Archive for the ‘Politica’ Category

Governo Conte ter con i «responsabili»: la nuova linea del Pd

giovedì, Gennaio 14th, 2021

di Maria Teresa Meli

Governo Conte ter con i «responsabili»: la nuova linea del Pd

Sarà Conte ter. Ma con i responsabili. Ormai anche il Partito democratico non chiede più che Giuseppe Conte vada al Colle a dimettersi e accetta la sfida contro Matteo Renzi. Obiettivo? Svuotare i gruppi parlamentari di Italia viva e ottenere che diversi senatori e deputati di Renzi, contrari alla crisi al buio, sostengano il terzo tentativo di Giuseppe Conte.

«Ancora il giurista pugliese, ma con un’ennesima maggioranza», dicono al Pd. Per la verità Nicola Zingaretti aveva sul suo tavolo due opzioni. La prima era quella del voto. Alle elezioni il Partito democratico, stando a tutti i sondaggi, prenderà tra il 22 e il 25 per cento. Il che significa che, nonostante l’esito del referendum che ha dimezzato il numero dei parlamentari, la pattuglia dem alla Camera e al Senato non sarà più esigua dell’attuale. E comunque sarà più numerosa di quella degli alleati del Movimento 5 stelle.

Ma siccome le elezioni anticipate mettono in allarme chiunque abbia uno scranno a Montecitorio o a palazzo Madama i parlamentari del Pd, nella stragrande maggioranza, hanno bocciato questa ipotesi. E Graziano Delrio e Andrea Marcucci hanno spiegato al segretario che quella strada per i loro gruppi era impraticabile.

Però Zingaretti, appunto, ha un’alternativa: al contrario di tanti protagonisti di questa crisi, da Conte a Matteo Renzi, il leader del Partito democratico ha un piano B. Ed è quello di andare avanti comunque con l’attuale premier, sostituendo Italia viva con un gruppo di responsabili. Renzi ritiene che alla fine questa operazione non andrà in porto perché è ad altissimo rischio, ma Zingaretti appare determinato. Per questa ragione lui e i dirigenti dem stanno drammatizzando il rischio che si precipiti verso il voto. Per convincere i parlamentari di Italia viva a lasciare Renzi al suo destino.

Rating 3.00 out of 5

Berlusconi ricoverato a Monaco per un problema cardiaco, Zangrillo: «L’ho raggiunto d’urgenza»

giovedì, Gennaio 14th, 2021

Silvio Berlusconi è stato ricoverato d’urgenza in ospedale nel Principato di Monaco, per accertamenti urgenti di ordine cardiologico. La notizia è stata confermata da Alberto Zangrillo, il medico personale del fondatore di Forza Italia.

Zangrillo ha spiegato di aver deciso il ricovero dell’ex presidente del Consiglio per «un problema cardiaco aritmologico». «Sono andato di persona visitare Silvio Berlusconi lunedì», ha detto alle agenzie di stampa, «e dopo averlo dopo averlo visitato, ho disposto il ricovero urgente al centro cardiologico del Principato di Monaco perché non ho ritenuto prudente affrontare il trasporto in Italia».

Berlusconi, 84 anni, si trovava nel Sud della Francia, a Chateaun-euf-de Grasse, Valbonne, a circa 35 km da Nizza, nella casa della figlia Marina. Secondo l’ufficio stampa di Forza Italia, Berlusconi dovrebbe rientrare a casa «entro pochi giorni». Il vicepresidente del partito, Antonio Tajani, ha spiegato che lo informerà «dell’esito della crisi»: «credo che in serata lui stesso sentirà Salvini e Meloni per fare il punto sulla crisi».

Nel settembre dello scorso anno, Berlusconi era risultato positivo al virus Sars-CoV-2, e aveva sviluppato i sintomi del Covid-19, tra cui una polmonite bilaterale. Anche i figli Luigi, Barbara e Marina erano in seguito risultati positivi al virus. Uscito dal ricovero, Berlusconi aveva parlato della malattia come di una battaglia durissima, aveva precisato di essere stato in angoscia per figli e nipoti, e aveva invitato i malati a «non lasciarsi andare».

Rating 3.00 out of 5

Conte al Quirinale. Franceschini apre a ricerca responsabili “alla luce del sole”

giovedì, Gennaio 14th, 2021

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte è salito al Quirinale per un colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Secondo quanto si apprende, si tratta dell’aggiornamento della situazione politica. 

