Archive for the ‘Spettacoli -Eventi -TV’ Category

Sanremo 2022, il meglio e il peggio della seconda serata

giovedì, Febbraio 3rd, 2022

Alice Castagneri

Irriverente, scorretto il giusto. Checco Zalone, il comico «del popolino» che sta «con la gente vera» le azzecca tutte. Racconta la favoletta sul trans innamorato, veste i panni del rapper Ragadi e poi quelli del virologo Oronzo Carrisi, cugino di Al Bano. Il mondo Lgbqt, la scena rap e la virologia. Gli sketch del comico pugliese straripano di attualità. La fiaba «scorretta» è la storiadi Oreste, trans brasiliano che viene invitato al ballo a corte. È colpo di fulmine con il principe, ma il re omofobo non vuole: peccato però che il sovrano sia un «cliente affezionato» di Oreste. «Stiamo facendo servizio pubblico», graffia Zalone. Poi rilegge Mia Martini con «Che ipocrisia nell’universo» e conclude con l’ennesimo doppio senso: «Se ci sono denunce, querele interrogazioni parlamentari, il foro di competenza è di Amadeus». 

Top e flop, la vera nota stonata è l’assenza del maestro Beppe Vessicchio

Nei panni del rapper Ragadi – uno, un po’ in là con gli anni –  canta il disagio del «poco ricco». Suona «con evidenti sofferenze, i demoni del passato che ritornano», sin dalla seduta al pianoforte su un cuscino a ciambella. «Non sono nato povero, sono poco ricco», rappa. È il disagio di chi «ha la Playstation 2 quando già c’era la tre», o «vede le insegne di Prada, ma sente una voce amara che dice Zara», «compra i croccantini per il cane Bracco da Cracco», ha «la madre devastata perché in casa ha una sola filippina”, e «un padre eccezionale che va a puttane dentro il Bosco verticale” e pensa “il duomo lo compro io, si può sfrattare Dio».

Sanremo 2022, la fiaba di Checco Zalone contro l’omofobia divide i social: “Geniale”. “Non fa ridere”

Infine, è il virologo cugino di Al Bano. «Pensavo di lasciare la virologia e aprire una carrozzeria», poi è arrivato il Covid. «Questa pacchia, purtroppo sta per finire». Canta Pandemia ora che vai via mentre sullo sfondo appaiono Bassetti, Pregliasco, Burioni e Crisanti. 

Rating 3.00 out of 5

È morta Monica Vitti, l’attrice aveva 90 anni

giovedì, Febbraio 3rd, 2022

di Maurizio Porro

Dopo una lunga malattia degenerativa, – mercoledì 2 febbraio — è morta Monica Vitti. L’attrice aveva 90 anni

desc img

Monica Vitti è morta il 2 febbraio. Nata Maria Luisa Ceciarelli a Roma, il 3 novembre del 1931, aveva compiuto da qualche mese 90 anni. Attrice icona del cinema italiano, era assente dalle scene dal 2001,quando fu ricevuta al Quirinale per i David di Donatello. Musa di Michelangelo Antonioni, regina della commedia all’italiana al fianco di Alberto Sordi. I funerali si terranno sabato 5 febbraio, alle 15, nella Chiesa degli artisti a Piazza del Popolo a Roma.

Monica Vitti, l’attrice che visse due volte. Per varie ragioni. Primo perché, la simpatica «ragazza con la pistola» molti anni fa ebbe il privilegio di leggere con un certo sorriso il proprio necrologio su Le Monde, storica gaffe del prestigioso quotidiano francese; secondo perché la sua vena artistica la portò non solo dal teatro al cabaret e al cinema, ma dalla tragedia al dramma e poi alla commedia, valorizzando personali risorse validissime di comunicabilità anche nell’incomunicabilità. E terzo perché Monica, all’anagrafe Maria Luisa Ceciarelli, nata a Roma il 3 novembre 1931, fuoco di spirito e voglia di comunicare, baciata dal dono della dialettica e dell’humour, visse dall’inizio degli anni Duemila in un lento decrescendo Monica Vitti, dovuto a una malattia che le aveva portato via il dono della comunicazione, una vera e tremenda pena del contrappasso. La malattia degenerativa di cui soffriva si può per lei considerare una nemesi storica contro quello che era il suo naturale charme dialogico, che le aveva permesso di passare dall’intellettuale che passeggiava coi libri di Joyce in borsetta alla commediante grottesca amata da tutti.

