Archive for the ‘Scienza’ Category

Gli ultimi giorni della cometa Neowise. Non tornerà prima di 6683 anni

mercoledì, Luglio 22nd, 2020

di MATTEO MARINI

Approfittatene, di questo cielo estivo pulito e delle miti temperature notturne, perché sono gli ultimi giorni per osservare la cometa Neowise senza dover montare un costoso telescopio o un teleobiettivo come quelli di un fotoreporter da stadio. La si può ancora scorgere a occhio nudo, ormai ben sopra l’orizzonte a nordovest. Se ne sta lì per tutta la notte, sotto il Grande carro, ma la sua luce va pian piano affievolendosi.

Gli ultimi giorni della cometa Neowise. Non tornerà prima di 6683 anni

La posizione della cometa in cielo fino al 31 luglio Condividi  
La sua curva di luce è in discesa, perché si allontana da Sole: “La osservo ogni giorno e mi sono accorto che la sua luce sta sbiadendo, anche se è molto facile trovarla in cielo perché ormai ha una coda estesissima, 15 o 20 gradi – spiega Alessandro Marchini, direttore dell’osservatorio astronomico dell’università di Siena – ma tra una settimana, al massimo dieci giorni, scenderà sotto la quinta magnitudine. Significa che non sarà più visibile a occhio nudo, servirà almeno un binocolo”.

Gli ultimi giorni della cometa Neowise. Non tornerà prima di 6683 anni

La cometa Neowise sull’orizzonte del cielo di Siena – (foto: Alessandro Marchini, Osservatorio astronomico dell’Università di Siena) Condividi  
Nessuno di noi rivedrà mai più Neowise, una volta che sarà tornata da dove è venuta. Scoperta a marzo dal telescopio dal quale ha preso il nome, è una cometa di lungo periodo, proviene da uno dei quartieri periferici del Sistema solare, la nube di Oort. Tornerà dalle nostre parti tra 6.683 anni, secondo gli ultimi calcoli. Le comete sono oggetti piuttosto imprevedibili, lo dimostra il fatto che anche di recente alcune di loro battezzate frettolosamente come ‘cometa dell’anno’ o ‘del secolo’, hanno deluso le aspettative.

Neowise è stata una sorpresa, che vale la pena godersi fino alla fine, per trovarla basta scendere con lo sguardo dalla costellazione più famosa di tutte, il Grande carro: “C’è di buono che ora è visibile tutta la notte, dalle prime ore dopo il tramonto la si può notare a nordovest, con un orizzonte libero da ostacoli – sottolinea Marchini – a occhio nudo si vede quella che sembra una stella sfocata. Il puntino luminoso è il suo nucleo, avvolto dalla chioma di polveri che riflette la luce del Sole. Col binocolo, consigliatissimo, si apprezza la lunga coda. Una curiosità: la coda delle comete è sempre rivolta dalla parte opposta rispetto al Sole, perché è ‘pettinata’ dal vento solare. In questo momento, mentre si allontana, la sua coda quindi la precede”.

Rating 3.00 out of 5

Il Sole costellato di falò: le spettacolari immagini mai così vicine

venerdì, Luglio 17th, 2020

La superficie del Sole è costellata di innumerevoli eruzioni – mai viste finora – che ricordano dei falò. E’ quanto rilevato dalle immagini inviate dalla sonda Solar Orbiter di Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Nasa. Nessuna altra immagine del Sole è stata ripresa da una distanza così ravvicinata così come quelle acquisite dalla suite di strumenti a bordo di Solar Orbiter.

Lanciata il 10 febbraio, la missione è la più ambiziosa mai diretta al Sole. Ha catturato le immagini con suoi dieci strumenti, tre dei quali italiani, realizzati da Agenzia Spaziale Italiana (Asi), Istituto Nazionale di Astrosifica (Inaf), Thales Alenia Space (Thales-Leonardo). Università di Firenze e di Genova.

“Abbiamo al momento solo le prime immagini e già possiamo osservare nuovi fenomeni interessanti”, ha detto il responsabile scientifico della missione, Daniel Müller. “Non ci aspettavamo davvero di avere risultati così importanti già all’inizio”, ha aggiunto. 

Rating 3.00 out of 5

Orto, piante e vegetali: sulla Luna sarà così la casa progettata dalla Nasa per gli astronauti

mercoledì, Maggio 20th, 2020
Orto, piante e vegetali: sulla Luna sarà così la casa progettata dalla Nasa per gli astronauti

paolo mastrolilli Pubblicato il 20 Maggio 2020

DALL’INVIATO A NEW YORK. C’è anche l’orto, con le piante esotiche e i vegetali da coltivare per usarli in cucina. Sopravvive grazie ad una struttura costruita con un composito di basalto biopolimero, che la protegge dalle escursioni termiche superiori ai cento gradi centigradi, e ferma le radiazioni consentendo solo il passaggio della luce naturale. Perché la casa di cui stiamo parlando è stata progettata per essere assemblata su Marte, e ora sta diventando il prototipo di una città completamente funzionale da realizzare sulla Luna, dove la Nasa vorrebbe trasferire i suoi astronauti su base permanente.