Un secondo incontro, dopo quello in cui ieri il capo dello Stato ha esortato il premier e le forze della maggioranza a uscire al più presto dalla fase di incertezza. Dopo le dimissioni delle ministre di Italia Viva, Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio oggi hanno sbarrato la strada a Matteo Renzi. “Inaffidabile” secondo il segretario dem, “le nostre strade ora si dividono” dice il ministro degli Esteri.

Il pallottoliere al Senato e alla Camera gira vorticosamente alla ricerca di numeri che possano garantire la sopravvivenza del Governo senza i renziani, mentre tutte le forze politiche spingono per una parlamentarizzazione della crisi.

Rating 3.00 out of 5

Mastella: “I vietcong ci sono, state tranquilli”

giovedì, Gennaio 14th, 2021

“Potrebbe poi succedere che i responsabili si trasformerebbero in irresponsabili. A quel punto non ci sarebbe più la maggioranza. E allora bisogna evitare questa sceneggiata drammatica”. Come, con i responsabili? “I vietcong ci sono, state tranquilli”. A dirlo, in un’intervista al Corriere della Sera, è Clemente Mastella, che alla domanda su se si senta il ‘capo’ dei responsabili risponde: “Posso dare il mio contributo, posso fare il regista. Di certo non mi candiderò più. Il mio è un atto di amore nei confronti del Paese”.

“Renzi è uno stralunato”, afferma l’ex leader Udeur, che attacca in particolare “l’ipocrita ironia sui responsabili”. Mastella si riferisce alla battuta del leader di Italia Viva sul governo Conte-Mastella. “Con tutta la stima e il rispetto per Denis Verdini, io cosa dovrei rispondere? Che lui è il Renzi-Verdini? È incredibile quello che Renzi sta combinando. Di fatto ha aperto al Conte-ter e su questo vorrei porre una questione. I numeri a Palazzo Madama sono sempre stati risicati. Ma se tu non escludi il Conte-ter apri inevitabilmente una faglia nel M5S. Il gruppo pentastellato è friabile. Ne consegue che se cambi, ad esempio, Alfonso Bonafede e lo togli da via Arenula, ci saranno altri insoddisfatti. Così come ci sono stati nel passaggio dal Conte-1 al Conte-2. E potrebbe poi succedere che i responsabili si trasformerebbero in irresponsabili. A quel punto non ci sarebbe più la maggioranza. E allora bisogna evitare questa sceneggiata drammatica”.

Alla domanda se lui si senta il ‘capo’ dei responsabili, Mastella replica: “Posso dare il mio contributo, posso fare il regista. Di certo non mi candiderò più. Il mio è un atto di amore nei confronti del Paese. Io ho la mia poltrona di sindaco di Benevento. A Benevento il Pd locale è contro di me, i Cinque Stelle mi minacciano in tutti i modi, e io nonostante tutto ciò lavoro per il bene dell’Italia”.

Rating 3.00 out of 5

Il Pd ferma la caccia ai responsabili

giovedì, Gennaio 14th, 2021

I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo con Renzi non esiste più, quindi è reale il rischio di elezioni a giugno. E’ l’analisi che in queste ore stanno facendo fonti qualificate del Pd dove si registra grande preoccupazione.


Il Pd, spiegano le stesse fonti, non può andare dietro a rumors su sostegni alla maggioranza che al momento non si palesano. D’altro canto anche ricucire con Iv sembra una chimera perchè M5s ha chiarito che con Matteo Renzi non ci parla più.


Quindi senza volerlo, è l’analisi del Pd, la situazione sta rotolando verso elezioni anticipate a giugno.

L’HUFFPOST

Rating 3.00 out of 5

Crisi di governo Renzi-Conte: le ultime notizie di oggi

giovedì, Gennaio 14th, 2021

di Alessandro Sala e Redazione Online

Le dimissioni delle ministre Teresa Bellanova e Elena Bonetti e del sottosegretario Ivan Scalfarotto, decise assieme a Matteo Renzi al termine di una intensa giornata di trattative e caos, hanno di fatto aperto la crisi di governo. Da Palazzo Chigi trapela l’ira del premier Giuseppe Conte e la tentazione, sempre più forte, di andare alla conta in Parlamento. Il leader di Italia viva ha come obiettivo principale quello di dare vita a un governo istituzionale che arrivi fino alla fine della legislatura. Un esecutivo con tutti dentro ma senza la guida di Conte. Il nome che Renzi ha in mente e che mormora al termine della conferenza stampa è quello di Luciana Lamorgese, attuale ministra dell’Interno. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella chiede di fare in fretta. Davanti a Conte si aprono ora tre possibili strade.