Molti chiedevano in questi anni: ma che fine ha fatto la Vitti? La verità era che l’attrice, colpita dal male che fa regredire allo stadio infantile, aveva cominciato a perdere la memoria, sempre assistita dal marito Roberto Russo che era stato fotografo di scena di molti suoi film e infine anche suo regista in finale di carriera. Le ultime volte Monica ricordava il passato, poco il presente; poi i legami si sono definitivamente scissi ed è entrata in un suo mondo chiuso, misterioso e nascosto, facendo uscire gli altri, compresa la sua adorata carriera e attraverso gli occhi con lei comunicava solo il marito.

Rating 3.00 out of 5

Sanremo 2022, il meglio e il peggio della prima serata

mercoledì, Febbraio 2nd, 2022

ALICE CASTAGNERI

Tanta gioia, ma anche tanta commozione. Lacrime piene di emozione. Amadeus, Gianni Morandi, Massimo Ranieri e perfino Damiano dei Måneskin. Vederli mentre si lasciano trasportare dal momento è il vero spettacolo. Il primo a commuoversi, in apertura dell’edizione numero 72 di Sanremo, è Ama. Appena scende le scale e vede il pubblico in sala, non nasconde la sua felicità. E dà subito il ben tornato al pubblico in sala: «O è l’età, dato che sto per compiere 60 anni, oppure è la presenza del pubblico: ci siete mancati tantissimo». Un piccolo segno di normalità, che allontana per un attimo i pensieri sulla pandemia, con cui conviviamo da ormai da due anni. 

Top e flop, ecco perché l’omaggio a Battiato è il vero flop della prima serata di Sanremo

Si commuove anche Gianni Morandi, che dopo 22 anni di assenza dalla gara torna con Apri tutte le porte. Prima di esibirsi e andare ai cento all’ora riceve un lunghissimo applauso lasciando intravedere gli occhi lucidi. Emozione simile pure per Massimo Ranieri. Gli «eterni rivali», come venivano dipinti già dai tempi di Canzonissima – ora di nuovo l’uno contro l’altro – si dividono praticamente in parti uguali gli applausi, nonché le lacrime trattenute a stento.

Brividi per Mahmood e Blanco: la coppia infiamma l’Ariston e conquista il pubblico

Finita una peformance da vera star, piange perfino Damiano. Dopo aver cantato Coraline non riesce a controllarsi e si lascia prendere dall’attimo. Ama lo abbraccia e scatta la standing ovation dell’Ariston, dove un anno fa è partita la marcia trionfale dei Måneskin. 

Si respira voglia di ballare. Il pubblico si dondola sulle poltroncine rosse sulle note di diverse canzoni e si scatena del tutto con la house dei Meduza. L’Ariston si trasforma in una discoteca con il trio composto dai produttori Simone Giani, Luca De Gregorio e Mattia Vitale. «Ballate pure, con le mascherine», esorta Amadeus. E il pubblico non se lo fa ripetere due volte: tutti in piedi per il medley composto da Piece of your heart, Lose control, Paradise e Tell it my heart(l’ultima feat Dozier). La sala diventa un luna park, invece, con Ana Mena e la sua Duecentomila ore. Si danza anche con Dargen D’Amico: Dove si balla ha il ritmo perfetto per ondeggiare. Si muovono i piedi anche con il twist di Morandi. 

