Archive for the ‘Puglia’ Category

Tragedia in Puglia, almeno 27 morti e 50 feriti. Si continua a cercare tra i rottami dei treni

mercoledì, luglio 13th, 2016

Sono andati avanti per tutta la notte i lavori attorno ai resti dei due treni che si sono scontrati nelle campagne tra Andria e Corato, in Puglia, in un tratto in cui la ferrovia è a binario unico. Una cinquantina di vigili del fuoco, assieme agli altri soccorritori, hanno continuato a tagliare e spostare le lamiere contorte dei due convogli alla ricerca di eventuali dispersi: un lavoro, ha spiegato il comandante dei vigili del fuoco di Bari Curzio, ancora lungo. «Stiamo demolendo progressivamente i pezzi delle carrozze più incidentate, poi procederemo alla rimozione dei resti. Opereremo in questa maniera, anche con l’aiuto delle unità cinofile, fino a quando non potremo escludere la presenza di altre persone». Fino alle 7 di questa mattina, però, non sono stati recuperati né individuati altri corpi.

 

Il bilancio è di 27 morti e 50 feriti

Al momento, confermano fonti del Dipartimento della Protezione Civile, il bilancio ufficiale resta dunque quello della tarda serata di ieri: 27 morti accertati e 15 feriti ancora ricoverati negli ospedali pugliesi, di cui una decina in gravi condizioni. Attorno alle 9 inizierà al Policlinico di Bari il lavoro per il riconoscimento delle salme: un’operazione molto complessa viste le condizioni di molti dei corpi recuperati.  (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Scontro tra treni in Puglia Bari in coda per donare il sangue

martedì, luglio 12th, 2016

Francesco Strippoli

La Puglia è sotto choc, ma anche decisa a partecipare all’emergenza. Così a Bari, dopo l’appello per la donazione del sangue, decine e decine di persone sono in fila al Policlinico per effettuare il prelievo. Un modo spontaneo, poi rimbalzato sui social, di essere utili ai feriti della sciagura ferroviaria tra Andria e Corato. Moltissimi i giovani e giovanissimi, messisi in movimento dai vari quartieri della città. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Puglia, scontro tra due treni: “Ci sono vittime e feriti”

martedì, luglio 12th, 2016
Rating 3.00 out of 5

«Bed & breakfast» di un magistrato trasformato in casa d’appuntamento

venerdì, luglio 1st, 2016

di Antonio Della Rocca

LECCE – Un magistrato ordinario di origini leccesi, ma in servizio a Roma presso la Corte di Cassazione, e la sua compagna sono indagati dalla Procura della Repubblica di Lecce per favoreggiamento della prostituzione. L’uomo, secondo gli investigatori della Squadra mobile del capoluogo salentino, coordinati dal sostituto procuratore Maria Vallefuoco, avrebbe affittato un’abitazione di sua proprietà situata nella zona di piazza Mazzini, nel pieno centro di Lecce, a giovani donne rumene che lì si prostituivano. Lo stesso proprietario avrebbe preteso un canone di locazione ben superiore a quello di mercato, del quale richiedeva l’immediato pagamento in contanti, senza rilascio di alcuna ricevuta e senza inoltrare le comunicazioni previste all’autorità di pubblica sicurezza.

Rating 3.00 out of 5

Comune rosso in festa invita i profughi solo a pulire lo sterco

domenica, maggio 29th, 2016
Rating 3.00 out of 5

Tre candidati sindaco, tutti e tre in Ferrari

martedì, maggio 24th, 2016

Il lusso fa rumore nella Capitale, meno nella città brindisina, divenuta con le sue rinomate marine – Savelletri in particolare – la location di matrimoni di star di Hollywood e Bollywood, con party trimalchionici nei quali sfilano sposi (indiani) anche su esotici elefanti. Il «generone» locale commenta così: «Che saranno mai quattro Ferrari (dei candidati sindaci) in pista alle amministrative, in una terra piena di resort super esclusivi?».