Perché c’è la crisi di governo? | Mattarella e le 3 strade possibili

11.29 – Fico sospende i lavori della Camera: «Chiederò a Conte di venire»
Lavori sospesi alla Camera, dove l’assemblea era stata convocata per approvare il Dl Natale. Il presidente Roberto Fico ha aderito alla richiesta emersa dall’Aula di affrontare subito il tema della crisi provocata dalle dimissioni del ministri di Italia Viva. «A breve convocherò la conferenza dei capigruppo – ha annunciato – per stabilire un percorso ordinato e responsabile in un momento di così gravità per il Paese. Contatterò il presidente del Consiglio per la richiesta di comunicazioni in Aula».

11.24 – Il Pd: «I responsabili non ci sono, rischio voto a giugno»
I cosiddetti responsabili non ci sono, la maggioranza dopo lo strappo con Renzi non esiste più, quindi è reale il rischio di elezioni a giugno. È l’analisi che in queste ore stanno facendo fonti qualificate del Pd, citate dall’agenzia Ansa, dove si registra grande preoccupazione. Il Pd, spiegano le stesse fonti, non può andare dietro a rumors su sostegni alla maggioranza che al momento non si palesano. D’altro canto anche ricucire con Iv sembra una chimera perché M5s ha chiarito che con Matteo Renzi non ci parla più. Quindi senza volerlo, è l’analisi del Pd, la situazione sta rotolando verso elezioni anticipate a giugno.

Ore 11.11 – Salvini: «Conte o va al Colle nel pomeriggio o viene a riferire in Aula»

Crisi di governo Renzi-Conte: le ultime notizie di oggi

Il leader della Lega, Matteo Salvini, lancia il suo ultimatum: o il premier prende atto della mancanza della maggioranza e sale al Quirinale già nel pomeriggio oppure si presenta alle Camere e riferisce sulla situazione, paralmentarizzando la crisi. «Oppure trovano una nuova maggioranza, affidandosi ai Mastella — ha aggiunto il capo leghista intervenendo a L’aria che tira su La7 — oppure la parola torna agli italiani. Quasi tutta Europa va al voto in questo anno, noi invece restiamo ostaggio di Conte?». E ancora: «Tutto è nelle mani del presidente Mattarella, speriamo che ci aiuti a capire». Il centrodestra ha convocato un nuovo vertice alle 14 per fare il punto della situazione.

Ore 10.45 – Slitta l’Ufficio politico del PD
Slitta alle 13, in seguito alla convocazione delle Conferenze dei capigruppo di Camera e Senato, la riunione dell’Ufficio politico Pd inizialmente convocata alle 11.

Ore 10.34 – Della Vedova: «Puntare a maggioranza Ursula»
Una possibile maggioranza «Ursula» (dal nome della presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen), è stata evocata da Benedetto Della Vedova, segretario di +Europa, movimento in cui sono confluiti i radicali. «Per quel che ci riguarda — spiega — siamo totalmente indisponibili a qualsiasi ipotesi di Conte ter. È invece il momento di verificare la possibilità di un governo riformatore ed europeista, per la pandemia, l’economia e il Next Generation Eu, con una maggioranza che richiami quella su cui si basa la commissione europea, una maggioranza “Ursula”». Von der Leyen era stata infatti eletta con una maggioranza trasversale che, per quanto riguarda i parlamentari italiani, aveva visto insieme il Pd e i suoi alleati, +E, M5S e Forza Italia. Ma proprio ieri Forza Italia ha sottoscritto la nota unitaria del centrodestra che indicava il ritorno alle urne quale «via maestra» per la creazione di un nuovo governo.

Ore 10.32 – Toti: «Conte non avrà mai il nostro sostegno»
«Di sicuro un governo Conte non avrà mai il nostro sostegno né quello degli altri partiti di centrodestra». Lo ribadisce Giovanni Toti, leader di «Cambiamo!» e presidente della Liguria, a Tg2 Italia. «Non bisogna confondere toni seri, responsabili e pacati, perché il momento non consente benzina sul fuoco, con volontà politica. (…) Se si aprirà una crisi formale il centrodestra valuterà altre situazioni ma certamente non quella di un Conte 3 o un Pd 1 o un Cinque stelle 1 o un altro governo che si costituisse dentro quella maggioranza».