Rating 3.00 out of 5

Gli ascolti della prima serata di Sanremo 2022

mercoledì, Febbraio 2nd, 2022

di Redazione Online

Gli spettatori e lo share della prima serata del Festival di Sanremo 2022

desc img

Festival di Sanremo, 72esima edizione. Festival di Amadeus (e Fiorello), terzo debutto (qui la classifica provvisoria, dopo la prima serata).

Di ascolti «non ne abbiamo mai parlato ma è chiaro che nel profondo del nostro cuore speriamo in un buon risultato. La televisione cambia sempre e non si può fare un confronto con due anni prima. Lo scorso anno avevamo una grande quota di pubblico giovane, quest’anno mi aspetterei una sorpresa anche nei target tradizionali» ha detto ieri il conduttore e direttore artistico. Il direttore di Rai 1 Stefano Coletta non si è voluto sbilanciare: l’auspicio che la prima serata venga seguita da «un pubblico più largo possibile».

Un po’ di comprensibile scaramanzia, anche in considerazione del fatto che l’anno scorso gli italiani era costretti in casa dal coprifuoco imposto dalla pandemia.

A seguire il debutto di Sanremo 2021 erano stati 11 milioni e 176 mila italiani (46,3% di share) nella prima parte, mentre la seconda parte ha avuto 4 milioni e 212 mila spettatori (47,7%). La media è stata di 8 milioni e 363 mila spettatori (46,6% di share).

La prima puntata di Sanremo 2020 aveva raccolto una media di 10 milioni 58 mila telespettatori con il 52,2% di share: la prima parte della serata è stata seguita da 12 milioni 480 mila spettatori con il 51,2% di share, la seconda da 5 milioni 709 mila con il 56,2% .

Per scoprire com’è andata la puntata di ieri dovremo aspettare la tarda mattinata.

CORRIERE.IT

Rating 3.00 out of 5

Sanremo, sale la febbre Måneskin: “Sono tanta roba, un fenomeno mai visto dai tempi di Modugno”

martedì, Febbraio 1st, 2022

LUCA DONDONI

SANREMO. «I Måneskin? Non capitava una cosa così dai tempi di Modugno. Mi auguro che il vincitore del Festival di quest’anno abbia lo stesso successo mondiale». Amadeus è felice come una Pasqua di poter aprire il Festival con i quattro ragazzi romani che dopo l’Ariston non ne hanno sbagliata una, dalla vittoria all’Eurovision Song Contest i alla trasferta americana. «Sono tanta roba – ammette -, c’è qualcosa di forte, sono bravissimi a gestirsi. Però la musica italiana può tranquillamente avere successo in tutto il mondo e lo auguro ai vincitori di quest’anno».

E dunque Sanremo può essere grata ai Måneskin, sebbene la kermesse sia famosa in tutto il mondo e sia uno degli eventi televisivi che molti Paesi ci invidiano, bisogna ammettere che la band ne ha amplificato enormemente la nomea. La gratitudine, naturalmente, è reciproca: il festival di Sanremo ha acceso il motore del successo dei Måneskin e loro ringraziano fermando per 48 ore la macchina che li sta portando in giro per il mondo ed è ora parcheggiata in Riviera. «Sarà una grandissima emozione tornare – hanno detto -. Vogliamo ringraziare tantissimo Amadeus per aver creduto nel nostro pezzo: è stato il punto di svolta perché è da lì che abbiamo avuto queste grandissime opportunità».

Victoria (basso), Damiano (voce), Thomas (chitarra) ed Ethan (batteria), sono arrivati domenica sera e subito Amadeus li ha accolti con una gag a favore di telecamere. Appena entrati in albergo infatti, i quattro ragazzi invece di trovarsi di fronte il portiere hanno visto spuntare il direttore artistico del Festival che si è detto felice di poter dare loro le chiavi delle camere. Il conduttore per prima cosa ha chiesto il green pass, e tra sorrisi e battute c’è stato anche un grande abbraccio che ha dimostrato quanto l’affetto e la riconoscenza siano reciproche. Damiano è stato immortalato nei dintorni del teatro con una felpa che ribadisce le loro posizioni: «No homophobia, No transphobia, No sexism, No violence, No abuse of power».