L’anno scorso i neolaureati della Columbia University Jeffrey Montes e Christopher Botham avevano fatto notizia, perché avevano vinto il premio da 500.000 dollari messo in palio dall’agenzia spaziale americana con la 3D-Printed Habitat Challange. In sostanza avevano progettato una casa che i robot potevano costruire sul Pianeta Rosso attraverso la tecnologia delle stampanti tridimensionali. La struttura si chiamava MARSHA, ossia Mars Habitat, e puntava a realizzare una residenza permanente per gli astronauti.

Rating 3.00 out of 5

Ritorno alla normalità: chi ha paura di tornare fuori

martedì, Maggio 5th, 2020

di Monica Virgili

Ritorno alla normalità: chi ha paura di tornare fuori

Getty

Abbiamo tanto desiderato il ritorno a una vita normale. Ma ora che finalmente si intravedono piccoli bagliori di normalità sottotraccia balena un pensiero difficile da ammettere: «Quasi quasi non esco più». L’isolamento si è trasformato in comfort zone. «Ci sono situazione diverse, sarebbe difficile e imprudente generalizzare sulle ragioni che possono portare a questo timore. Certamente però, per molti questo è stato probabilmente un tempo sospeso, per alcuni versi simile all’adolescenza, in equilibrio tra l’infanzia e l’età adulta», commenta Valentina Di Mattei, psicologa clinica dell’Ospedale San Raffaele e professore associato dell’Università Vita Salute San Raffaele di Milano. «La sospensione riguarda anche obblighi e responsabilità, per questo ha un suo fascino che la mantiene desiderabile nei suoi elementi di regressione».

Rating 3.00 out of 5

“Su terapie e vaccino ad ora niente di sicuro”. Intervista a Silvio Garattini

mercoledì, Aprile 15th, 2020

“Al momento non c’è niente di sicuro”, dice Silvio Garattini. È questa la premessa dalla quale partire, prima di passare in rassegna studi e ricerche in corso sulle possibili terapie per curare l’infezione da Covid-19. Il celebre medico e farmacologo, presidente dell’Istituto “Mario Negri” di Milano, lo dice chiaro e tondo: “Ci sono tante proposte, ma nessuna che abbia una solida base scientifica”. Quanto ai vaccini, è d’accordo con chi sostiene che “sono una scommessa” e “per essere efficaci – aggiunge – devono realizzare condizioni precise”. Per il momento, in Italia “siamo ancora in fase 1” e “potrebbe esserci un’altra ondata, quindi è bene non smobilitare troppo rapidamente”. La fase 2? “Bisogna prepararla fin d’ora e adeguatamente”. Di qui l’invito “a utilizzare questo periodo in cui siamo in clausura per creare le condizioni perché agli inizi di maggio possa iniziare davvero la fase 2”, facendo molta attenzione “a non alimentare, nel mentre giustamente si corre dietro al virus per fermarne l’avanzata, altre forme di malessere e povertà”. E ricordando – “sia detto senza polemica” – a chi chiede certezze inconfutabili “che la scienza fornisce informazioni sulla base delle conoscenze, ma va anche messa in condizioni di lavorare bene”.

Partiamo dalle ricerche in corso sul piano della possibile cura. L’Aifa ha approvato due tipi di sperimentazione su due farmaci: il Tocilizumab e il Remdesivir. Altri studi si stanno svolgendo sull’idrossiclorochina. Possono essere considerati passi avanti per individuare una cura all’infezione?

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, vaccino Italia-Gb: ad aprile test sull’uomo

lunedì, Aprile 13th, 2020

Roma, 13 aprile 2020 – Nuovi passi avanti sul fronte del vaccino contro il Coronavirus. E crescono le speranze. Inizieranno a fine aprile in Inghilterra i test accelerati sull’uomo – su 550 volontari sani – del prodotto messo a punto dall’azienda Advent-Irbm di Pomezia insieme con lo Jenner Institute della Oxford University. Ad annunciarlo è l’ad di Irbm Piero Di Lorenzo. Si prevede, afferma, di “rendere utilizzabile il vaccino già a settembre per vaccinare personale sanitario e Forze dell’ordine in modalità di uso compassionevole”. La scoperta di un vaccino è da più parti indicata come l’unica soluzione che potrà consenitre di tornare alla normalità.