Rating 3.00 out of 5

Crisi di governo, i perché dello strappo di Renzi con Conte

giovedì, Gennaio 14th, 2021

Roma – Quando si affrontano nodi delicatissimi per la vita, non solo istituzionale, di un Paese come il nostro, il condizionale è d’obbligo, come si dice con frase abusata. Se poi parliamo di una crisi di governo (l’evento politico più frequente nella storia dell’Italia repubblicana) lo stesso “condizionale obbligatorio” diventa anche un modo per evitare di evocare scenari incongrui se non addirittura sbagliati. Vediamo quindi di districarci nel nodo di questa crisi politica fra le più gravi perché capita in mezzo a una pandemia dagli esiti tutt’altro che scontati. Con un’avvertenza: non è vero che, in questi casi, vince solamente il fattore politico o di “calcolo”. Spesso e volentieri il fattore umano conta moltissimo. E se è abitudine dire “niente di personale” tra gli attori politici, sappiate che non è vero. In realtà simpatia e antipatia reciproche contano moltissimo, come, del resto, in tutte le cose umane.
Il governo traballa dall’autunno scorso, complice la gestione, non sempre perfetta specie dal punto di vista della comunicazione ai cittadini, dell’emergenza sanitaria causata dal riesplodere della pandemia.

Conte: “Grave responsabilità di Iv, danno al Paese”

Dimissioni delle ministre di Italia Viva

Recovery Plan

A inizio dicembre il premier Giuseppe Conte, in un’intervista, afferma che il Recovery Plan (cioè il piano di spesa dei 209 miliardi concessi all’Italia dalla Ue) sarà gestito da una task force composta da manager di alto livello. L’8 dicembre, la prima bordata del leader di Italia Viva Matteo Renzi: “La struttura di Conte moltiplica le poltrone. Tutto il piano lanciato sul Recovery deve cambiare: è ridicolo che esista una struttura di consulenti (cioè i supermanager ndr) senza alcun controllo democratico». In realtà, lo scontro è anche sulla bozza e sui contenuti del piano: dalla sanità alle spese per nuove infrastrutture, in sostanza alla gestione dei fondi, non c’è accordo o, comunque, ci sono molti punti dove manca l’accordo.

Mes

Anche sul Meccanismo europeo di stabilità, detto fondo Salva-Stati, la maggioranza parla lingue diverse. Chi è decisamente contrario (come i Cinquestelle), chi a favore ad alcune condizioni (il Pd), chi favorevole come i renziani.

Servizi segreti

Altro momento di frizione. Conte vorrebbe rendere sempre più stretto il rapporto tra Palazzo Chigi e intelligence. Renzi è contrario.

Rating 3.00 out of 5

Prodi: «Recovery Fund, ci vuole un’Authority. Unità nazionale impossibile, troppe liti»

giovedì, Gennaio 14th, 2021

di Mario Ajello

Professor Romano Prodi, adesso che cosa accadrà?
«Difficilissimo fare previsioni. Perché lo scontro è diventato anche personale. E nessuno dei protagonisti sembra avere una strategia chiara. Il punto vero, al di là di tutto, è il Recovery Fund». 


Lei è stato critico, su questo, nei confronti di Conte. 
«Sì, lo sono stato. Ma l’ultimo testo è molto migliorato. Le 172 pagine del documento contengono finalmente un piano organico e corrispondente a quello che vuole l’Europa. E, finalmente, è anche scritto in un buon italiano. Indica i grandi capitoli di spesa e sposta risorse dagli incentivi agli investimenti. Adesso però viene il difficile: tradurre questo schema corretto nei progetti concreti da mettere in atto».

Governo di scopo/L’accordo che serve per superare l’emergenza


Potrebbe essere un buon inizio per il Conte Ter?
«Perché lei ha già la formula di un nuovo governo? L’importante è dare subito vita a un organismo necessario per mettere in atto le decisioni. Con l’indicazione di un’autorità ben definita che si occupi dei progetti, specificandone tempi e modi di realizzazione. E va stabilito con nettezza chi deve controllare l’esecuzione e chi deve assumersi la responsabilità di questi progetti. Il piano francese può valere come modello».


Come funziona il piano francese? 

«Si potrebbe dire che è un piano estremamente elementare: questo tratto di ferrovia costa tot, i lavori devono essere finiti entro il giorno X, l’autorità sorvegliante è questa e quest’altra è invece l’autorità esecutiva. Per fare questo abbiamo ancora tempo, ma occorre che ci sia un organismo responsabile di tutti questi processi e che sia in collegamento continuo con Bruxelles».

Rating 3.00 out of 5

Mattarella vuole maggioranze solide. Il Colle in attesa fino al 20 gennaio

giovedì, Gennaio 14th, 2021

Massimiliano Scafi

Lo guarda fisso negli occhi, scuote appena la testa e gli spiega che ha sbagliato tutto. «Devi fare un’altra apertura.