La competizione di Fasano, in ogni caso, resta tra le più «veloci» d’Italia: il sindaco uscente, Lello Di Bari, primario del pronto soccorso e leader locale di Forza Italia, è anche un corridore provetto nella gara automobilistica Fasano-Selva, appuntamento giunto alla sessantesima edizione, con un ambito Gp che si disputa sui tornanti che portano dalla periferia alla zona delle ville vip. Di Bari, candidato sindaco di FI, Conservatori fittiani e Fratelli d’Italia, possedeva una Ferrari 360 Modena, ma adesso gira spesso con una F430 rosso Ferrari. Le commissioni e le uscite nel borgo però avvengono in Panda (come Marchini). La 360 Modena di Di Bari che fine ha fatto? L’ha acquistata il suo competitor, il candidato porta-bandiera dell’Udc e di un cartello di liste centriste, Antonio Clarizio. Commerciante di auto e da poco anche presidente dell’esclusivo Consorzio di Rosa Marina, dove una volta trascorrevano le estati Pinuccio Tatarella e Mimmo Mennitti, disegnando i confini di quello che sarebbe stato per vent’anni il centrodestra di governo. Clarizio però ha una marcia, anzi una Ferrari in più: possiede anche una F430 Spider. Quotidianamente, però, tiene a precisare che usa una Cinquecento. Infine il terzo candidato, Giacomo Rosato, spalleggiato da ben quattro liste civiche, imprenditore nel settore del «Compro-oro»: gira al volante di una Modena color nero. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Doping, muore culturista trentenne l’ipotesi dell’anabolizzante avariato

mercoledì, aprile 27th, 2016

di Alessandro Fulloni

Gianni Racano in una foto dal suo profilo Facebook

Un morto. E un altro uomo ricoverato in ospedale, inizialmente grave ma ora fortunatamente fuori pericolo. Entrambi culturisti. Giorni fa avrebbero utilizzato lo stesso farmaco dopante: un anabolizzante probabilmente avariato. Che potrebbe aver provocato il decesso di Gianni Racano, 30 anni, body builder di Foggia. Un altro culturista cinquantenne che lo ha utilizzato è rimasto in coma per una settimana. Ora le sue condizioni sono migliorate. Gli investigatori della procura della città pugliese, che indagano in collaborazione con la squadra mobile e la guardia di finanza foggiane, non escludono un giro illegale di sostanze dopanti. Racano si è sentito male dopo essersi iniettato in una gamba, in vista di una gara prevista a giugno, l’anabolizzante. È morto il 17 aprile scorso dopo una settimana di coma farmacologico indotto. Dopo che tra l’altro è sopraggiunta la pesante complicazione della setticemia. Sono stati i suoi genitori a presentare una denuncia e a fare aprire l’indagine. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Ciccillo si svela al mondo moderno Robusto, brutto, barbuto e capellone

mercoledì, aprile 27th, 2016

di Francesca Mandese

Capelli e barba lunghi, naso schiacciato come quello di un pugile, fronte pronunciata. Ciccillo ha un volto, e non è certo un bel volto, almeno per quelli che sono i canoni a cui siamo abituati. Ma lui di certo non se ne cura. È morto da almeno 150 mila anni e «solo» da 23 gli uomini contemporanei si sono accorti della sua esistenza e hanno cominciato a occuparsi di lui.

La scoperta a Lamalunga nel 1993

La sua sepoltura è stata scoperta in contrada Lamalunga, in territorio di Altamura, il 3 ottobre del 1993 ed è stato in quel momento che ci si è resi conto di trovarsi di fronte allo scheletro di un uomo di Neanderthal vissuto in epoca preistorica. Uno scheletro perfettamente conservato, e in gran parte fossilizzato, che è subito diventata una scoperta di portata mondiale. Dal piccolissimo frammento di una scapola i fratelli paleo-artisti olandesi Adrie e Alfons Kennis hanno ricostruito, non soltanto il volto, ma l’intera figura a grandezza naturale di Ciccillo, così ribattezzato dagli altamurani perché scoperto nel giorno della vigilia di san Francesco d’Assisi. Hanno ipotizzato che fosse altro un metro e 60 centimetri, una statura importante per gli uomini di quell’epoca.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Bari, imprenditori confessano: “Per gli appalti al Petruzzelli in tre anni 200mila euro di tangenti”

domenica, aprile 24th, 2016

Avrebbero pagato tangenti per più di 200mila euro complessivi all’ex direttore amministrativo del teatro Petruzzelli di Bari in cambio di appalti. È quanto hanno dichiarato gli imprenditori baresi Giacomo Delle Noci e Vito Armenise, agli arresti domiciliari dal 12 gennaio scorso per corruzione, durante gli interrogatori dinanzi al pm che coordina l’inchiesta, Fabio Buquicchio.

I due imprenditori, sentiti nell’ufficio del pubblico ministero alla presenza di agenti della Digos di Bari e del consulente tecnico nominato dalla Procura Marco Amenduni, hanno ammesso di aver pagato mazzette a Vito Longo (rimesso in libertà nei giorni scorsi nell’ambito della stessa inchiesta) per oltre 100mila euro ciascuno, nei tre anni di appalto con la Fondazione. Agli atti anche un video nel quale si vede Longo intascare il denaro dagli imprenditori in cambio di appalti. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Sparatoria a Taranto: un morto e due feriti

sabato, febbraio 27th, 2016
Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.