Rating 3.00 out of 5

A Sanremo è la quiete prima della tempesta

lunedì, Gennaio 31st, 2022

Paolo Giordano

LA VIGILIA

A Sanremo oggi è la quiete prima della tempesta (in arrivo da martedì con la prima puntata). La città è pigra nonostante il Festival qui sia “alta stagione” e i prezzi, di conseguenza, puntino energici ed entusiasti verso l’alto, spesso l’altissimo. Di certo la decisione Rai di confermare lo show nonostante la pandemia non ha premiato Sanremo. Anche se i dati del contagio sono in ribasso (per fortuna, manco c’è da dirlo), la paura è ancora la colonna sonora del vivere comune e quindi è difficile attendersi una città gonfia di pubblico per le strade come fino al 2020.

FIORI E FIORELLI

C’è un uomo mascherato che si aggira per Sanremo. È Fiorello, che ieri sera ha confermato coram populo la sua partecipazione al Festival con una delle sue gag (ha aperto ad Amadeus la porta della stanza 407 dell’Hotel Globo con un casco di bigodini in testa). Nel corso della giornata, aveva fatto un giro per Sanremo, con foto di rito di fianco alla statua di Mike Bongiorno. Per evitare troppa ressa, si è nascosto con cappottone e occhiali.

FINCHÉ LA BARCA VA

Orietta Berti la cantava nel 1971. Ora sulla barca è salita. Per la precisione, è la Costa Toscana, che è arrivata a Sanremo e campeggia chiaramente a poca distanza dalla riva. Sono previsti eventi e incontri, tutti rigorosamente in una “bolla” anti Covid. Insieme all’ormai onnipresente Orietta, a fare gli onori di bordo ci sarà Fabio Rovazzi.

ELEGANZA ED ELEGANZI

Uno dei grandi punti interrogativi di ogni vigilia festivaliera è il look dei cantanti. Spesso sono un passo falso, talvolta fanno scalpore e non c’è bisogno di ricordare il “pancione” di Loredana Bertè nel 1986. Questa volta c’è molta attesa ovviamente per Achille Lauro, che sulla carta è il vero “eleganzo” del Festival. Per lui un look diverso a ogni sera, magari anche due look per volta. Emma sarà vestita Gucci “customized”. Altri Big, specialmente ladies, sono ancora nell’imbarazzo della scelta. Vedremo.

Rating 3.00 out of 5

Sanremo: Fiorello, il grande boh

mercoledì, Dicembre 15th, 2021

LUCA DONDONI

SANREMO. «Il Festival non sarebbe diventato quello che è oggi e come è visto oggi se l’anno scorso non ci fossero stati i Måneskin e questo è un bene per noi, per loro e per tutto lo spettacolo italiano». A 47 giorni dalla partenza del Festival di Sanremo 2022 e poche ore prima della gara che questa sera decreterà i giovani che entreranno in gara, Amadeus, i vertici Rai e il sindaco della cittadina ligure Alberto Biancheri hanno ricordato i trionfatori dell’anno scorso e fatto il punto della situazione confermando che i nodi da sciogliere, prima di poter raccontare lo show che verrà, sono ancora parecchi.