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, scoperto il “motore” che fa moltiplicare Covid-19

venerdì, Aprile 10th, 2020

E’ stata scoperta la struttura del motore molecolare di Covid-19 che permette al virus di moltiplicarsi. Il risultato, pubblicato su Science, rende più facile mettere a punto farmaci mirati. Il motore è l’enzima polimerasi nsp12, lo stesso che è il bersaglio dell’antivirale remdesivir utilizzato contro il nuovo coronavirus, ma nato come arma contro l’Ebola. Autore della ricerca è il gruppo di Yen Gao, dell’università Tsinghua di Pechino.    Segui tutti gli ultimi aggiornamenti sull’emergenza coronavirus in Italia cliccando qui

TGCOM

Rating 3.00 out of 5

Coronavirus, 30 studi sul vaccino nel mondo. Quale ricerca è più vicina alla meta?

giovedì, Aprile 9th, 2020

di Margherita De Bac

Coronavirus, 30 studi sul vaccino nel mondo. Quale ricerca è più vicina alla meta?

1. Perché il vaccino è così importante?
È l’unica, vera soluzione a lungo termine contro la pandemia della Covid-19. Una volta superata la fase acuta che stiamo vivendo attualmente serviranno «armi di prevenzione necessarie per impostare il futuro. Bisogna investire in questa direzione anche se la prospettiva di avere risultati non è immediata», afferma Gennaro Ciliberto, direttore scientifico dell’istituto oncologico Regina Elena, biologo molecolare e immunologo. Il virus, anche quando la diffusione ora in corso si sarà fermata, potrà essere sempre pronto a creare nuovi focolai e solo un vaccino potrà garantire alla popolazione l’immunità di base, vale a dire la capacità collettiva di rispondere a una nuova infezione.

2. Quanto tempo ci vorrà per averlo?
I tempi della ricerca non sono brevi. L’agenzia europea del farmaco, l’Ema, così come la «sorella» americana Fda, Food and Drug Administration, hanno autorizzato l’applicazione dello schema rapido di approvazione Prime (Priority medicines). Ma più di tanto non si potrà correre, avverte il direttore Ema con sede ad Amsterdam, l’italiano Guido Rasi: «Abbiamo già discusso con gli sviluppatori di una dozzina di potenziali vaccini contro Covid-19, ragionevolmente però non è possibile attendersi un risultato pronto al via libera prima di un anno. Sappiamo che due candidati sono entrati nella fase di sperimentazione clinica su volontari sani, potremmo avere tra qualche mese una profilassi da testare in platee più a rischio, come gli operatori sanitari».

Rating 3.00 out of 5

Un cerotto per battere il virus: il potenziale vaccino che dà speranza

venerdì, Aprile 3rd, 2020

Francesca Bernasconi

Un piccolo cerotto trasparente delle dimensioni di un polpastrello, ricoperto da piccoli aghi, che permette di sviluppare l’immunità in due settimane. È il vaccino , chiamato PittCoVacc, candidato contro il Sars-CoV-2, studiato dagli scienziati della University of Pittsburgh school of medicine (Upmc).

Ieri, i ricercatori hanno annunciato che i test sul modello hanno mostrato come il cerotto produca anticorpi specifici per il trattamento del nuovo coronavirus, “in quantità ritenute sufficienti a neutralizzarlo”. I primi test effettuati sui topi hanno dato risultati promettenti. Il lavoro è il primo studio ad essere pubblicato, dopo la revisione di altri scienziati, a descrivere un potenziale vaccino contro il Covid-19.

La stessa proteina della Sars

I ricercatori, tra cui l’italiano Andrea Gambotto, avevano già realizzato il primo vaccino in assoluto contro la Sars, nel 2003, che però non venne mai sperimentato, dato che la malattia scomparve da sola. Nel 2014, inoltre, avevano studiato anche il modo per annientare un altro coronavirus, la Mers. Per questo l’azione degli studiosi è stata così rapida. Mers e Sars, infatti, sono “strettamente connessi alla Sars-Cov-2” e, spiega Andrea Gambotto, “ci insegnano che una particolare proteina, chiamata spike, è importante per indurre l’immunità contro il virus”. Avendo già analizzato i coronavirus precedenti, “sapevamo esattamente dove combattere questo nuovo virus”.

Rating 3.00 out of 5

Che foto ha scattato la Nasa il giorno del tuo compleanno? Ecco come scoprirlo

venerdì, Aprile 3rd, 2020
Che foto ha scattato la Nasa il giorno del tuo compleanno? Ecco come

“Ecco cosa ha visto Hubble nel giorno del mio compleanno” è il refrain che in queste ore invade i social. Ma cosa vuol dire? E soprattutto cos’è Hubble? Si tratta del telescopio spaziale che, messo in orbita attorno alla Terra dalla Nasa il 24 aprile 1990, sarebbe dovuto rimanere in servizio fino al 2005. Ma oggi Hubble è ancora attivo e, per festeggiare i trent’anni di orbita, regala ad ognuno di noi uno scatto dello spazio nel giorno del nostro compleanno. 

Per ottenere l’immagine basta collegarsi a questo link, inserendo il proprio mese e giorno di nascita (ma non l’anno, che viene scelto dal sistema in base alle immagini presenti in archivio). Entusiasti i commenti degli utenti, che plaudono alla bellezza delle immagini regalate del telescopio spaziale.

Visualizza l'immagine su Twitter
Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.