Archive for the ‘Puglia’ Category

Ciccillo si svela al mondo moderno Robusto, brutto, barbuto e capellone

mercoledì, aprile 27th, 2016

di Francesca Mandese

Capelli e barba lunghi, naso schiacciato come quello di un pugile, fronte pronunciata. Ciccillo ha un volto, e non è certo un bel volto, almeno per quelli che sono i canoni a cui siamo abituati. Ma lui di certo non se ne cura. È morto da almeno 150 mila anni e «solo» da 23 gli uomini contemporanei si sono accorti della sua esistenza e hanno cominciato a occuparsi di lui.

La scoperta a Lamalunga nel 1993

La sua sepoltura è stata scoperta in contrada Lamalunga, in territorio di Altamura, il 3 ottobre del 1993 ed è stato in quel momento che ci si è resi conto di trovarsi di fronte allo scheletro di un uomo di Neanderthal vissuto in epoca preistorica. Uno scheletro perfettamente conservato, e in gran parte fossilizzato, che è subito diventata una scoperta di portata mondiale. Dal piccolissimo frammento di una scapola i fratelli paleo-artisti olandesi Adrie e Alfons Kennis hanno ricostruito, non soltanto il volto, ma l’intera figura a grandezza naturale di Ciccillo, così ribattezzato dagli altamurani perché scoperto nel giorno della vigilia di san Francesco d’Assisi. Hanno ipotizzato che fosse altro un metro e 60 centimetri, una statura importante per gli uomini di quell’epoca.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Bari, imprenditori confessano: “Per gli appalti al Petruzzelli in tre anni 200mila euro di tangenti”

domenica, aprile 24th, 2016

Avrebbero pagato tangenti per più di 200mila euro complessivi all’ex direttore amministrativo del teatro Petruzzelli di Bari in cambio di appalti. È quanto hanno dichiarato gli imprenditori baresi Giacomo Delle Noci e Vito Armenise, agli arresti domiciliari dal 12 gennaio scorso per corruzione, durante gli interrogatori dinanzi al pm che coordina l’inchiesta, Fabio Buquicchio.

I due imprenditori, sentiti nell’ufficio del pubblico ministero alla presenza di agenti della Digos di Bari e del consulente tecnico nominato dalla Procura Marco Amenduni, hanno ammesso di aver pagato mazzette a Vito Longo (rimesso in libertà nei giorni scorsi nell’ambito della stessa inchiesta) per oltre 100mila euro ciascuno, nei tre anni di appalto con la Fondazione. Agli atti anche un video nel quale si vede Longo intascare il denaro dagli imprenditori in cambio di appalti. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Sparatoria a Taranto: un morto e due feriti

sabato, febbraio 27th, 2016
Rating 3.00 out of 5

Rifiuti, arrestato per corruzione il sindaco Brindisi Cosimo Consales

sabato, febbraio 6th, 2016

di Alessandro Fulloni

Domenico Consales, «Mimmo» (foto dal profilo ufficiale twitter)

In manette il sindaco di Brindisi Cosimo Consales per un’indagine su mazzette e rifiuti. Assieme a lui sono state arrestati l imprenditore Luca Creti e commercialista Massimo Vergara. I primi due sono ai domiciliari mentre il terzo è in carcere. Per tutto le accuse, in concorso, sono di abuso d’ufficio, corruzione, concussione e truffa. Consales, 57 anni, era stato eletto a maggio del 2012 con il centrosinistra ma a novembre del 2013 si è autosospeso dal Pd dopo essere stato coinvolto in un’altra inchiesta sull’affidamento del servizio di comunicazione istituzionale e della rassegna stampa che lo vede a processo per truffa.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Omicidi, estorsioni e bombe: in Puglia la mafia “più cattiva”

domenica, gennaio 31st, 2016
andrea malaguti
inviato a Foggia

La Società foggiana è capace di farti del male da vivo e da morto. Prima soffocandoti l’esistenza, poi uccidendoti e sfigurando il tuo cadavere con il colpo di grazia consegnato a un fucile a pallettoni. Non è sufficiente farti fuori è importante umiliarti.

La Società foggiana non ha il giro d’affari di Cosa nostra, della ’ndrangheta e della camorra, ma tra tutte e quattro oggi è la mafia più cattiva. E per quanto si tratti di uno spaccato finito fuori dai radar della comunicazione tradizionale, sono le statistiche della polizia di Stato a imporre la fotografia di un mondo vicino al collasso, che precipita Foggia in testa alle classifiche delle emergenze criminali.

Il punto è che nel foggiano si spara. E lo si fa ogni giorno.

Da settembre a oggi, con picchi in novembre e dicembre, ci sono stati quattro omicidi e otto tentati omicidi. E dieci bombe sono esplose davanti ai negozi. Punizioni per chi non paga il pizzo. O anche avvertimenti per esercizi commerciali vicini: se non ti pieghi salti per aria anche tu.

«Quello che succede qui è inimmaginabile, eppure nessuno ne parla, come se nei duecento chilometri di strade tra Foggia e il Gargano esistessero solo Padre Pio, gli ulivi, la mozzarella buona e il mare azzurro», dice il questore Piernicola Silvis. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Puglia, il consiglio regionale chiude per le ferie record di Natale: “Venti giorni di festa”

giovedì, dicembre 17th, 2015

di LELLO PARISE

Vacanze mordi e fuggi? Week end lunghi? Pochi giorni, maledetti e subito? Macché. I cinquanta consiglieri regionali decidono di meritarsi, e quindi di assegnarsi, diciannove giorni di meritato riposo. La villeggiatura natalizia comincerà, escluse complicazioni dell’ultim’ora, mercoledì 23 a andrà avanti fino a domenica 10 gennaio 2016. Sono salvi così facendo, il rito dei doni da ritirare sotto l’albero addobbato di luminarie e palle colorate, il fastoso cenone per salutare l’arrivo dell’anno nuovo.