Il primo è quello che riguarda la presenza di Fiorello al fianco del direttore artistico. Lo showman durante la finale 2021 – attaccata da molti nonostante lo sforzo di andare in onda durante la pandemia e senza pubblico all’Ariston – aveva detto: «Voglio fare un in bocca al lupo a chi verrà dopo di noi, vi auguro la platea dell’Ariston piena. Ci vuole il pubblico anche in mezzo all’orchestra, una moltitudine di ospiti internazionali, la folla fuori dal teatro. Deve essere un Festival pieno di gente ma deve andare malissimo». Un anatema che fece arrabbiare i vertici Rai e, si dice, creato un forte imbarazzo tra i due amici per la pelle. Proprio per questo Fiorello, chiamato a far parte di un inaspettato «Amadeus Ter», non sarebbe felicissimo di tornare al festival, anche solo per una sera come si è vociferato. La Rai è sulle spine e Amadeus nelle more: «Fiore è stato fondamentale negli ultimi due anni ma oltre ad essere un amico fraterno è un grande showman. Mi auguro che ci sia anche quest’anno anche se abbiamo un accordo: non si parla mai di Sanremo se non 20 giorni prima. Intanto sto pensando a qualcosa di diverso da quello che è successo negli ultimi due anni e la leggerezza, il divertimento, l’intrattenimento oltre le canzoni ci sarà, non vi preoccupate: appartiene al mio modo di fare spettacolo». Il secondo nodo da sciogliere, ma qualcuno parla di una vera e propria tegola sulla testa della Rai, riguarda l’abbandono di Tim che dopo cinque anni non sarà più il marchio che ha portato la voce di Mina nelle nostre case o l’Amadeus in versione ballerino. Dopo cinque anni – quattro come sponsor unico – la società di telecomunicazioni da pochi giorni guidata dal direttore generale Pietro Labriola e dal presidente Salvatore Rossi, ha deciso di non rinnovare il supporto all’evento. «Nessun problema –. dicono i dirigenti Rai – abbiamo la coda di brand che vogliono mettere il loro nome accanto a quello del festival di Sanremo; quanto prima conoscerete chi sarà della partita».

Amdeus non si è poi sottratto alle domande sui Jalisse che avevano polemizzato per la loro venticinquesima esclusione dalla kermesse che vinsero nel 1997 con “Fiumi di Parole” e che si considerano «vittime di pregiudizio». «Io valuto la canzone e non ritenevo la loro adatta al mio Festival – ha detto Ama –. Niente contro i Jalisse, così come niente contro gli altri 320 esclusi. Credo che la cosa più importante sia quella di lavorare e non lamentarsi perché la lamentela non rende mai merito alla storia di un cantante. Mi hanno insegnato a lavorare sodo e non pensare che ci sia sempre un complotto contro qualcuno. Lavora e magari le cose possono migliorare. Solo così magari in futuro ci sarà un’altra occasione per loro».

Rating 3.00 out of 5

Tg1, troupe sequestrata e pestata dalla senatrice romena: “Finirete a Norimberga”, il video-choc

martedì, Dicembre 14th, 2021

Un’intera troupe sequestrata. È accaduto in Romania alla giornalista Rai Lucia Goracci, “aggredita e sequestrata da una senatrice no vax”, assieme ai suoi cameraman. A denunciare l’accaduto è stato il Tg1, che nella serata di lunedì 13 dicembre ha mandato in onda il servizio. Inviata per raccontare alla tv italiana la situazione nel Paese “penultimo per somministrazione dei vaccini” anti-Covid, la Goracci ha raggiunto per un’intervista la senatrice no vax Diana Șoșoacă.
La donna però non ha reagito bene, negando in primis l’esistenza del virus: “Quale pandemia? Zero persone morte? Saranno tutti giudicati, sarà una Norimberga 2“, ha tuonato la parlamentare che “prima mi mette alla porta, poi – è il racconto dell’inviata di Viale Mazzini – l’incredibile: con un balzo, la senatrice della Repubblica Diana Șoșoacă ci si para davanti e ci chiude dentro. Poi, riprendendoci, chiama la polizia” alla quale dice che delle persone “hanno fatto irruzione nel mio ufficio e mi stanno minacciando”. E ancora, prosegue la testimonianza della troupe e della giornalista: “Riesco a uscire, alla polizia racconto l’accaduto. Torno con gli agenti dai miei colleghi chiusi dentro già da un pezzo, ma un altro shock: i criminali sembriamo diventati noi, così il marito di lei mi prende a pugni“, racconta ancora Goracci nel servizio.

