Archive for the ‘Esteri’ Category

Olanda, bufera su presentatore tv: “Inutile salvare anziani obesi e fumatori”

venerdì, Aprile 10th, 2020

Giorgia Baroncini

“Stiamo salvando gli ottantenni obesi che fumano. È bene bilanciare gli interessi, chissà quanti danni economici comporterà il salvataggio di persone che sicuramente potrebbero morire entro due anni”.

Queste sono le parole choc del giornalista e conduttore televisivo olandese Jort Kelder. Dichiarazioni forti che non sono piaciute al pubblico e hanno subito scatenato una bufera in Olanda. Mentre tutto il mondo sta combattendo una dura battaglia contro il coronavirus, il giornalista non ha usato mezzi termini parlando in diretta tv.

Il 55enne, famoso conduttore televisivo con oltre 280mila follower su Twitter, è stato subito preso di mira sui social. Ai suoi fan e al pubblico in generale non è piaciuto il suo intervento sull’emergenza coronavirus. “Perché non vai a fare volontariato in una casa di cura così almeno ti rendi utile?”, si legge tra i commenti su Twitter, come riporta il Messaggero.

E così, travolto da una valanga di critiche, il giornalista e amico intimo del primo ministro olandese Mark Rutte, ha tentato di correggere il tiro. “Non stavo suggerendo di uccidere anziani obesi – si è giustificato Jort Kelder -. Cerchiamo di aiutarli, ma prestiamo anche attenzione all’economia. Pensiamo sempre alla salute, ma siamo sicuri che sia prioritaria rispetto all’economia?”. Una dichiarazione per allentare le tensioni e spegnere le polemiche sul caso ma che, a dire il vero, non è stata poi così tanto apprezzata dal pubblico.

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, le ultime notizie dall’Italia e dal mondo

venerdì, Aprile 10th, 2020

n Italia, dall’inizio dell’epidemia, almeno 143.626 persone hanno contratto il virus Sars-CoV-2 e 18.279 morti (qui l’ultimo bollettino della Protezione Civile). Secondo gli ultimi dati della Johns Hopkins University, nel mondo i casi hanno superato il milione e mezzo (qui la mappa globale del contagio).

Ore 8.35 – New York, record di morti ma calo di ricoveri
Giornata nera per New York, dove si è registrato il maggior numero di morti per Covid-19, ma si è tirato un sospiro di sollievo per quanto riguarda i nuovi ricoveri, in calo. Ciò significa che le misure di distanziamento sociale adottate negli Stati Uniti stanno funzionando, ha detto il virologo Antony Fauci, a capo della task force della Casa Bianca contro il coronavirus. «Quello che stiamo facendo sta funzionando. Per quanto riguarda i morti è stata una brutta settimana. In effetti ogni giorno sembra registrare un record nel numero dei morti se paragonato al giorno precedente», ha detto Fauci. «Nello stesso tempo in cui vediamo un aumento di morti, vediamo anche una notevole diminuzione tra chi necessità di essere ricoverato», ha aggiunto.

Ore 8.25 – Anche Tokyo chiude ristoranti e bar (alle 20)
Stretta delle misure per il contenimento del coronavirus a Tokyo. La capitale giapponese è la più colpita del paese, dove a livello nazionale si sono registrati 5.530 contagi e 99 vittime. In particolare, come ha annunciato in una conferenza stampa il governatore di Tokyo Yuriko Koike, a partire da sabato i bar e i ristoranti della metropoli dovranno smettere di servire alcol alle 19 e chiudere alle 20; è una delle misure annunciate dopo il piano del governo varato nei giorni scorsi per evitare l’ulteriore espansione dell’epidemia da Covid-19.

Rating 3.00 out of 5

Coronabond, il no tedesco «è gretto e vigliacco»: l’editoriale dello Spiegel scuote la Germania

giovedì, Aprile 9th, 2020

di Gianluca Mercuri

Coronabond, il no tedesco «è gretto e vigliacco»: l'editoriale dello Spiegel scuote la Germania

L’Europa s’è desta. E questo vale qualunque cosa decidano di fare i suoi ministri economici — impegnati in queste ore in accese riunioni a distanza — e soprattutto i suoi leader. S’è desta perché il virus, molto più della crisi economica degli anni scorsi, con il suo carico di lutti e sofferenze la costringe — ci costringe tutti — a interrogarsi davvero sulla sua anima e i suoi scopi. E a costo di essere troppo ottimisti, la sensazione è che dopo il muro contro muro iniziale si possa cominciare a considerare meglio le ragioni degli altri: ieri ci abbiamo provato da qui, con un pezzo che spiegava da dove derivi la posizione dei Paesi del Nord, storicamente contraria a ogni forma di condivisione del debito. Ma oggi la sorpresa è di segno opposto.

