsiasi altro argomento di cui è intrecciato il nostro presente.

Rating 3.00 out of 5

Carlo Verdelli non è più il direttore di Repubblica, al suo posto Maurizio Molinari

venerdì, Aprile 24th, 2020

Il Consiglio di amministrazione del Gruppo Editoriale Gedi ha nominato Maurizio Molinari direttore di Repubblica in sostituzione di Carlo Verdelli. Lo comunica una nota della società diffusa al termine del Consiglio, che si è riunito a seguito del perfezionamento della vendita delle azioni di Cir da parte di Exor.

Il Consiglio ha nominato John Elkann presidente e ha conferito a Maurizio Scanavino la carica di amministratore delegato e direttore generale. I consiglieri Laura Cioli, Rodolfo De Benedetti, Francesco Dini e Monica Mondardini si sono dimessi dalla carica di consiglieri di Gedi. Il Consiglio ha cooptato quali nuovi consiglieri Turi Munthe, Maurizio Scanavino, Pietro Supino e Enrico Vellano. Maurizio Molinari è stato inoltre nominato direttore editoriale del Gruppo Gedi: in questo nuovo ruolo, Molinari avrà il compito di valorizzare la forza giornalistica, i prodotti editoriali e i contenuti intellettuali del gruppo anche attraverso lo sviluppo di progetti innovativi e multimediali.

Il cda ha espresso a Verdelli “gratitudine per il lavoro svolto nel corso dell’ultimo anno e piena solidarietà per le intimidazioni che sono state rivolte contro la sua persona”.

Rating 3.00 out of 5

COMUNICATO STAMPA :ENI, ARABIA SAUDITA NEL CAPITALE. MARSIGLIA: VINTO LOTTERIA (ITA/ENG)

lunedì, Aprile 20th, 2020

“Nessun rischio di scalata estera. Con l’Arabia Saudita nel capitale sociale ENI, abbiamo vinto una lotteria. Un regalo del Principe Mohammad bin Salman” la dichiarazione del Presidente di FederPetroli Italia – Michele Marsiglia a seguito delle indiscrezioni di Bloomberg e del Wall Street Journal per un investimento azionario in periodo Covid19 da parte del Fondo Sovrano saudita PIF (Public Investment Fund).

Continua il presidente FederPetroli Italia “Visto i tempi e gli eccessivi ribassi borsistici di gran parte di aziende è giusto che le autorità di mercato, come la Consob siano attori vigili per evitare eventuali scalate da parte di paesi terzi ma è anche giusto dire che se un investitore, pubblico o privato che sia, approfitta di alcune situazioni favorevoli di mercato, non vi è nulla di anomalo o illegale. ENIinquesto ultimo periodo ha consolidato sempre più il Medio Oriente con agreement strategici, toccando specialmente la Penisola Arabica e gli Emirati, un possibile ingresso di Fondi Sauditi nel capitale dell’azienda energetica italiana è solo da considerare una lotteria. In questo modo potremmo avere vantaggio su medio e lungo termine nelle operazioni energetiche estere, non solo, grazie alle partnership gli investimenti in nuovi giacimenti e in altri cantieri energetici risulterebbero più vantaggiosi, lavorando su binari paralleli con altri investitori, con un obbiettivo di guadagno comune”.

Rating 3.00 out of 5

Buona Pasqua!

domenica, Aprile 12th, 2020

La Pasqua è il simbolo della speranza – quest’anno più che mai A voi, cari lettori, auguriamo una Pasqua serena, se possibile, da festeggiare insieme ai vostri cari, con i nostri più cari auguri!!!

NONSOLOFOLE

Rating 3.00 out of 5

COMUNICATO STAMPA – KIT DI FARiMACI E SATURIMETRO AI PAZIENTI CODIV-19, INIZIATIVA ASL LANCIANO-VASTO-CHIETI E STRATEGIA AREA INTERNA BASSO SANGRO TRIGNO

venerdì, Aprile 10th, 2020

MONTENERODOMO –    Eccellente e tempestiva l’iniziativa innovativa intrapresa recentemente dalla Asl Lanciano Vasto Chieti, con la sperimentazione a domicilio di Kit di farmaci e saturimetro a ciascun paziente con Codiv-19, integrata con il monitoraggio da remoto delle condizioni cliniche del paziente con Codiv-19.

Tale modello persegue “una strategia centrata sulla presa in carico, a domicilio, di tutte le persone risultate positive al test, anche con pochi sintomi, e quelle in attesa di risultati che presentino, però, una condizione clinica riconducibile al Coronavirus”, e riprende opportunamente la sperimentazione avviata con la firma della Convenzione tra l’Asl 2 Abruzzo e i Comuni dell’Area Interna Basso Sangro Trigno.

Infatti lo slogan “dall’ospedale si passa al territorio” dovrebbe essere adottato anche nelle aree urbane per tutta la fase post emergenza Codiv-19, quella di ritorno alla normalità. Risulta indubbio che nella fase post-epidemica, quando i giovani e gli adulti torneranno gradualmente a svolgere le proprie attività quotidiane, le persone anziane e fragili, sia al proprio domicilio che in Residenza assistenziale, debbano essere confinate e protette ancora a lungo dal virus. Questo si può fare proprio ampliando e potenziando le iniziative sperimentate con il nuovo modello proattivo per la fragilità nell’Area Interna Basso Sangro Trigno: la telesalute, gli infermieri e ostetriche di comunità, la Palestra della Mente Montessori e, in generale, il sostegno socio-sanitario alla fragilità nei luoghi di vita della popolazione più fragile, identificata e monitorata dal Sistema Informativo Socio Sanitario Territoriale.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.