Archive for the ‘Cronaca’ Category

Ponte Morandi, ok dal Mef ai primi 60 milioni per la ricostruzione | Premier Conte: “Fare presto, Genova nel cuore”

venerdì, Febbraio 8th, 2019
Ponte Morandi, ok dal Mef ai primi 60 milioni per la ricostruzione | Premier Conte: "Fare presto, Genova nel cuore"

Il ministro dell’Economia e delle Finanze, Giovanni Tria, ha firmato il decreto del Mef che, di concerto con il ministero dei Trasporti, autorizza l’immediata attivazione dell’anticipo di spesa che permette l’utilizzo immediato da parte del Commissario straordinario dei primi 60 milioni di euro per la ricostruzione del viadotto Polcevera.

Il decreto legge Genova, spiega il ministero dell’Economia, “autorizza la spesa di 30 milioni di euro all’anno dal 2018 al 2029 a garanzia dell’immediata attivazione del finanziamento come anticipo del versamento, cui è obbligato il concessionario, delle somme necessarie all’integrale realizzazione degli interventi a cura del Commissario straordinario per la ricostruzione dell’infrastruttura viaria, in seguito al crollo del viadotto Polcevera dell’autostrada A10 nel Comune di Genova”.

Rating 3.00 out of 5

Annamaria Franzoni è libera, scontata la pena dopo il caso Cogne

giovedì, Febbraio 7th, 2019

Annamaria Franzoni è una donna libera. Condannata nel 2008 a 16 anni per l’omicidio del figlio Samuele di tre anni, a Cogne il 30 gennaio 2002, nelle scorse settimane, scrive l’Agenzia Ansa, è stata informata dal Tribunale di sorveglianza di Bologna che la sua pena è espiata, con mesi di anticipo rispetto alle previsioni, potendo usufruire di molti giorni di liberazione anticipata per la buona condotta. Da giugno 2014 era in detenzione domiciliare a Ripoli Santa Cristina, sull’Appennino bolognese.

Franzoni, che si è sempre proclamata innocente, era stata condannata in via definitiva la sera del 21 maggio 2008, quando la Corte di Cassazione confermò la sentenza della Corte di appello di Torino e già quella notte si aprirono per lei le porte del carcere di Bologna. Qui è rimasta fino al 2014, poi per quasi cinque anni è stata ai domiciliari a Ripoli, ma aveva già ottenuto il beneficio del lavoro esterno in una coop sociale e alcuni permessi per stare a casa con i due figli, di cui il minore nato un anno dopo il delitto.

Rating 3.00 out of 5

Sentenze pilotate, arresti e perquisizioni al Consiglio di Stato

giovedì, Febbraio 7th, 2019

di ALESSANDRA ZINITI

ROMA – Quattro ordinanze di custodia cautelare sono state emesse dal gip di Roma Daniela Caramico D’Auria,  per i reati di corruzione in atti giudiziari commessi in seno al Consiglio di Stato e al Consiglio di Giustizia amministrativa della Regione Sicilia. Ai domiciliari il giudice del Consiglio di Stato Nicola Russo, già arrestato a marzo dello scorso anno con l’immobiliarista Stefano Ricucci, l’ex presidente del Cga siciliano Raffaele de Lipsis, il deputato siciliano di Popolari e Autonomisti Giuseppe Gennuso di Siracusa.

L’indagine è quella relativa a presunte sentenze pilotate (almeno cinque) presso palazzo Spada. Uno degli ordini di custodia cautelare riguarda l’ex presidente del Consiglio di Giustizia Amministrativa siciliano Raffaele Maria De Lipsis, accusato di corruzione. Avrebbe intascato una tangente per pilotare una delle tante sentenze che avevano come controparte clienti dell’avvocato Piero Amara, il grande regista del giro di verdetti aggiustati nell’ambito della giustizia amministrativa.