Arriva da Amburgo, sede dello Spiegel, un giornale letto e rispettato in tutto il mondo. La sua posizione lascia senza fiato fin dal titolo: «Il rifiuto tedesco degli eurobond è non solidale, gretto e vigliacco». È Steffen Klusmann, il direttore, a firmare un editoriale che passerà alla storia, pubblicato sul sito in tutte le principali lingue europee, italiano compreso. La sua durezza nei confronti del suo Paese, e della grande cancelliera che lo guida, è inaudita:

Rating 3.00 out of 5

Chi comanda a Downing Street

mercoledì, Aprile 8th, 2020

Il ricovero in terapia intensiva del premier britannico Boris Johnson ha dato vita a una situazione di caos senza precedenti nel governo. Il portavoce di Downing Street ha rassicurato che il premier non ha la polmonite e al momento non sta utilizzando un ventilatore. Tuttavia, Johnson non sarà in grado di svolgere le sue funzioni nei prossimi giorni e verrà sostituito da Dominic Raab. Il ministro degli Esteri e vice premier di fatto dovrà guidare la risposta al coronavirus, coordinando l’attività del governo e degli esperti scientifici. Johnson resterà ufficialmente il premier durante il ricovero, mentre Raab sarà il “primo tra eguali” nel consiglio dei ministri, che avrà il potere di rimuoverlo dal suo incarico. 

I costituzionalisti inglesi discutono sui poteri di Raab, e ognuno prevede uno scenario diverso nel caso in cui la convalescenza di Johnson si rivelasse più lunga delle attese. La Gran Bretagna non ha una costituzione scritta, e dunque non sono previste delle disposizioni ufficiali per questa evenienza. Per evitare ulteriore confusione Downing Street ha pubblicato la linea di successione al premier, che include oltre venti ministri.

Raab dovrà dimostrare immediatamente di essere in grado di gestire un’emergenza sanitaria che ancora non ha raggiunto il picco, come dimostrano le 758 vittime da coronavirus registrate nelle ultime ventiquattr’ore. Molti ministri dubitano in privato che Raab sia la persona adatta a governare questa crisi. Il vice di Johnson viene critcato per la mancanza di empatia e per le pessime doti da comunicatore, che sono particolarmente importanti per rassicurare i cittadini esasperati dal lockdown. Alcuni osservatori sostengono che il cancelliere dello Scacchiere Rishi Sunak, il prossimo nella linea di successione, sarebbe stato più adatto all’incarico.

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus nel mondo: record di decessi negli Usa, 1150 in 24 ore. Per la prima volta nessun morto in Cina

martedì, Aprile 7th, 2020

· Mappa aggiornata · Evoluzione contagi

Le persone contagiate dal coronavirus nel mondo sono oltre un milione e 300mila, i decessi quasi 75mila. L’Europa è il continente più colpito, con oltre 50mila decessi: quasi l’85% in Italia, Spagna, Francia e Gran Bretagna.

Usa, oltre diecimila morti, 1150 solo ieri

Nuovo triste record di decessi negli Usa per il coronavirus. Secondo la Johns Hopkins University, sono morte 1.150 persone in 24 ore, per un totale che raggiunge quota 10.783. I contagiati sono 366 mila. Malgrado questi dati, il presidente Donald Trump continua a professare ottimismo: “Usciremo da questa crisi con più forza, unità e risolutezza” ha detto durante la quotidiana conferenza stampa sul coronavirus indicando che gli Usa “riapriranno prima di quanto le gente non pensi”. Il presidente ha ribadito che questa sarà “una settimana dura” ma che “c’è una incredibile luce alla fine di questo tunnel”. Trump ha annunciato “un accordo amichevole” con la società americana 3M alla quale ha ordinato di produrre le mascherine necessarie per proteggersi dal coronavirus. Poi ha ringraziato Apple per la produzione di scudi facciali in plastica destinati agli operatori sanitari che si occupano di pazienti con il coronavirus. Si è sbloccata intanto la situazione della nave-ospedale militare Usns Comfort mandata dal presidente Usa a News York per combattere l’emergenza ma da giorni rimasta di fatto inutilizzata. Il governatore del Stato di New York, Andrew Cuomo, ha annunciato su Twitter di aver parlato al telefono col presidente, il quale ha accettato la sua richiesta di trattare pazienti di Covid-19 sulla Usns Comfort. “Questo significa che mille letti aggiuntivi”, ha twittato Cuomo, “questo darà il tanto necessario sollievo ai nostri ospedali sovraccarichi”. Poco dopo è stato lo stesso Trump, in conferenza stampa alla Casa Bianca, a confermare la decisione. Il presidente, infine, sta  “molto seriamente valutando un secondo round” di helicopter money, ovvero di pagamenti diretti agli americani per limitare l’impatto economico del coronavirus. Intanto la Corte Suprema del Wisconsin ha confermato che in questo Stato le elezioni si terranno domani, come previsto, accogliendo il ricorso dei Repubblicani contro l’ordine esecutivo con cui il governatore Tony Evers aveva rinviato il voto a giugno.