E visto che ci sono, non potrà essere evitata nemmeno la settimana bianca a cavallo della Befana. Perché negli anni della crisi economica non bisogna farsi mancare niente. Peraltro i rappresentanti del popolo, è da sette mesi che sgobbano. Da quando, alla fine di maggio, si era materializzata l’assemblea di questa decima legislatura che aveva esordito a luglio e che da allora mette in scena dieci sedute, compresa quella di oggi.

Ancora un’altra, prima dell’antivigilia, e poi sarà possibile preparare la valigia e ritirarsi in chissà quale eremo a riflettere sulla fatica della politica. Non si può fare diversamente perché c’è la necessità di approvare l’esercizio provvisorio, giacché «questioni tecniche» impediscono di sdoganare il bilancio vero e proprio. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Si ribalta autocisterna sulla statale Cinque morti e feriti gravi a Fasano

sabato, dicembre 12th, 2015

BRINDISI — È gravissimo il bilancio di un incidente stradale avvenuto intorno alle 15.30 di questo pomeriggio lungo la statale 379 che collega Bari a Brindisi. I soccorritori parlano di un bilancio sempre più spaventoso. È infatti salito a cinque il numero delle vittime, alcune delle quali appartengono ad uno stesso nucleo familiare (una bimba di soli 5 anni che viaggiava assieme ai nonni, morti entrambi sul colpo, è deceduta in ospedale) e diversi feriti anche gravi.

(altro…)

Rating 3.00 out of 5

Scoperta in Puglia maxifrode olio ‘100% italiano’: 6 indagati. Utilizzata tecnica del Dna. Controlli tra Brindisi e Bari

giovedì, dicembre 3rd, 2015

Con una tecnica innovativa del riconoscimento del Dna delle ‘cultivar di olivo’ presenti nell’olio (analisi molecolare), il Corpo forestale dello Stato, su delega della Dda di Bari, ha scoperto tra Brindisi e Bari una maxifrode su 7.000 tonnellate di olio spacciato come ‘100% italiano’, ma in realtà ottenuto mediante la miscelazione di oli presumibilmente extravergini provenienti anche da Paesi extra Ue (Siria, Turchia, Marocco e Tunisia).

L’olio veniva venduto sul mercato italiano e internazionale (statunitense e giapponese) con la dicitura 100% italiano, configurando così una frode in danno al Made in Italy. Sei le persone indagate per frode in commercio e contraffazione di indicazioni geografiche o denominazioni di origine dei prodotti agroalimentari. I controlli hanno interessato aziende di Fasano, Grumo Appula e Monopoli e un laboratorio di certificazione. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Porto di Bari snodo per jihadisti, Salah passato due volte da qui. Polizia: “Lavoriamo in condizioni disastrose”

sabato, novembre 21st, 2015

di

Dalle banchine del porto di Bari è passato due volte, l’1 e il 5 agosto scorsi, Salah Abdeslam, l’uomo più ricercato d’Europa dopo gli attentati di Parigi. Una terra di confine calpestata nel novembre di sette anni fa anche da Raphael Marcel Frederic Gendron e Bassam Ayachi: arrestati dalla polizia e poi liberati dopo due sentenze della Corte d’appello, il primo è morto da combattente in Siria nel 2013 e il secondo imbraccia ancora il fucile tra le fila l’Isis dopo essere stato l’ideologo della moschea di Molenbeek, il quartier generale dei terroristi. Il capoluogo pugliese, dunque, come snodo per l’ingresso e l’uscita di jihadisti e aspiranti foreign fighters. Un fatto noto da anni, supportato da diverse segnalazioni dell’intelligence, alle quali non è però seguito un adeguato incremento del personale a disposizione. Almeno secondo il sindacato di polizia Coisp: “Lavoriamo in condizioni disastrose, figlie di anni di tagli drastici – spiega il segretario regionale Cosimo Lavecchia a ilfattoquotidiano.it – Siamo sotto i livelli standard d’organico e mezzi, sia alla polizia di frontiera che nella Digos”. (altro…)

Rating 3.00 out of 5

Incidente all’Ilva, muore un operaio. Indetto uno sciopero immediato

martedì, novembre 17th, 2015

di

Nuovo incidente mortale all’Ilva di Taranto. La vittima è un operaio di 48 anni, Cosimo Martucci, di Massafra, comune a pochi chilometri dal capoluogo. L’uomo, dipendente dell’impresa appaltatrice «Pitrelli», era alla guida di un autoarticolato e stamattina era
giunto nell’Ilva trasportando delle tubazioni.

Secondo una prima ricostruzione, Martucci avrebbe posizionato il mezzo nelle immediate vicinanze di una gru, poi sarebbe sceso dalla cabina di guida sostando davanti al pianale. A questo punto una condotta è venuta giù investendolo e schiacciandolo. Pare che altre persone presenti sul piazzale abbiano visto che la condotta stava rotolando, urlando anche verso Martucci, ma non c’è stato niente da fare. (altro…)

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.