Rating 3.00 out of 5

Sospesi i programmi di Del Debbio e Giordano su Rete 4: Berlusconi ferma i talk sovranisti

mercoledì, Dicembre 1st, 2021

Francesco Olivo

Quirinale o no, c’è una cosa che Berlusconi di questi tempi ripete a tutti i suoi interlocutori: i no vax sono un pericolo per la salute e per la ripresa. Il Cavaliere quindi vede di cattivo occhio che ai nemici dei vaccini venga dato un microfono, che diventa facilmente un megafono. Se poi tutto questo avviene nelle sue televisioni allora non ci siamo. Gli ambienti vicini al presidente di Forza Italia spiegano così la decisione di Mediaset di sospendere i programmi di Mario Giordano e Paolo Del Debbio ben oltre la normale pausa natalizia. Fuori dal Coro e Diritto e Rovescio sarebbero dovuti tornare in onda su Rete 4 l’11 e il 13 gennaio, a ridosso della scadenza del decreto sul super green Pass e a pochi giorni dall’inizio della partita più importante della legislatura: il voto per il presidente della Repubblica. E invece l’appuntamento è rimandato almeno di due settimane, secondo quanto anticipato da Tvblog. Del Debbio e Giordano non potranno raccontare questi momenti decisivi e a molti non è sembrato un caso. Berlusconi vuole salire al Colle, sa che è difficile, crede che però non sia impossibile. La strategia per allargare la base di consensi è iniziata da tempo e ha come premessa quella di dare una nuova immagine di sé, quella istituzionale, europeista, che non polarizzi come un tempo l’opinione pubblica. Un tono da statista molto diverso da quello che emerge da alcuni programmi di Rete 4, il cui spazio dato alle tesi dei No Vax pare non piaccia nemmeno a Piersilvio Berlusconi, ad del gruppo, un parere, da quelle parti, persino più influente di quello del padre. Da Arcore si nega che il presidente abbia chiesto la chiusura provvisoria dei due programmi, ma in molti ricordano che già dopo le Europee emerse una considerazione: gli show “populisti” fanno il gioco di Matteo Salvini (e oggi di Giorgia Meloni), penalizzando Forza Italia che è pur sempre il partito del capo.

Rating 3.00 out of 5

Alec Baldwin spara sul set di un film: uccisa la direttrice di fotografia, ferito il regista

venerdì, Ottobre 22nd, 2021

di Paolo Foschi

La tragedia durante le riprese del film western Rust. Ferita un’altra persona,

desc img
desc img

Halyna Hutchins

Tragedia sul set del film western Rust, in lavorazione in New Mexico, negli Stati Uniti. Secondo la prima frammentaria e confusa ricostruzione, l’attore protagonista Alec Baldwin, che è anche coproduttore, al termine di alcune riprese ha maneggiato una pistola di scena per scaricarla e sono partiti diversi colpi: Halyna Hutchins, 42 anni, direttrice della fotografia, è stata ferita ed è morta durante il trasporto in ospedale. Almeno un proiettile ha raggiunto il regista Joel Souza, 48 anni, ricoverato in gravi condizioni a Santa Fe. Al momento non è stata formalizzata nessuna accusa per l’accaduto, che è oggetto di indagine. «E’ stato un incidente, è stato un incidente» ha ripetuto fra le lacrime e sotto choc l’attore di 68 anni.

Hutchins e Souza «sono stati colpiti quando Baldwin ha scaricato una pistola usata nelle riprese del film», ha detto lo sceriffo di Santa Fe spiegando che la direttrice della fotografia è in seguito deceduta per la gravità delle ferite riportate.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.