Rating 3.00 out of 5

Nella Terra dei veleni: tra roghi tossici e l’ombra della criminalità organizzata

giovedì, Febbraio 7th, 2019

Ignazio Riccio

La giornata è piovosa e addentrarci nelle campagne tra Napoli e Caserta non è un’impresa semplice. L’appuntamento con la Guardia ambientale del Wwf e con l’Associazione italiana sicurezza ambientale (Aisa) è stato fissato da tempo e, nonostante la fanghiglia e l’acqua scosciante che cade dal cielo, decidiamo di partire per il giro di ispezione alla ricerca dei cumuli di rifiuti sversati illecitamente.

Quel materiale ogni giorno viene bruciato, dando vita ai roghi tossici, con conseguenze molto gravi per l’ambiente e per la salute dei residenti.

Il nostro viaggio comincia nel cuore di quella che viene definita Terra dei fuochi, un quadrilatero della morte dove la situazione resta ancora grave, nonostante da un po’ di tempo se ne parla meno. L’area a nord di Napoli resta una polveriera e la zona dei Cappuccini ad Aversa, a pochi passi dalla città, è un ricettacolo di rifiuti di ogni genere.

Rating 3.00 out of 5

Manuel Bortuzzo, i due sospettati confessano: “Sparato per errore, era buio” | Fermati per tentato omicidio

giovedì, Febbraio 7th, 2019

Hanno confessato Lorenzo Marinelli e Daniel Bazzano, i due ragazzi ascoltati in questura a Roma nell’ambito delle indagini sul ferimento del nuotatore Manuel Bortuzzo. Si tratta di due giovani di Acilia, di 24 e 25 anni, che hanno ammesso di aver sparato “per errore” e che “era buio” al momento del ferimento. “Manuel deve avere giustizia, siamo distrutti”, hanno affermato. I due sono stati fermati per tentato omicidio.

Manuel Bortuzzo, i due sospettati confessano: "Sparato per errore, era buio" | Fermati per tentato omicidio

La svolta nelle indagini è avvenuta dopo il ritrovamento della pistola usata per colpire il ragazzo, sabato notte a piazza Eschilo. In serata due ventenni si sono poi costituiti.

Rating 3.00 out of 5

Repubblica, il cda nomina Verdelli direttore

mercoledì, Febbraio 6th, 2019

i é riunito in data odierna il Consiglio di Amministrazione di GEDI Gruppo Editoriale che ha nominato Carlo Verdelli direttore della testata la Repubblica, in sostituzione di Mario Calabresi, che ha diretto il giornale nel corso degli ultimi tre anni.

Il Consiglio di Amministrazione ha espresso il proprio ringraziamento al direttore Calabresi per l’impegno profuso nel corso del suo mandato, in un contesto di mercato senz’altro difficile e sfidante.

Carlo Verdelli assume la direzione forte di una solida esperienza in ruoli di vertice in testate e realtà editoriali di rilievo, in cui si è distinto per capacità di direzione e talento innovativo. Il Consiglio di Amministrazione ha formulato a Carlo Verdelli i migliori auguri di buon lavoro e di successo.

Il comunicato del cdr

REP.IT

Rating 3.00 out of 5

Finisce la direzione di Mario Calabresi a Repubblica

mercoledì, Febbraio 6th, 2019

Finisce la direzione di Mario Calabresi a Repubblica, lo annuncia lui stesso su Twitter. Al suo posto Carlo Verdelli. Qui il comunicato del Cdr.

mario calabresi‏Account verificato @mariocalabresi

Dopo tre anni finisce la mia direzione di Repubblica. Lo hanno deciso gli editori. Ho l’orgoglio di lasciare un giornale che ha ritrovato un’identità e ha un’idea chiara del mondo. I lettori lo hanno capito, la discesa delle copie si è dimezzata: era al 14 ora è sotto il 7. (1/1) 00:19 – 5 feb 2019

Rating 3.00 out of 5

Roma, il sindaco Raggi annuncia: “Il nuovo stadio si fa”

martedì, Febbraio 5th, 2019

Il nuovo stadio della Roma ha avuto il via libera definitivo: lo ha annunciato Virginia Raggi durante la presentazione della relazione tecnica del Politecnico di Torino sull’impianto che dovrebbe essere costruito a Tor di Valle. “Lo stadio della Roma si fa e i proponenti se vogliono potranno aprire i cantieri già entro l’anno. Le modifiche richieste impatteranno in modo positivi sulla città” le parole del sindaco della Capitale.