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, lo skyline di Wuhan si illumina per omaggiare gli operatori sanitari

martedì, Aprile 7th, 2020
La città si sta preparando a revocare il blocco – Ansa /CorriereTv
Lo skyline di Wuhan, che si sta preparando a revocare il blocco, si è illuminato per omaggiare gli operatori sanitari. Sui grattacieli della città dove è scoppiata l’epidemia, sono comparse le immagini di medici e infermieri che lottano contro il virus.
Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, Boris Johnson trasferito in terapia intensiva

martedì, Aprile 7th, 2020

Il primo ministro britannico Boris Johnson, positivo al coronavirus, è stato trasferito in un’unità di terapia intensiva dopo che le sue condizioni sono peggiorate. Lo ha reso noto Downing Street, precisando che il ministro degli Esteri Dominic Raab gli subentra per esercitare la supplenza. Johnson è cosciente e non richiede al momento ventilazione.

Il primo ministro conservatore della Gran Bretagna è tra i leader che avevano sminuito il nuovo coronavirus e la malattia respiratoria correlata, non applicando da subito restrizioni e vincoli forti per arginarne la diffusione.

Diagnosticatogli il Covid-19 il 26 marzo, il 55enne Johnson è stato ricoverato in ospedale domenica sera per la persistenza dei sintomi, negli stessi minuti in cui la tv trasmetteva lo storico discorso della regina Elisabetta II.

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, Berlino: “Pronti a fare la nostra parte”

lunedì, Aprile 6th, 2020

Roberto Vivaldelli

L’Eurogruppo di martedì rappresenta una giornata cruciale non solo per comprendere come reagirà l’Unione europea alla imminente crisi economica provocata dal Covid-19, ma anche per il futuro stesso dell’Ue, forse mai così in bilico come nell’ultimo periodo.

A Berlino lo sanno benissimo e così, anche per ingraziarsi le opinioni pubbliche dei Paesi del sud europa, i ministri degli Esteri e delle Finanze Heiko Maas e Olaf Scholz hanno deciso di pubblicare un editoriale (in edicola domani) su cinque giornali di altrettanti stati membri. Per l’Italia è La Stampa, che ne anticipa anche parte dei contenuti. I ministri del governo di Angela Merkel ammettono che “in un primo momento la risposta europea non è stata convincente” ma che la La Germania è pronta a fare la sua parte non solo sostenendo la proposta di allentare i criteri del patto di stabilità, ma estendendo “il programma di acquisto di titoli di Stato e di stanziare somme miliardarie provenienti dai fondi straordinari del bilancio Ue”.

Inoltre, aggiungono Maas e Scholz nel loro editoriale, per stabilizzare i Paesi più colpiti dalla crisi “bisogna agire in modo rapido e non complicato”. La proposta di Maas e Scholz è dunque quella di provvedere a “sufficiente liquidità in tutti gli Stati Ue” in modo da non far dipendere “la tutela dei posti di lavoro dagli umori degli speculatori”. L’importante, spiegano da Berlino, “è che i mezzi finanziari non siano vincolati a condizioni inutili”, pena “la ricaduta nella politica dell’austerità” subito dopo la crisi che “porterebbero a una disparità di trattamento di singoli Stati membri”. I ministri tedeschi difendono il Mes, il meccanismo europeo di stabilità, che a loro dire “mette a disposizione i mezzi senza bisogno di troika, controllori o commissioni”, ma va adeguato “in modo ragionevole”.

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, la regina Elisabetta ai britannici: “Tempo difficile e di sconvolgimento”

lunedì, Aprile 6th, 2020

“Vi parlo in un tempo che so essere di crescente difficoltà: un tempo di sconvolgimento nella vita del nostro Paese che ha portato dolore ad alcuni, problemi economici a molti ed enormi cambiamenti nella vita quotidiana di tutti noi”. Lo ha detto la regina Elisabetta, quasi 94 anni, nel suo discorso televisivo straordinario alla nazione sull’emergenza coronavirus, registrato dal castello di Windsor.

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, Londra ritorna all’idea di immunità di gregge

sabato, Aprile 4th, 2020

dal nostro corrispondente ANTONELLO GUERRERA

LONDRA. La teoria dell’immunità di gregge è tornata in Regno Unito. O meglio, non era mai stata del tutto accantonata, semmai “congelata”, visti i rischi per la sanità britannica, che avrebbe potuto soccombere sotto lo “tsunami” di contagiati da coronavirus bisognosi di ricoveri intensivi e cure speciali. Ora però a riesumarla è di nuovo un ufficiale del governo, come successe settimane fa, quando a rivelarla era stato Sir Patrick Vallance, il massimo consigliere scientifico di Johnson. Stavolta tocca al professor Graham Medley, il massimo consigliere dell’esecutivo sulle pandemie, che al Times fa capire quali potrebbero essere le prossime strategie in Regno Unito.

Coronavirus, anche il Regno Unito ”chiude”. Boris Johnson ai cittadini: ”Dovete rimanere in casa”

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.