Jole Santelli, il sorriso nonostante la malattia: «La vita è una sorpresa»

di Tommaso Labate

Jole Santelli, il sorriso nonostante la malattia: «La vita è una sorpresa»

«La vuoi sapere la verità? Tre giorni prima che Berlusconi mi proponesse di candidarmi in Calabria stavo per mollare la politica. Soltanto tre giorni. Volevo lasciare il Parlamento, mi stavo già muovendo per trovare un lavoro normale, dopo una vita passata tra i banchi della Camera e in commissione Giustizia. Sarebbe stato il mio regalo del Natale scorso. E invece, poi, eccomi qua. La vita a volte è una sorpresa e io vivo per fare il presidente della Regione Calabria, adesso». Di quanto possa essere sorprendente quella vita che si è spenta qualche ora fa, a poco più di cinquant’anni, Jole Santelli parlava con un sorriso che non aveva nulla di amaro o malinconico, senza venature di tristezza, senza che gli ignari della malattia con cui combatteva da anni potessero neanche lontanamente immaginare o sospettare. Sorrideva e basta, come sorride chi non deve fare i conti con la sabbia che viene giù dalla clessidra ma davanti ha tutto il tempo che si merita.
Locri, 26 agosto scorso, un palazzo storico che domina dall’alto l’area degli scavi dell’antica Epizefiri fondata dai greci nel settimo secolo avanti Cristo: la governatrice della Calabria è l’instancabile animatrice di una grande tavolata, l’ennesima cena del suo tour nella Locride. Sembra un motorino di quelli inesauribili, che non si fermano mai nemmeno per fare benzina. «Mi avevano accusato di essere la governatrice che voleva aprire tutto a prescindere dal Coronavirus, di essere portavoce soltanto degli interessi economici della Regione. E invece sono stata la prima a chiudere le discoteche», diceva con un piglio rimasto identico a quando aveva trent’anni ed esordiva nella squadra del governo Berlusconi II con i galloni di sottosegretario alla Giustizia. Quell’ordinanza di chiusura delle luci della vita notturna, di quella che oggi tutti chiamano «movida», alla fine era stato il faro del governo Conte, che ventiquattr’ore dopo l’aveva riprodotta con un decreto su scala nazionale.

Rating 3.00 out of 5

Pages: 1 2


No Comments so far.

Leave a Reply

Marquee Powered By Know How Media.