Devi uscire velocemente, anzi subito, da questa condizione di incertezza». Insomma, caro Conte, se vuoi salvare il governo ti tocca fare marcia indietro e cercare di recuperare Renzi. E scordati i giochetti parlamentari. «La situazione della pandemia è allarmante», ricorda infatti il capo dello Stato, non si può pensare di governare il Paese con qualche responsabile sparso: serve una maggioranza «solida». E più che un consiglio, quella di Sergio Mattarella è una piccola lezione di politica, condensata un faccia a faccia a metà mattina. Quando esce, il premier ripete quasi parola per parola il verbo quirinalizio: «Lavorerò fino all’ultimo per rafforzare la coalizione e mi auguro che si possa siglare un patto di legislatura. Il governo deve avere basi solide, non può prendere un voto qua e uno là».

Ecco. Ma per Matteo Renzi è troppo poco e troppo tardi, le ministre di Italia Viva si dimettono e la crisi si apre anche dal punto di vista formale. La palla però non è ancora al Quirinale, dove aspettano a breve un’altra visita di Conte. Riconsegnerà il mandato? Andrà alle Camere? Chiederà tempo per cercare di ricucire, come gli suggerisce Mattarella? Non tanto, giusto qualche giorno per verificare se ci sono margini. Nonostante tutto lo spazio per una mediazione sembra esistere ancora, il Rottamatore ha rotto ma non ha rottamato la coalizione. Ha persino assicurato il voto al Recovery, allo scostamento di bilancio, ai ristori, agli altri provvedimenti per l’emergenza della pandemia. Se il presidente del Consiglio troverà il modo di andare a Canossa, Iv potrebbe trovare il modo di far sopravvivere la maggioranza, forse persino Conte. «Nessuna pregiudiziale sui nomi», giura il senatore di Firenze, e magari è un altro modo di dire «Giuseppe stai sereno».

In questo scenario fluido di una crisi dichiarata e non concretizzata, Mattarella si muoverà come al solito con prudenza e «risolutezza». La prima mossa sarà quella di stendere una rete protettiva sul Paese, cercando di assicurare, comunque vada, una presenza e una continuità sulla gestione del Covid e dell’economia. Per il Colle le turbolenze della politica interna non possono mettere a rischio l’accesso al Recovery Plan: le nostre «fragilità strutturali» sono troppo gravi, non ci possiamo7 permettere di perdere l’occasione per rilanciare l’Italia. La gente, già distante dai riti del Palazzo, non «reggerebbe». C’è il pericolo di uno scollamento sociale.

Rating 3.00 out of 5

Lo stupore dall’estero per la crisi nella crisi: “Una lite tra due adolescenti permalosi”

giovedì, Gennaio 14th, 2021

Angelo Allegri

Questa volta spiegarla all’estero sarà dura. Non che governi e osservatori stranieri si aspettino livelli di apprezzabile razionalità da un crisi di governo italiana («in fin dei conti sono 66 dal 1946 a oggi» scherzava ieri un giornalista tedesco).

Ma l’ultima rischia di superare ogni limite. E lo stupore con cui si guarda all’ennesima capriola della politica romana si riflette nei commenti della stampa internazionale.

«Nel mezzo di una crisi sanitaria ed economica che ha provocato la peggiore perdita di vite umane dalla Seconda guerra mondiale, nemmeno gli italiani riescono a capirci nulla», scriveva ieri il sito Politico.com.

Dal punto di vista economico la delicatezza del momento era sintetizzata qualche settimana fa da un articolo di Le Figaro: l’Italia ha il 13,2% del Pil europeo, ma sarà la prima destinataria degli aiuti anti-pandemia decisi a Bruxelles, visto che porta a casa il 28% del pacchetto, scriveva il giornale francese. «La Penisola ha un’occasione storica per recuperare il ritardo di crescita dell’ultimo decennio. Saprà approfittarne? E se sì, come?»

La risposta rischia di essere espressa dalla perdita di valore sui titoli italiani, con relativo rialzo dei rendimenti, segnalata sui mercati già da martedì. Con i conseguenti commenti degli operatori: «Se Renzi manterrà la promessa di ritirare i ministri ci saranno perdite non solo in Italia ma in tutta l’eurozona», diceva Thomas Altmann, consulente della società di investimento QC Partner, citato dalle agenzie internazionali.

Come in un gioco dell’oca siamo, dunque, di nuovo da capo. L’Italia, destinataria del maggiore sforzo Ue per la ripresa post-virus, e osservata speciale per difficoltà economiche e incapacità della politica, torna ad essere vista come un rischio per l’intera Europa.

Rating 3.00 out of 5
Marquee Powered By Know How Media.