Foto 1

Solo tre settimane fa, la Raggi aveva indicato ottimismo su Twitter, oggi l’annuncio ufficiale: “Non ero obbligata a richiedere questo parere del Politecnico, visto che la stessa procura aveva già detto che non c’erano problemi sul progetto ma siamo rassicurati dal fatto che la modifica richiesta rispetto al progetto iniziale vada ad impattare in modo positivo su Roma. Questa opera rispetta tutti gli standard a livello ambientale”.

Rating 3.00 out of 5

Viadotti: 1.425 sono senza un proprietario e nessuno fa la manutenzione. Ecco la mappa

martedì, Febbraio 5th, 2019

di Milena Gabanelli e Andrea Pasqualetto

Il 19 Dicembre sul tavolo del Ministro dei Trasporti arriva una lettera allarmata: «1.425 cavalcavia non hanno una proprietà». Mittente: l’amministratore delegato di Anas. L’informazione resta riservata. È troppo calda la tragedia del Ponte Morandi con le sue 43 vittime, mentre dall’inchiesta di Genova saltano fuori altri 6 viadotti dove i controlli di legge venivano «truccati». Gli effetti del tempo, del traffico pesante e dell’incuria dei concessionari stanno presentando il conto: il 28 ottobre del 2016 il cavalcavia di Annone sulla Statale 36 Milano-Lecco collassava sotto il peso di un tir finendo su due auto in transito; il 9 marzo del 2017, cedeva il ponte autostradale di Osimo, dalle parti di Ancona; il 18 aprile 2018 era la volta di quello di Fossano (Cuneo) che si schiantò su un auto dei carabinieri. Qualche settimana fa il sequestro da parte della procura di Arezzo del viadotto Puleto sull’E45 «perché a rischio». Il motivo è sempre lo stesso: chi gestisce le infrastrutture non fa la manutenzione.

Di chi sono i viadotti sulle strade di Anas?
Rating 3.00 out of 5

Courmayeur, trovati morti 3 dei 4 sciatori dispersi

lunedì, Febbraio 4th, 2019

Courmayeur, 4 febbraio 2019 – Domenica nera in montagna: sei vittime, cui molto probabilmente se ne aggiungerà una aettima. Oltre ai morti accertati ieri, il bilancio è drasticamente salito stamattina, quando i soccorritori hanno individuato i corpi  di tre dei quattro sciatori dati per dispersi ieri. I cadaveri erano sepolti sotto una valanga in Val Veny, nella zona del canale degli Spagnoli. Proseguono le ricerche del quarto disperso. Vari incidenti, dunque:  Caurmayeur, in Valfurva, a Livigno, nel comune valdostano di Saint Pierre e sulle Dolomiti di Sesto in Alto Adige.

RICERCHE SUL MONTE BIANCO – I corpi senza vita dei tre “freerider” ( sciatori fuoripista sulla neve fresca) sono stati individuati dal Soccorso Alpino Valdostano, che ha eseguito questa mattina una serie di sorvoli sul Canale degli Spagnoli (Courmayeur), per la ricerca dei quattro, che non avevano fatto rientro ieri pomeriggio. Si cerca un quarto sciatore, che dovrebbe trovarsi nella stessa zona. Nel frattempo si procede alle operazioni di recupero, rese difficili dalla natura impervia del canalone e dal rischio di ulteriori distacchi. Sul posto guide tecnici del Soccorso Alpino Valdostano e Sagf, e unità cinofile.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.